Soffri anche tu di sexsomnia? Meglio capirlo subito: ecco cos’è

Non sei curioso di sapere se anche tu soffri di sexsomnia? Meglio scoprirlo subito e capire se anche il tuo partner potrebbe averla!

Una parola curiosa per definire una condizione che può creare veramente non pochi problemi.

sexsomnia
(fonte: Canva)

Oggi abbiamo deciso di provare a conoscere meglio una condizione che si crea durante le ore notturne e che può rendere la vostra relazione… beh, bollente o meno.
Chissà se ne soffri anche tu o se ne soffre il tuo partner?

Sexsomnia: ecco che cos’è

Hai mai pensato fosse possibile fare l’amore… durante il sonno?

sexsomnia
(fonte: Canva)

La sexsomnia è quanto si avvicina di più a questo tipo di idea: avere rapporti sessuali (o pensare di averne) durante le ore della notte è una realtà!
Fortunatamente, solo per alcune persone: se tutti fossimo sexsomnia nessuno chiuderebbe più un occhio!

Noi scherziamo ma la sexsomnia è una patologia e come tale andrebbe trattata.
Ma di cosa si tratta precisamente?
Le persone che soffrono di sexsomnia soffrono di un disturbo del sonno che possiamo definire veramente molto particolare.
Chi ne soffre mette in atto delle pratiche sessuali durante la fase REM del sonno: i risultati possono essere molto buffi, almeno ad una prima impressione.
(Non parliamo di pillow princess, di cui ti abbiamo spiegato tutto qui, ma di un vero e proprio “disturbo” del sonno!).

Quello che succede, però, è che la persona che dorme inizia a attuare tutta una serie di atteggiamenti decisamente… sensuali!
Si parte magari dalle parole: una serie di “discorsi” o gemiti sessuali che possono essere molto comuni ma che nel caso di chi soffre di sexsomnia sono decisamente un primo campanello d’allarme.
Altri sintomi di questa parasonnia (cioè un disturbo del sonno codificato) sono poi le movenze sessuali che possono essere dirette verso gli altri o verso sé stessi, arrivando addirittura alla masturbazione oppure vere e proprie spinte pelviche che richiamano il movimento di un rapporto intimo vero e concreto.
Hai mai notato atteggiamenti del genere dal tuo partner addormentato?

Che cosa fare se ne soffri o se conosci qualcuno che ne soffre

Siamo sicuri che, al leggere di questi sintomi, non ti sei preoccupato più di tutto.
Tutti, chi più e chi meno, abbiamo fatto dei sogni erotici (speriamo che non siano incubi erotici che sono piuttosto frequenti e di cui ti abbiamo parlato qui) e tutti ci siamo svegliati avendo capito dopo di aver “fatto” qualcosa.

Se tu od il tuo partner soffrite di sexsomnia, però, la situazione può complicarsi e presto.
Non parliamo dell’imbarazzo o della stranezza di fare delle movenze intime mentre si è addormentati o verso a persone altrettanto nel mondo dei sogni.
Il rischio di sentirsi inopportuni e molesti è altissimo!
Si passa, poi, alla mancanza di sonno: la sexsomnia, dopotutto, è un disturbo del sonno in grado di influire sulla qualità del tuo riposo e questo non è mai un bene, ovviamente!

Nella coppia, poi, la sexsomnia può provocare dei veri e propri disagi e squilibri di cui, magari, non si riesce a parlare per bene.
Insomma, tutta una serie di piccoli problemi che possono diventare veramente molto grandi!
Se ti è capitato o pensi di avere a che fare con un proprio disturbo del sonno di questo tipo, il nostro consiglio è solo uno.
Parla con un medico: magari prima con il tuo medico di famiglia che potrebbe indirizzarti da uno specializzato o aiutarti a capire meglio qual è il tuo problema.
Ci sono varie tecniche e possibilità da affrontare per risolvere il problema.
Adesso dicci, però: pensi di soffrire di sexsomnia?