Al via la sandalo mania: 3 errori da non commettere con quelli bassi

L’estate è ormai alle porte ed ormai quasi tutte abbiamo tirato fuori dalla nostra scarpiera i nostri amatissimi sandali bassi, ma occhio a non commettere uno di questi 3 errori quando li indossi.

I sandali sono uno di ciò che ci piace di più dell’estate, ammettiamolo, e nella nostra wishlist di questo periodo non possono mancare le it shoes.

errori sandali bassi
Pinterest Photo

Quando il caldo inizia a farsi sentire, abbiamo solo voglia di iniziare a sfoggiare look freschi, ma al contempo sempre originali.

Ed in questo vengono in nostro soccorso i nostri sandali bassi: una delle gioie dell’estate resterà sempre quella di poter incontrare di nuovo le calzature che abbiamo abbandonato a sé stesse nella nostra scarpiera ormai quasi un anno prima.

Ci erano mancate, le avevamo desiderate, avevamo pensato spesso a loro e adesso finalmente possiamo ricongiungerci a loro.

In alternativa, possiamo anche acquistarne di nuove (che non è mai un male). Che siano sandali alla schiava, mules, Dr Martens, ciabattine, infradito, modelli chunky con fibbie a strappo. e chi più ne ha più ne metta, cosa c’è di meglio della moda che incontra la comodità?

Sì, perché i sandali con il tacco sono quasi sempre sofisticati, chic, ma quelli bassi sono il perfetto punto di incontro tra ricercatezza e praticità.

I modelli flat, infatti, sono glamour esattamente come quelli con tacco, platform, con zeppe e chi più ne ha più ne metta. Quindi se credi di dover scegliere tra l’essere alla moda e lo stare comoda, non pensarci più ed investi su questo modello.

E c’è di più: esistono talmente tanti tipi di modelli, che possiamo praticamente indossarne uno diverso in ogni occasione.

Per uscire tutti i giorni possiamo optare per la versione basic, così come per una serata elegante possiamo scegliere un paio gioiello. Allo stesso modo, possiamo sceglierne un paio con borchie per un’allure rock oppure un paio alla schiava per un look wild.

E possiamo anche giocare sui colori: da tonalità neutro (come il bianco, il nero, il beige), possiamo arrivare a nuance accese, come quelle fluo, ma possiamo anche decidere se indossarne un paio monocolore, oppure multicolour. Saremo comunque sempre impeccabili.

E non finisce qui, perché se preferiamo, possiamo anche optare per scarpe che coprono leggermente le dita (adattissimi a chi non ama scoprire del tutto i piedi, ma vuole comunque combattere il caldo).

In ogni caso, quando indossiamo i nostri sandali bassi dovremmo fare attenzione a non commettere degli errori di stile che potrebbero rovinare tutto lo sforzo che abbiamo fatto: eccone 3 di seguito da non commettere.

3 errori da non commettere quando indossiamo i sandali bassi

Il primo errore da non commettere – sembra banale dirlo, ma basta guardarsi intorno per capire che non tutte la pensiamo così – è questo: non indossare mai né calze né calzini sotto i sandali bassi.

errori sandali bassi
Pinterest Photo

Sappiamo benissimo che quest’anno (ma in realtà da tempo immemore) ci siamo trovate a confrontarci – e, ahinoi, scontrarci – con una delle tendenze più controverse della storia della moda: l’accoppiata sandali – calzini.

La moda voleva forse dimostrarci che possiamo liberarci dei tabù e che nello street style tutto è concesso.

Ci aveva pensato Diletta Bonaiuti, ad esempio con un abito in maglia ed un chiodo in pelle a darci una lezione di moda ed insegnarci che il team sandalo – calzino era più ricco di quanto credessimo.

E non solo, perché la schiera di modelle, celeb e persone comunissime che hanno optato per questa combo era fittissima.

C’è un però che non possiamo sottovalutare: non possiamo farlo con tutti i sandali e dobbiamo essere bravissime ad inserirlo all’interno di outfit giusto per accogliere questo duo.

Innanzitutto dovremmo scegliere un modello adatto, che tendenzialmente ha il tacco, quindi escludiamo i sandali bassi già a priori. L’unica eccezione sono le Dr Martens (Nadine Tosun insegna).

Poi occhio all’outfit: sì allo street style e assolutamente no a look eleganti con calzino in bella vista. Questo sarebbe un errore di stile gravissimo.

Il secondo errore è pensare che i sandali bassi debbano essere abbinati sempre e solo con capi estivi, come gonne, minigonne, shorts.

Sbagliatissimo. Prova ad osare, indossandoli, ad esempio, ad un tailleur per una giornata di lavoro estiva in cui il caldo diventa il nemico numero uno ed abbiamo bisogno di scoprire almeno qualche parte del corpo.

Il risultato sarà un’allure grunge, urban, ma comunque pur sempre elegante. L’importante è scegliere un modello adatto.

Ad esempio, se vuoi essere comunque raffinato e vuoi indossarli per una riunione, evita dei sandali infradito, che saranno invece indicatissimo sotto un bel pantalone palazzo, magari con un crop top.

Il terzo ed ultimo errore è forse il peggiore tra i tre e riguarda in realtà tutti i tipi di sandali: mai mostrare i piedi senza la pedicure fatta.

Questo non significa che siamo obbligate ad essere sempre super perfette, ma che comunque la prima regola di stile è l’ordine.

Secondo moltissime donne, uscire con lo smalto beccato – che sia quello delle mani oppure dei piedi – sintomo di sciatteria ed in effetti non possiamo dare torto a chi avanza questa tesi.

Quindi se vuoi indossare dei sandali – bassi oppure alti fa poca differenza – evita di uscire senza aver fatto una bella pedicure.

Se invece puoi scoprire quali sono gli errori da non commettere quando indossi i sandali con tacco, ecco la nostra guida.

In ogni caso, la moda impone sempre schemi che possono essere modificati, quindi l’importante è assecondare sempre i propri gusti.