Ti prepari spesso il pranzo per il lavoro? Ecco gli errori che dovresti evitare

Scopri come realizzare un buon pranzo da portare al lavoro, evitando gli errori più comuni ed insidiosi. Il risultato ti sorprenderà!

Prepararsi il pranzo da portare con se al lavoro è sicuramente un modo più economico e sano di gestire la propria alimentazione. Evitando di mangiare di continuo al bar o alla mensa e rinunciando a merendine e intigoli vari, si riesce infatti a mantenere più facilmente la linea, a contenere le spese e a mantenersi sani e attivi sul lavoro.

pranzo lavoro errori
(adobe stock photo)

Affinché tutto ciò avvenga è però necessario imparare ad evitare alcuni degli errori più comuni che si fanno in ta senso. Solo così, infatti, si potrà godere di un pranzo portato da casa che sia buono, che invogli a mangiarlo e che aiuti a caricarsi di nuova energia e di rendere al meglio sul lavoro. Ecco, quindi, quali sono gli errori che dovresti smettere di compiere per un risultato davvero unico.

Pranzo per il lavoro: gli errori da non fare mai più

Se anche tu sei un’amante dei pranzi da portare al lavoro ma non riesci mai ad ottenere i risultati che desideri, sei nel posto giusto.

pranzo lavoro errori
(adobe stock photo)

Oggi, infatti, ti mostreremo come evitare di cadere nel banale, di preparare cibi poco adatti al consumo da asporto e a variare il più possibile. Tutte prerogative che renderanno i tuoi pasti così buoni da attirare su di te l’invida dei tuoi colleghi.

Inserire cibi a caso

Il primo sbaglio (nonché il più comune) che tutti fanno è quello di inserire cibi a caso in un contenitore. Per mangiare qualcosa di buono serve anche una certa cura all’estetica. E anche se non miri alla bellezza dei famosi bento box giapponesi, puoi almeno puntare a qualcosa che sia appetibile. Meglio, quindi, dedicare un attimo di attenzione a ciò che prepari e suddividere la tua lunch box in sezioni in cui posizionare carboidrati e proteine separatamente. Abbinare tra loro i cibi giusti è un’abitudine che si acquista facilmente. E nel giro di poco tempo ti scoprirai a pensare con una punta di divertimento ai tuoi prossimi pasti.

Optare sempre per il panino è uno degli errori più comuni del pranzo per il lavoro

Abbiamo parlato di alimentazione sana e se un panino (meglio se integrale) ogni tanto va bene, questo non significa doverlo mangiare tutti i giorni. Se desideri del pane, puoi optare per una o due fette di quello tostato, per dei crostini da gustare nell’insalata o per un piccolo panino al latte volto ad impreziosire la tua scatola del pranzo. Le opzioni allettanti tra cui scegliere sono infatti tantissime e vanno dai rotoli di frittata, alle insalate di riso, fino alle scatole composte (proprio alla giapponese) in cui inserire del riso, del pollo arrostito, delle verdure saltate in padella la sera prima e qualcosa di sfizioso che ti spinga ad attendere la pausa pranzo con maggior carica.

Condire tutto da subito

Ci sono cibi che si possono condire sul momento ma nella maggior parte dei casi farlo ti porterà a mangiare pietanze unte con verdure mosce e, più in generale, dal sapore poco gradevole. Per ovviare al problema puoi conservare il condimento in un piccolo contenitore e aggiungerlo alla fine. In questo modo, ciò che mangi ti sembrerà appena preparato, ti donerà un sentore di fresco davvero gradevole e risulterà persino più interattivo.

Ora che hai capito come muoverti per ottenere dei pranzi più buoni che mai, eseguirli sarà ancora più semplice e divertente e con il tempo ti chiederai come hai fatto ad aspettare tanto prima di concederti un tale lusso a basse spese.