4° anniversario per Harry e Meghan: tutte le curiosità sul loro matrimonio

Harry e Meghan sono giunti al quarto anniversario di nozze e il loro matrimonio rimarrà uno dei più iconici del secolo: sei sicura di sapere tutto su quell’evento?

Il secondo Royal Wedding degli anni 2000 è stato il primo a essere celebrato nell’era in cui i social monopolizzano gran parte della comunicazione mondiale. Anche per questo motivo divenne un evento assolutamente unico nel suo genere.

matrimonio harry e meghan
(Instagram)

Seguendo alla lettera il protocollo reale, Harry e Meghan si erano fidanzati ufficialmente il 27 Novembre 2017, quindi poco meno di sei mesi prima che il matrimonio venisse celebrato.

Harry e Meghan avevano cominciato a frequentarsi nel 2016 e, come avviene sempre in questi casi, avevano mantenuto la propria relazione assolutamente top secret. Harry, in particolare, voleva evitare di essere assediato dai paparazzi come accadeva a Lady Diana.

Secondo le indiscrezioni che negli anni sono piovute sulla coppia, Harry e Meghan vennero presentati da un’amica comune e nel giorno del loro primo appuntamento Meghan indossava lo stesso profumo di Lady Diana.

L’anello di fidanzamento ricevuto da Meghan venne disegnato dallo stesso Harry, che decise di creare una magnifica composizione con diamanti provenienti dall’Africa, luogo a cui entrambi sono molto legati, che rappresenta le origini della madre di Meghan ma anche l’impegno umanitario di Diana.

Dopo il quarto anniversario di matrimonio Harry e Meghan hanno ancora qualche segreto?

Data la rilevanza mediatica dell’evento e l’enorme affetto del pubblico di cui Harry godeva all’epoca, tutti i giornali di cronaca rosa si gettarono a capofitto sulla copertura del Royal Wedding.

harry e meghan foto matrimonio
(Instagram)

GLI INVITATI: come si sa, l’Abbazia di Westminster, dove il matrimonio venne celebrato il 19 di Maggio 2018, era piena di persone provenienti dalla nobiltà di tutta Europa e dallo star system internazionale. Se di certo c’erano tutti i parenti più prossimi di Harry, non c’era nessun parente di Meghan se non sua madre Doria Garland, che per l’occasione acconciò i capelli nei tradizionali dreadlocks.

famiglia meghan markle
(Instagram)

Il padre di Meghan, Thomas Markle, non assistette alla cerimonia per “problemi di salute”. In realtà Meghan e Thomas erano in rotta da diverso tempo, soprattutto a partire dal momento in cui Thomas si fece fotografare dai paparazzi mentre acquistava un abito da cerimonia per andare al matrimonio della figlia. L’uomo fu accusato di volersi approfittare della situazione per far soldi e infine fu escluso dalla cerimonia. Anche i suoi figli, fratellastri di Meghan, non furono invitati. Anni dopo Samantha Markle passò addirittura a denunciare la sua sorellastra per diffamazione.

LO STRASCICO DI MEGHAN: contrariamente a quello di Diana, super pomposo e in linea con la moda degli anni Ottanta, l’abito di Meghan Markle era estremamente semplice nelle linee e privo di decorazioni.

A renderlo davvero speciale fu il lunghissimo strascico (lungo cinque metri e largo tre), che era decorato lungo il bordo con preziosissimi ricami che rappresentavano i fiori tipici di tutti i Reami del Commonwealth a cui vennero aggiunti il papavero della California (per ricordare le origini di Meghan) e il calicanto che cresce nei giardini di Kensington Palace, dove Harry è nato.

LA TIARA DI MEGHAN: la tiara indossata da Meghan Markle è una preziosissima tiara di diamanti conosciuta con il nome di Art Decò Tiara.  

Venne realizzata nel 1932 per la Regina Mary, nonna della Regina Elisabetta II. La tiara venne progettata a partire dalla spilla che rappresenta la rosa centrale della coroncina. Nonostante la sua ricchezza, la tiara venne indossata solo pochissime volte dalla Regina Mary e mai in grandi occasioni pubbliche. Alla morte della nonna, la Regina Elisabetta ereditò, insieme a molti altri, anche questo gioiello.

La tiara però non è famosa solo per la sua storia: è famosa anche perché non era quella che Meghan aveva scelto. Meghan avrebbe voluto indossare la tiara con smeraldo che, però, era stata già promessa a una Principessa di sangue reale, la Principessa Eugenie, nipote diretta della Regina.

Alla fine Meghan dovette “ripiegare” sulla tiara art decò e fece di tutto per provarla prima del matrimonio, presentandosi senza avvertire alla guardarobiera della Regina. Quando Harry scoprì che la sua futura moglie non avrebbe potuto provare il gioiello a causa delle regole di sicurezza, pronunciò le famose parole “Ciò che Meghan vuole Meghan lo ottiene”. 

Le cose non andarono affatto così, almeno in quell’occasione, e Meghan dovette attendere le prove ufficiali già programmate per indossare la sua tiara per la prima volta.

tiara meghan
(Instagram)

IL PRINCIPE CARLO E I VOTI DI MEGHAN: dal momento che suo padre non era presente alla cerimonia, Meghan non aveva nessuno che potesse accompagnarla all’altare. Per questo motivo chiese che fosse il Principe Carlo a potarla fino a metà della navata. 

Il Principe Carlo accettò l’invito con grande emozione e, giunti a metà strada, lasciò che Meghan arrivasse all’altare da sola. Perché questa scelta così inconsueta? Si disse che fu una scelta femminista. Meghan voleva rappresentare in questo modo di non aver bisogno di un uomo per completare il suo percorso e non voleva “essere concessa in sposa”, ma “scegliere” chi sposare.

voti di Harry e Meghan ripresero quelli pronunciati da Carlo e Diana nonché da William e Kate. In questi voti più “moderni” la donna non promette più solennemente di obbedire al marito, ma “solo” di rimanere al suo fianco per tutta la vita.

I fan sfegatati di Meghan oggi affermano che la scelta dell’attrice sia stata rivoluzionaria e che abbia voluto “avvicinarsi” a Diana ripetendo i suoi voti. La realtà è che all’epoca era una tradizione giovane ma già ben consolidata nella Famiglia Reale.

LA FAMIGLIA REALE CHE RIDE: su una cosa la cerimonia del matrimonio di Harry e Meghan fu davvero rivoluzionaria. Fu la prima a essere celebrata alla maniera americana da un pastore anglicano di origini africane.

Lo stile dell’orazione fu così “agitato”, così “movimentato” e così distante dalle abitudini degli inglesi che i reali cercarono disperatamente di nascondere la voglia di ridere durante la celebrazione. Pur non volendo mancare di rispetto al pastore,  pensavano chiaramente che le usanze degli americani in fatto di religione fossero un tantino imbarazzanti.

LA FACCIA DELLA REGINA: se tutti gli altri cercavano disperatamente di non ridere, la Regina non rideva affatto. Divenne famosa una fotografia in cui Sua Maestà guardava Meghan seduta all’altare con uno sguardo che avrebbe incenerito chiunque. Si disse, allora, che la Regina aveva già capito che le cose sarebbero andate malissimo. E infatti …