Allerta pesticidi nella pasta: si ‘salva’ solo un marchio italiano, occhio alla dispensa

I pesticidi usati in agricoltura possono lasciare pericolosi residui nella pasta: dopo i controlli solo un marchio italiano è risultato sicuro.

Quando si parla di agricoltura biologica si intende un tipo di agricoltura che fa a meno dei pesticidi chimici e di molti altri prodotti industriali che possono nuocere all’ambiente.

pasta glifosato
(Canva)

Naturalmente, a causa di queste scelte, i prodotti dell’agricoltura biologica sono più sani ma costano molto di più. Per questo motivo la maggior parte dei consumatori acquista abitualmente prodotti industriali non biologici, cioè che adoperano materie prime coltivate anche grazie all’impiego di prodotti chimici.

Qual è la conseguenza? Che molto spesso, anche senza esserne consapevoli, portiamo in tavola prodotti che contengono tracce di prodotti chimici nocivi e in particolare di pesticidi.

Dal momento che la pasta è uno degli alimenti che gli italiani consumano più spesso è molto importante sapere di quali marchi ci si può fidare e quali, invece, contengono tracce di pesticidi e di altre sostanze chimiche dannose per la salute dei consumatori.

La pasta italiana senza pesticidi? Quella di un solo marchio

Al fine di tutelare i consumatori le aziende produttrici di generi alimentari vengono periodicamente sottoposte a rigidi controlli. Uno di questi, molto recente, ha evidenziato dei dati preoccupanti.

pasta allerta
(Canva)

Il controllo in questione ha riguardato ben 18 diversi marchi produttori di pasta, tutti commercializzati in Europa e alcuni anche in Italia. I suoi risultati sono stati pubblicati nella rivista svizzera specializzata K – Tipp.

L’obiettivo dei ricercatori era individuare e quantificare la presenza di glifosato (uno dei pesticidi più diffusi ma anche considerati più pericolosi per la salute umana).

Purtroppo dei marchi esaminati solo uno è risultato completamente privo di glifosato, anche non utilizzando grano proveniente da agricoltura biologica.

Si tratta della Pasta Barilla. Ai fini dei controlli di sicurezza sono stati esaminati due diversi formati di pasta, uno prodotto con grano duro e uno prodotto con grano integrale.

Sia gli spaghettoni sia le penne rigate integrali hanno superato il test a pieni voti, quindi possono essere considerati prodotti assolutamente sicuri per la salute del consumatore.

Come se non bastasse, la pasta Barilla è risultata anche priva di Pirimifos – metile. Questa sostanza viene utilizzata per liberare le coltivazioni dalle piante infestanti e le piante di specie indesiderate (le classiche “erbacce”).

Purtroppo però questa sostanza ha pesanti conseguenze sugli ecosistemi naturali, poiché avvelena i terreni e le acque presenti nelle coltivazioni, con gravi conseguenze anche sulla salute degli animali acquatici. Come se non bastasse, questa sostanza può anche danneggiare i polmoni umani.