Supplì al telefono: trucchi e segreti per farli eccezionali

I supplì di riso sono un tipico antipasto della cucina romana: scopriamo come fare quelli al telefono con questi trucchi e segreti.

Tipici della cucina laziale e in particolare di quella romana i supplì di riso, o anche detti supplì al telefono sono un delizioso e succulento antipasto. Perfetti da servire anche per il pranzo di Pasqua o Pasquetta, sono dei rustici finger food da consumare anche freddi.

supplì al telefono
Fonte: Canva

Come tutte le ricette anche dei supplì di riso esistono diverse versioni, c’è chi li prepara bianchi, quindi senza aggiungere salsa di pomodoro, chi li fa semplici solo con pomodoro e mozzarella e poi ci sono i classici al ragù e mozzarella.

Quelli al telefono hanno la particolarità di filare in mezzo e quando si aprono a metà le due parti del supplì vengono tenute insieme dal filo di mozzarella. Ma quali sono i trucchi e segreti per farli eccezionali? Scopriamoli.

Con questi trucchi i supplì al telefono saranno eccezionali

Simili agli arancini siciliani i supplì sono una sorta di polpetta dalla forma allungata, a base di riso, e tipici della cucina romana. Il nome deriva dal francese ‘surprise’ che significa sorpresa.

supplì al telefono
Fonte: Canva

Per prepararli occorre cuocere il riso nel sugo di carne, quindi si aggiunge del pecorino romano, uova, e in mezzo ad ogni supplì si mette un pezzo di mozzarella per creare il famoso filo da cui anch’essi prendono poi il nome di supplì al telefono.

Non tutti però conoscono trucchi e segreti per realizzare supplì al telefono eccezionali: scopriamo subito quali sono.

1) Scelta del riso giusto. Il primo passo da fare è scegliere il riso giusto: dal vialone nano al carnaroli, passando per il Roma. Basta cuocere il riso in anticipo e poi lasciarlo riposare in frigorifero. In questo modo raggiungerà la giusta consistenza per la realizzazione dei supplì.

2) Cottura del riso. Il riso non dovrà essere cotto ma dovremo lasciarlo leggermente al dente, anche perché poi dovremo friggere i supplì quindi verrà cotto di nuovo. Ecco perché non dovremo stracuocerlo altrimenti la consistenza del riso sarà spappolata.

3) Cuocere il riso nel sugo. Un altro accorgimento è quello di cuocere il riso direttamente nel sugo di carne e non bollirlo a parte. In tal caso dovremo man mano aggiungere il brodo per fare in modo che il riso raggiunga la cottura ottimale.

4) L’interno deve filare. Come detto i supplì si dicono al telefono proprio perché all’interno hanno questa particolarità di avere un filo di mozzarella filante. Per fare in modo che venga perfetto possiamo utilizzare sia la mozzarella per pizza che quella normale, in tal caso però dovremo farla sgocciolare altrimenti rischiamo che al centro il supplì risulti annacquato. Un altro trucco è tagliare la mozzarella a bastoncino e disporla lungo tutta la lunghezza del supplì quando lo andiamo a preparare.

5) Doppia panatura. Un altro importante aspetto del supplì è indubbiamente la crosticina all’esterno. Per ottenere la croccantezza tipica dovremo realizzare una doppia panatura. In tal caso dovremo passare il supplì nell’uovo e poi nel pangrattato e poi ancora nell’uovo e di nuovo nel pangrattato.

6) Friggere subito. Una volta che abbiamo impanato i supplì meglio non attendere troppo per friggerli. Se invece vogliamo prepararli in anticipo meglio ripassarli una volta solo nel pangrattato prima di friggerli.

7) Scegliere l’olio giusto. Infine, l’ultima regola è scegliere l’olio giusto per friggere. Il migliore è quello di arachidi perché ha un punto di fumo a 180°C. Non solo, l’olio dovrà essere abbondante perché i supplì dovranno friggere a immersione altrimenti saranno unti e poco croccanti.