Ex maestra di Amici racconta il dramma vissuto: confessione choc

Una ex insegnante storica di Amici ha raccontato il dramma da lei vissuto quando era solo una bambina. Ecco di chi si tratta.

È stata una delle insegnanti di recitazione più amate e benvolute dal pubblico, grazie alla sua naturale simpatia e al suo talento davvero fuori dal comune. Ormai è un po’ che non la si vede nei panni di insegnante, ma la talentuosa attrice ha recentemente raccontato un dramma del suo passato davvero terribile con il quale è costretta a fare i conti ogni giorno, sebbene siano passati molti anni. Ecco il dramma vissuto dalla ex insegnante di Amici.

amici logo
Fonte: web

La conosciamo tutti come l’ex insegnante di recitazione di Amici e ha rivestito questo ruolo nei primi anni di messa in onda del programma. La sua carriera di attrice, però, è stata lunghissima e il suo talento le ha permesso di collaborare con i più grandi attori e registi italiani. Una vita vissuta sempre al massimo ma che le ha riservato anche molta sofferenza. Ecco il trauma vissuto dalla ex insegnante di Amici.

Il dramma di una ex insegnante di Amici

Stiamo parlando della splendida attrice (soprattutto teatrale) Fioretta Mari, recentemente ospite a Oggi è un altro giorno, trasmissione che, negli anni, ha ospitato molti protagonisti del mondo dello spettacolo che hanno raccontato i loro drammi personali.

fioretta mari
Fonte: Rai

Nel salotto di Serena Bortone la 79enne ha rivelato di essere stata violentata alla tenera età di 9 anni da un uomo affetto da sifilide (un trauma vissuto anche da quest’altra nota soubrette). “A Collodi, i miei genitori mi portavano sulle giostre. Avevo nove anni e mezzo. Salii sul trenino con il guidatore e a metà percorso il signore mi portò su un lettino pieno di soldi: lui si spogliò, mi ha sbattuto sul letto e non ho reagito”, ha raccontato la Mari a una sconvolta Bortone. Fioretta non sa però spiegarsi il motivo della sua mancata reazione di fronte all’aggressione.

“Poi, è arrivato un bambino che l’ha fatto scappare. Ha avuto però il tempo di storcermi un capezzolo e mi ha riempito di una cosa che è meglio non dire. Intanto i miei sono arrivati e hanno capito cosa fosse successo: io per tre giorni non riuscii a parlare. Il punto è che questa persona era affetta da sifilide, fortunatamente non l’avevo contratta”. Un racconto davvero straziante, che Fioretta ricorda ancora con immenso dolore. Tuttavia, l’attrice ha ammesso di non saper portare rancore, perché “si vive troppo poco per perdere tempo ad avere rancore. È molto più bello essere felici, volere bene, essere amati” e ha aggiunto: “Io non sono ricca, non ho una lira, ma sono ricca di stima da parte dei miei giovani”.