Menù della domenica, piatti della tradizione e di recupero: la tavola è più bella

Menù della domenica con tre ricette di recupero per le feste o per un pranzo in famiglia e in compagnia e allegria

Un pranzo della domenica pasquale che possiamo replicare intatto tutto il resto dell’anno. Piatti della tradizione e di recupero, bellissimi da presentare in tavola e buonissimi da mangiare.

Menù della domenica
canva

Menù della domenica vince il recupero

Erbazzone emiliano

Cucinare con tutto quello che produce la terra:in fondo le ricette più buone sono queste, perché nascono dalla saggezza popolare e così sono arrivate fino ai giorni nostri Come l’erbazzone emiliano, una torta rustica speciale nella sua semplicità.
Tutto quello di cui abbiamo bisogno è una pasta brisé, fatta in casa oppure comprata già pronta, e della verdura a foglia verde come bietole e spinaci (ma c’è chi mette solo l’uno o l’altro). Poi il parmigiano reggiano, che dalle parti di Reggio Emilia finisce dappertutto, dell’olio extravergine e un po’ di prezzemolo.

Se non abbiamo comprato la pasta già fatta, prepararla da sole sarà facilissimo:farina,strutto e sale in una ciotola, si mescola e dopo aver aggiunto l’olio dobbiamo lavorarla unendo anche l’acqua. L’impasto deve riposare ma intanto prepariamo il ripieno
Le verdure devono passare velocemente in padella e poi andranno stese sulla apsta in una teglia da forno. Chiudiamo,spennelliamo con l’uovo e facciamo cuocere fino a quando l’erbazzone diventa dorato.

Rustico e buonissimo, il vero erbazzone emiliano è un piacere per tutti

Cannelloni amalfitani

Un’altra ricetta che arriva dalla tradizione, un altro ripieno. I cannelloni amalfitani sono il primo piatto ideale per un pranzo importante: la base non è fatta di pasta fresca ma di crespelle e la loro particolarità è tutta qui.
Le crespelle sono quelle classiche, con farina, uova e latte, fatte cuocere in padella e tenute da parte. Al loro interno inseriremo un ripieno a base di macinato di vitello, mozzarella e besciamella (anche in questo caso preparata con le nostre mani o già pronta). E per condire, una salsa al pomodoro aromatizzata con il basilico.
Ci sono più passaggi da seguire,ma sono tutti facili e alla fine avremo per le mani un primo piatto di grande impatto visivo ma soprattutto buonissimo, da applausi.

Non sono i soliti cannelloni, questi hanno una marcia in più

Rotolo di colomba senza cottura

Per chiudere questo pranzo della domenica, un dolce o meglio un rotolo dolce. Una ricetta che nasce dalla voglia di non sprecare nulla e in questo caso la protagonista è la colomba pasquale. Ma allo stesso modo possiamo riutilizzare il pandoro nelle feste di Natale oppure il pan di Spagna tutto il resto dell’anno.
All’interno della colomba metteremo una generosa dose di Nutella (o altra crema spalmabile alla nocciola). E per farcire, un mix di panna, mascarpone, zucchero a velo e granelle miste di frutta secca. Non basta? Vero, c’è anche il cioccolato fondente.

Cosa fare quando avanza la colomba? Preparare un rotolo speciale

Buon appetito