Il tuo olfatto non funziona? Ecco di cosa si tratta e come rimediare

L’assenza di olfatto può avere diverse cause che è molto importante saper riconoscere. Scopriamo quali sono le più importanti e come comportarsi.

Quando ci si trova davanti ad un’assenza dell’olfatto si può parlare di anosmia. Ovvero l’incapacità di riconoscere gli odori. Sebbene si tratti di una condizione che viene vissuta solitamente con emozioni diverse, si tratta di un problema che non si dovrebbe mai sottovalutare. Basti pensare a quanto può essere pericoloso non sentire un’eventuale perdita di gas o la puzza di qualcosa che sta andando a fuoco.

assenza olfatto cause
(Adobe Stock photo)

E tutto passando dall’importanza che certi profumi hanno per la nostra psiche, andando da quelli dei cibi che più amiamo, ai profumi dei fiori, etc…
Non sentire gli odori, inoltre interferisce spesso con il sapore e può rendere meno gustoso ciò che si mangia andando a cambiare le abitudini delle persone. Senza contare che si può rischiare di mangiare cibi che non sono più buoni.

E che, anche le relazioni sociali possono essere influenzate da un problema come la perdita dell’olfatto. Si tratta quindi di una condizione che andrebbe sempre considerata fin dai primi episodi. Infine è importante tenere a mente che dietro ad un olfatto che non funziona ci sono diverse cause tra le quali se ne possono celare anche di importanti.

Assenza di olfatto: le cause più importanti da conoscere

Nella maggior parte dei casi l’assenza di olfatto può essere temporanea e ricondursi ad un semplice raffreddore, ad un’influenza o ad un irritazione delle mucose. Sebbene l’anosmia sia diventata particolarmente nota come uno dei sintomi del Covid, in realtà si tratta di un problema che esiste da sempre e che è più diffuso di quanto si pensi.

assenza olfatto cause
(Adobe Stock photo)

Per fortuna nella maggior parte dei casi è appunto di breve durata e può essere addirittura parziale o discontinua. Se il problema si fa duraturo, tende ad essere totale e si protrae nel tempo, però, può essere indice di patologie più serie e che è bene indagare. Andando alle cause, quindi, queste sono:

  • Raffreddore
  • Allergie stagionali e non
  • Rinusite
  • Polipi nasali
  • Traumi cranici
  • Covid
  • Alzheimer
  • Morbo di Parkinson
  • Sclerosi multipla
  • Malattie genetiche di vario tipo
  • Neoplasie

Rivolgersi ad un medico è quindi molto importante al fine di comprendere le possibili cause e di trovare una soluzione che sia mirata e risolutiva. In genere, un’analisi della situazione generale e ed un esame con le fibre ottiche sono le prime soluzioni da mettere in atto. In altre circostanze può essere necessaria una radiografia o una tac.

Andando alle possibili cure per l’assenza dell’olfatto, nella maggior parte dei casi i problemi sono solitamente lievi ed in grado di rientrare da soli o con l’aiuto di spray sfiammanti o l’uso di corticosteroidi. In altri, può rivelarsi necessario agire con un piccolo intervento. Cosa che avviene quando ci si trova in presenza di polipi. A volte anche delle cure per una patologia in atto possono interferire con l’olfatto. In tal caso il medico può valutare di cambiarle con altre o di modificarne la somministrazione.