Essere molto amica dei suoi amici influisce sulla vostra sessualità

Essere molto amica dei suoi amici incide sulla vostra sessualità di coppia e non è un bene. Scopri cosa accade.

Quando diventiamo intimi con qualcuno entriamo a far parte della sua cerchia di amici e parenti. Andare d’accordo con tutti loro sarebbe fantastico per noi e anche per il partner, a patto che si mantenga una giusta distanza perché a diventare troppo amici si rischia una cosa sorprendente.

amica dei suoi amici sessualità
Photo Canva

Secondo alcuni esperti diventare molto amici degli amici del proprio partner potrebbe non essere una buona idea. Il partner potrebbe trovare la cosa problematica e avere particolari disturbi.

Essere molto amica dei suoi amici è una buona idea?

Alcuni ricercatori hanno fatto una scoperta interessante in merito ai rapporti di amicizia e al legame che si crea tra la propria amata ed il proprio gruppo di amici. A fare luce sulla questione sono stati i ricercatori  dalla Cornell University di Ithaca (New York). Dopo aver condotto uno studio su un campione di circa 3.000 uomini di età compresa fra i 57 e gli 85 anni e hanno scoperto sono giunti ad una conclusione strabiliante che vi farà smettere di essere molto amica dei suoi amici.

amica dei suoi amici
Photo Canva

Stando alle conclusioni sbalorditive dello studio se la partner trascorre molto tempo con gli amici di lui e istaura con loro un rapporto molto confidenziale, il suo amato rischia di sviluppare disturbi erettili. Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of Sociology, e ha spiegato i motivo alla base di questo fenomeno.

Secondo gli studiosi tutto dipende dalla competizione. Se una donna entra nella vita di un uomo e istaura un rapporto bellissimo con i suoi amici, perfino migliore di quello creato da lui stesso, per via di un effetto competizione questo ha il 92% di probabilità in più di avere difficoltà a raggiungere o mantenere l’erezione.

LEGGI ANCHE -> Routine nella coppia? E se avesse dei risvolti positivi? Eccone alcuni

Lo studio ha evidenziato che si tratta di un fenomeno che si verifica soprattutto tra i 50 ed i 60enni per poi diminuire nei decenni a seguire. Dopo questa età sembrerebbe che gli uomini siano meno competitivi.