Test delle Catene | Cosa tiene imprigionata la tua anima?

Con il test delle catene avrai l’opportunità di capire cosa ti impedisce di esprimerti e di essere felice come vorresti.

La sensazione di avere qualcosa che ci imprigiona e ci rende insoddisfatti della vita che conduciamo è molto comune. Nonostante questo però sono molto poche le persone che conoscono le vere ragioni di questi sentimenti così comuni.

Test delle catene
(Chedonna)

Perché accade? Semplicemente perché analizzare se stessi è piuttosto faticoso e soprattutto non è sempre piacevole. Cercare di capire le vere cause della propria infelicità significa anche cominciare ad adoperarsi per eliminarle, e non sempre si è disposti a farlo.

Nonostante le difficoltà, però, è fondamentale fare chiarezza nei propri sentimenti. Solo in questo modo infatti si potranno attuare tanti piccoli cambiamenti che miglioreranno la nostra vita e la renderanno più felice, più degna di essere vissuta.

Questo test servirà proprio a indicarti quali elementi della tua vita funzionano da “ancore”, che continuano a trascinarti giù invece di lasciarti volare.

Test delle Catene

Per eseguire questo test dovrai semplicemente osservare i quattro simboli che abbiamo scelto e sceglierne uno. Dovrai scegliere l’immagine che genera in te un disagio maggiore, anche se non saresti in grado di dire perché. I motivi di questo fastidio saranno per lo più inconsci: potrai scoprirli leggendo il profilo corrispondente.

Test delle catene
(Chedonna)

1 – La Matita Rotta

Al giorno d’oggi sono poche le persone che utilizzano tutti i giorni penne e matite. Per questo motivo molti di noi collegano la matita alla scuola. La scuola rappresenta il periodo della vita in cui si impara, in cui si forma la propria personalità e si fanno le prime scelte.

Se è stata la matita a provocare in te maggior disagio significa che la tua catena è la sensazione di aver sprecato il tuo tempo. Forse hai studiato molto ma non hai potuto trovare un lavoro che ti permettesse di mettere in pratica quello che avevi imparato e questo ti addolora. In alternativa potresti pensare che ciò che hai imparato è del tutto inutile perché non eri brava abbastanza oppure non hai studiato le materie giuste.

Il nostro consiglio è di liberarti dalle catene del passato e di guardare al futuro. Anche se hai fatto delle scelte inappropriate in un certo periodo della tua vita non è detto che tu debba sbagliare anche in futuro! Lanciati in nuovi progetti senza paura!

2 – Il like di Instagram

I social rappresentano lo strumento di comunicazione e di espressione personale per eccellenza. Tuttavia sui social si viene sempre giudicati per il proprio aspetto, per il proprio comportamento, per le proprie idee.

Naturalmente molti giudizi sono positivi ma molti possono essere negativi. Il problema del bullismo sui social è sempre più diffuso, soprattutto tra i giovani, ma ci sono anche molte persone (soprattutto donne) che si sentono inadeguate quando trascorrono molto tempo sui social.

Se hai scelto questa immagine significa che la tua catena è il giudizio degli altri. Dai troppa importanza a quello che la gente pensa di te e delle tue azioni. Quando i giudizi altrui sono negativi arrivi addirittura a far vacillare la tua autostima e a credere sempre meno in te stessa.

Comincia a focalizzarti solo su te stessa e a dare importanza solo ai giudizi delle persone che ti amano, che ti conoscono e che ti sono sempre state vicine. Ciò che pensano gli estranei non conta, e non fa di te una persona migliore o peggiore!

3 – L’incudine e il martello

L’espressione “trovarsi tra l’incudine e il martello” significa trovarsi bloccati in una situazione che porterà pessime conseguenze senza poter fare nulla per proteggersi. Con questo modo di dire si indica quindi la sensazione di sentirsi impotenti, vittime di una situazione su cui non si ha controllo.

Se hai scelto questa immagine significa che le tue catene sono rappresentate dai tuoi obblighi e dalle tue responsabilità. Forse hai preteso troppo da te stessa, forse hai preso troppi impegni e oggi non hai più le energie necessarie a star dietro a tutto quello che hai promesso di fare. Potresti anche sentirti intrappolata in un ambiente tossico sul lavoro o addirittura in famiglia.

Il nostro consiglio è di liberarti di quanti più impegni possibile, affidandoli ad altri oppure semplicemente annullandoli. Riprenditi tempo per te stessa e, se possibile, allontana le persone tossiche. Se non è possibile farlo comincia a capire come potresti limitare i danni dei loro comportamenti sulla tua vita. In poche parole? Hai bisogno di cominciare a pensare a te stessa!

4 – Lo specchio

Lo specchio è spesso associato alla femminilità ma soprattutto alle persone vanitose, che amano specchiarsi per ammirarsi in tutta la loro bellezza. Spesso però lo specchio si trasforma nel nostro peggior nemico, soprattutto quando vediamo riflessi soltanto i nostri difetti e non i nostri pregi.

Se hai scelto lo specchio significa che ti sei trasformata nel peggior nemico di te stessa, perché sei un giudice severo e inflessibile che tende ad analizzare ogni singolo comportamento e a valutare ogni risultato ottenuto.

Lo specchio indica che la tua catena è la bassa autostimaLa scarsa considerazione che hai di te ti impedisce di lanciarti in nuovi progetti, di prendere iniziative o anche di esprimere spesso le tue idee. Per questo motivo diventa sempre più difficile per te uscire da quello che è ormai un circolo vizioso. Credi di non essere in grado di fare qualcosa, quindi eviti di farla e finisci con il sentirti sempre più incapace.

Per interrompere questa dinamica tossica è necessario che tu cominci a essere più gentile con te stessa, allenandoti nel riconoscere anche i pregi e i successi con la stessa attenzione con cui valuti i fallimenti. Comincia a piccoli passi, le cose miglioreranno senza che tu te ne accorga!

Leggi Anche => Vuoi provare tutti gli altri test psicologici di Chedonna.it? Consulta il nostro archivio!

Questi test devono essere considerati un passatempo per esplorare alcuni lati della propria personalità ma non possono in alcun modo sostituire un’analisi valida e completa dal punto di vista psicologico.