Il tuo solito trucco occhi ormai ti invecchia? Forse commetti questi errori!

Alcuni errori nel trucco occhi invecchiano più di altri: per realizzare un perfetto trucco occhi effetto lifting bisogna accuratamente evitarli.

Il make up giornaliero di una donna dovrebbe cambiare con il tempo, adattandosi ai mutamenti del viso e alle nuove esigenze della pelle. Non bisogna dimenticare infatti che il trucco perfetto per una ragazza giovane o giovanissima potrebbe risultare addirittura peggiorativo su un volto maturo!

trucco occhi effetto lifting
(Chedonna)

Una delle ragioni principali per cui un viso truccato può apparire segnato e stanco è una cattiva esecuzione del trucco occhi. Questo accade spesso perché non ci rendiamo conto che i gesti e le routine che abbiamo sempre compiuto non vanno più bene per il nostro aspetto attuale.

Soprattutto da una certa età in poi si trarrebbe molto giovamento nell’eseguire un trucco occhi lifting, cioè in grado di sollevare l’angolo esterno degli occhi in maniera da compensare il naturale rilassamento della palpebra mobile.

Per ottenere questo scopo è fondamentale sapere come truccare la palpebra mobile e in che punto truccare la palpebra fissa!

Gli errori da non commettere per un perfetto trucco occhi lifting

Il trucco occhi lifting è un make up davvero efficace sui volti delle donne mature, che cioè hanno raggiunto o superato i fatidici 40 anni. Lo sguardo apparirà molto più aperto e vivace.

trucco occhi effetto lifting
(Pinterest)

1 – Circondare tutto l’occhio con una linea continua

Uno degli errori più comuni che si commettono quando si truccano gli occhi maturi è realizzare una linea continua intorno agli occhi con l’intento di sottolinearli. Non si tratta di un’idea sbagliata in generale, semplicemente gli occhi maturi appariranno appesantiti anziché messi in risalto da un make up del genere.

Si tratta infatti di un trucco occhi molto rischioso anche per le ragazze giovani, ma che può trasformarsi in un vero e proprio autogol per le donne più mature. Molto meglio applicare una piccola quantità di matita nell’angolo esterno della palpebra superiore o inferiore e poi sfumarla con un pennellino dal taglio obliquo.

Il movimento corretto sarà quello che va dall’angolo esterno verso il centro dell’occhio. Sarà molto importante non arrivare all’angolo interno: in questo modo si darà allo sguardo una certa profondità lasciando più aperta e luminosa la parte centrale e la parte interna delle due palpebre.

2 – Scegliere una matita nera

Mano a mano che gli anni passano i contrasti del volto diminuiscono. Questo significa che le gote non sono più di un rosa acceso e la carnagione tende a diventare più grigia e più spenta.

Questo fa sì che una matita nera creerebbe un contrasto molto innaturale tra i colori più tenui del viso e dei capelli e il contorno degli occhi. Molto meglio optare per una matita marrone, più facile da sfumare e in grado di dare un effetto più naturale al make up occhi.

3 – Sfumare l’ombretto verso il basso (il più grave tra gli errori in un trucco occhi effetto lifting)

Uno degli errori più gravi nell’applicazione dell’ombretto per un trucco lifting consiste nello sfumare in maniera scorretta l’ombretto più scuro nell’angolo esterno dell’occhio.

Se la sfumatura non viene eseguita correttamente, infatti, finirà per avere un andamento discendente, cioè a scurire la pelle verso il basso e non verso l’alto, come si dovrebbe fare in un trucco occhi lifting davvero efficace.

Per capire come realizzare correttamente la sfumatura sarà necessario sollevare con un dito la palpebra mobile dell’occhio, tirandola verso il punto in cui l’arco del sopracciglio è più accentuato.

A questo punto, con la palpebra ben tesa verso l’alto, si dovrà applicare l’ombretto con un movimento lineare dal basso verso l’alto, cioè dall’angolo esterno dell’occhio all’angolo esterno del sopracciglio. Per farlo l’ideale è utilizzare un pennellino piatto dalla forma obliqua.

Mentre si sfuma l’ombretto (stavolta con un ombretto a punta tonda) si dovrà sempre prestare la massima attenzione a non sfumarlo verso il basso o verso l’esterno, altrimenti si rischierà di appesantire lo sguardo piuttosto che “tirarlo su”.

Per creare un effetto cut crease che va tanto di moda in questo periodo, l’ideale è utilizzare un colore di transizione che sia diverso da quello utilizzato per la base della palpebra e diverso anche da quello utilizzato per creare la sfumatura più scura nell’angolo esterno.

Leggi Anche => Cos’è e come si realizza l’half cut crease: il trucco occhi del momento

L’ideale è trovare un colore molto naturale leggermente più chiaro di quello utilizzato per l’ombra. Andrà poi sfumato con un movimento lineare dall’angolo esterno verso il centro dell’occhio, seguendo la curva della palpebra mobile.

In questo modo si eviterà di creare chiazze di colore troppo pesanti proprio al centro dell’occhio, togliendo allo sguardo luce e vivacità!