Intimità: come dire al partner che ha l’alito cattivo, con stile

Lui si avvicina, vi bacia e l’intimità è compromessa. Come dire al tuo partner che ha l’alito cattivo senza ferirlo?

L’ alitosi è un nemico della libido. In un momento di passione il cattivo odore proveniente dalla bocca potrebbe farci desistere dal baciare il partner. Dire al partner di lavare i denti proprio in quel momento non è il massimo, il partner potrebbe offendersi o pensare che stiate usando una scusa perché non avete voglia di fare l’amore con lui. Ecco un modo fine per salvare la situazione.

alitosi coppia
Photo Canva

L’alito cattivo può rovinare l’intimità tra due persone. In questo momento particolare la bocca gioca un ruolo cruciale e il cattivo odore proveniente dalla bocca si sente di più data la vicinanza. Parlare con franchezza al partner potrebbe essere poco fine. Se la situazione si protrae nel tempo e diventa insopportabile affrontare questo argomento è inevitabile. Ecco il modo migliore per farlo.

LEGGI ANCHE —->Cattivo odore intimo femminile: da cosa dipende e come eliminarlo

Alitosi: come dire al partner che dovrebbe curare la sua igiene orale senza offenderlo?

L’alito cattivo o alitosi è il risultato di una proliferazione batterica nel cavo orale. Questa condizione potrebbe ostacolare la vita sociale o l’intimità di coppia. Per non offendere il partner si tende a non toccare l’argomento e a soffrire, in realtà esiste un modo semplicissimo per risolvere questo problema.

alitosi coppia
Photo Canva

Spesso chi ha l’alito cattivo non se ne rende conto perchè non sente l’odore provenire dalla sua bocca quindi bisogna farglielo notare e questo si può fare anche con stile.

Non ci riferiamo ad un caso isolato ma ad un problema di alitosi cronico, un motivo di imbarazzo per chi ne soffre e di sofferenza per chi è costretto a conviverci. Per non ferire il partner bisogna affrontare l’argomento utilizzando una tecnica chiamata “soft start-up”.

Prendete nota di questa tecnica che potrebbe tornarvi utile in molte situazioni. La tecnica consiste nell’iniziare una conversazione concentrandosi su un particolare comportamento.  Questo significa che non bisogna fare nessuna critica e non attaccare il partner ma solo esprimere preoccupazione per lui.

Se il partner soffre di alitosi e fargli trovare un collutorio accanto allo spazzolino non basta, provate a scoprire la causa. Spiegate al partner che alla base della salute ci sono alcune patologie. Mostratevi preoccupati e non disgustati ed evitate battute sarcastiche che in questo caso non aiutano.

Quando comprate prodotti specifici per profumare l’alito come collutori o nuovi spazzolini mostrateli al partner partner usando al plurale con frasi tipo: “guarda cosa ho comprato? con questo il nostro alito sarà freschissimo”.

Ti serve qualche consiglio per sbarazzarti dell’alito cattivo? Ecco cosa potresti fare per combattere l’alitosi

Lavare i enti con un dentifricio al fluoro. Se si soffre di alitosi dovrebbe i denti più spesso, l’igiene rimane il rimedio migliore. Lavate i enti dopo ogni pasto e usate il filo interdentale per eliminare eventuali residui.

Lavare la lingua. Non solo i denti, anche la lingua dovrebbe essere oggetto di attenzione durante l’igiene orale. In commercio esistono spazzolini appositamente studiati per pulire la lingua. A volte sulla lingua si nota un rivestimento biancastro che è dovuto ai residui di cibo, questo è uno delle principali cause di alitosi.

Recarsi regolarmente dal dentista per rilevare e trattare la carie dentale e rimuovere la placca dentale è un altro modo per combattere l’alito cattivo.

Bere acqua dopo ogni pasto. Molti non sanno che è il modo più semplice per  sciacquare la bocca dall’accumulo di detriti alimentari.

Evitare alimenti ricchi di composti solforati come aglio, cipolla, curry. Consumare moderatamente anche tabacco, caffè o alcol, anch’essi responsabili dell’alito cattivo.

Utilizzare collutori. 

Evitare i dolci e tutti gli alimenti contenenti zucchero, causano carie e la carie causa alito cattivo.

Cambiare lo spazzolino ogni tre mesi.