Whatsapp, nuovo aggiornamento: leggere i messaggi audio

Nuovo importante aggiornamento in arrivo per Whatsapp: arriva l’anteprima dei messaggi audio. Ecco quando e come

Sulla scia dei nuovi aggiornamenti in arrivo per il 2022 per il noto software di messaggistica instantanea di proprietà Meta. Arriva un nuovo plus: su iPhone e Android si potranno ascoltare i vocali da inviare, prima dell’invio.

whatsapp messaggi vocali
Foto da FreePik

Con un aggiornamento di fine anno, Meta ha annunciato l’arrivo su WhatsApp della funzione per ascoltare un messaggio audio prima di inviarlo.

Attraverso un breve video su Twitter, la compagnia già parte del gruppo Facebook, ha spiegato: “Questi non sono errori, queste sono prove”.

Vuoi sapere proprio tutto sulle nuove app disponibili per il tuo telefono? Consulta a questo link l’archivio di Chedonna!

Whatsapp, cosa cambierà?

In questo importante aggiornamento siv può visualizzare in anteprima i messaggi vocali prima di premere invio”.

audio whatsapp
Foto da Adobe

Per utilizzare la funzione, sia su iPhone che Android, bisogna scaricare l’aggiornamento da App Store e Play Store. Fatto ciò, basterà cliccare sul pulsante del microfono in una chat di WhatsApp e farlo scorrere verso l’alto per bloccare la registrazione in vivavoce.

Questo – come riportato da Ansa.it – permetterà di vedere un pulsante di arresto e un cestino. Una volta fermata la registrazione, si potrà far partire l’audio per ascoltare il messaggio vocale prima di condividerlo con il destinatario.

Con l’aggiornamento, WhatsApp consente anche di ascoltare una parte specifica del file, toccando la barra che lo compone. La novità si aggiunge alla possibilità già in essere di inviare direttamente un messaggio vocale, senza anteprima, semplicemente tenendo premuto il microfono nelle chat.

A maggio, WhatsApp ha cominciato a sviluppare la funzione di anteprima per i messaggi vocali. In una fase di test, la piattaforma aveva previsto l’aggiunta di due scritte, Review e Cancel optando poi, con il lancio definitivo, per le più tradizionali icone di riproduzione e cestino al posto dei riferimenti testuali.