Test del Pranzo di Natale | Dimmi cosa mangi e ti dirò che pregio hai

Con il test del pranzo di Natale prenderemo in esame una delle tradizioni più sacre d’Italia: l’abbuffata natalizia!

Quando si tratta del pranzo di Natale infatti gli schieramenti sono molto ben definiti: ci sono i difensori assoluti della tradizione e quelli che, della tradizione, farebbero proprio volentieri a meno.

test pranzo di natale
(Chedonna)

Di solito le persone che adorano i piatti della tradizione e amano ripetere anno dopo anno lo stesso menu sono bollate come noiose e senza fantasia. Al contrario, le persone che ogni anno tentano disperatamente di introdurre un po’ di novità nel pranzo in famiglia vengono quasi trattate come eretiche!

Con questo test cercheremo invece di non concentrarci sui difetti quanto piuttosto sui pregi nascosti che possono essere indicati da una qualsiasi di queste due preferenze.

Test del Pranzo di Natale

Per fare il test del Pranzo di Natale bisogna rispondere a una domanda semplicissima: cosa preferiresti mangiare durante il pranzo in famiglia? Non concentrarti su quello che mangi di solito o che hai dovuto mangiare negli ultimi anni. Immagina di poter avverare senza se e senza ma tutti i tuoi desideri: cosa vorresti nel piatto?

test pranzo di natale
(Chedonna)

1 – Il Menu Tradizionale

Nel menu tradizionale sono comprese in genere sia le ricette della tradizione natalizia sia i piatti tipici di una certa famiglia, quindi le classiche insalate di sottaceti che non mangia nessuno, i buonissimi dolci della zia, i magnifici tortellini del nonno e l’insostenibile zuppa di carne e di verdure che i bambini detestano con tutto il cuore.

Chi abbraccia il tradizionale menu natalizio sa perfettamente quali sono i suoi punti forti e quali i punti deboli. Sa che adorerà determinate portate e farà solo finta di mangiarne alcune altre, magari fingendo di essere solo troppo pieno. Nonostante tutto però il bilancio è positivo: scegliere il menu tradizionale porta sempre con sé un bagaglio di bei ricordi e di buoni sentimenti che in qualche modo risultano sempre rassicuranti.

Se scegli li menu natalizio sei una persona affidabile e disposta al sacrificio. Il tuo obiettivo principale è mantenere una struttura familiare e delle buone abitudini che possano essere una tradizione ma anche un obiettivo per i membri più giovani della famiglia. Pensi che tutti debbano fare la propria parte e sei disposta a insegnare agli altri cos’è giusto e cosa è sbagliato per tramandare la tua esperienza e i tuoi valori. Saresti la nipote preferita della Regina Elisabetta!

2 – Il Menu Alternativo

Con l’espressione menu alternativo non si intende una particolare selezione di piatti, ma fondamentalmente qualsiasi cosa purché sia diverso dai piatti “obbligatori” nei giorni di Natale.

Ben vengano piatti esotici, zuppe piccanti, insalate di frutta tropicale, sushi, pollo tandoori, fish and chips, pizza al metro e, letteralmente, qualsiasi cosa si voglia portare in tavola.

Chi preferisce un menu alternativo in genere è una persona che sta piuttosto stretta all’interno delle regole che tutti gli altri rispettano. Guarda con molto rispetto alla tradizione ma è anche certo che, oltre il confine delle abitudini, ci sia sempre qualcosa di nuovo e di eccitante da provare.

Di certo ci sono molte incognite da affrontare quando si decide di ignorare le abitudini e il “si è sempre fatto così”, ma difficilmente le persone che amano scoprire nuove cose si lasciano scoraggiare dagli imprevisti.

Se hai scelto un menu alternativo sei sicuramente una persona curiosa ed entusiasta, sempre pronta a lanciarsi in nuove avventure e desiderosa di imparare nuove cose. Il tuo destino nella società è quello di essere un innovatore, anche se nelle piccole o addirittura nelle piccolissime cose.

Leggi Anche => Vuoi provare tutti gli altri test psicologici di Chedonna.it? Consulta il nostro archivio!

Questi test devono essere considerati un passatempo per esplorare alcuni lati della propria personalità ma non possono in alcun modo sostituire un’analisi valida e completa dal punto di vista psicologico.