Menù di Natale 2021 | Come cucinare un perfetto cappone arrosto

Il cappone arrosto è un grande classico nei menù di Natale ma non tutti sanno cucinarlo a regola d’arte. Vediamo insieme qualche errore che forse commettete

Un grande classico di Natale è il cappone: bollito, soprattutto al Nord, anche per preparare un delizioso brodo nel quale cuocere cappelletti o tortellini. Arrosto invece in tutta Italia, per un secondo piatto sostanzioso. Forse lo avete già preparato anche voi, ma siete sicure di farlo nel modo giusto?

cappone arrosto
(Canva)

Un secondo di carne come questo è perfetto per mettere tutti d’accordo, perché dopo la sua cottura risulta sempre e comunque morbido.

->>LEGGI ANCHE: Secondi Piatti: cappone ripieno

Senza dimenticare che, se dovesse avanzare, potete sempre riciclarlo per preparare altre ricette,come le polpette oppure un’insalata fredda. E allora oggi vediamo insieme come preparare un buon cappone arrosto a prova di errore.

COME CURARE IL CAPPONE

Partiamo dalla preparazione del cappone ancora prima della cottura. Il cappone arrosto ha bisogno di cure anche prima di finire nel tegame o nella teglia. Non pensarci è un errore grave. Non appena è pulito, dovete farcire la parte interna con erbe aromatiche, quelle classiche come rosmarino, salvia, timo, alloro), ma anche 2-3 spicchi d’aglio e qualche grano di pepe. Un passaggio fondamentale per dare sapore alla carne, altrimenti poi non lamentatevi che la carne del cappone sa di poco.
E già che ci siamo, un piccolo trucco per una pelle più croccante: fate fondere un po’ di burro e quando è intiepidito, massaggiate con le mani la pelle versandogli sopra il burro. Terminata questa operazione, salate e pepate.

Come cucinare un ottimo cappone arrosto: temperatura e altri segreti

CAPPONE, LEGATO O SCIOLTO?

Il cappone di solito ha dimensioni importanti, come il tacchino. Un buon animale da cuocere al forno non pesa meno di 3 chili e ha bisogno quindi di una teglia o un tegame da forno in grado di contenerlo bene. Sbagliare questo passaggio comprometterà la sua cottura e quindi il risultato finale del piatto.

capponi
Canva

Come facilitarvi la vita? Semplice: prima di metterlo a cuocere, legate il cappone con lo spago da cucina tenendo attaccate le ali e le cosce al corpo. Sarà anche più facile girare il cappone quando è in forno.

I SEGRETI DELLA COTTURA

Ho cotto il cappone secondo i tempi indicati dalla ricetta ma è risultato secco? Colpa della temperatura e della poca cura, Verso metà cottura infatti dovete ricordarvi di coprire il cappone con un foglio di alluminio da cucina e bagnarlo con 3-4 mestoli di brodo di carne. Così tratterrà al suo interno i suoi succhi ed è praticamente impossibile che diventi secco.
Ma qual è la temperatura giusta per cuocere un cappone arrosto? Anche se è grosso, non esagerate: vanno benissimo 180° facendolo rosolare bene da tutte le parti. E ricordatevi di aggiungere sempre le verdure: carote, sedano, 1 o 2 patate tagliate a dadini aiuteranno a dargli sapore.
Un buon cappone arrosto, del peso che vi abbiamo detto, impiega non meno di due ore prima di essere cotto. Come capire quando è pronto? Vale il metodo del tocco: affondate delicatamente i rebbi di una forchetta nel petto: se escono puliti e senza trovare resistenze, siete a posto.