Fu il tradimento di Diana a rovinare tutto: arriva la bomba dopo The Crown

Fu il rapporto tra Carlo e Camilla, mai veramente interrotto, o il tradimento di Diana a porre fine al matrimonio del secolo? 

Secondo ciò l’idea che l’opinione pubblica si è creata nel corso degli ultimi 30 anni, la fine della favola fu esclusivamente colpa di Carlo, ma dopo l’uscita della serie The Crown la verità è venuta a galla.

tradimento diana
(Chedonna)

A dipingere un quadro molto, molto diverso da quello a cui siamo abituati a pensare, è stato uno stretto collaboratore di Lady Diana, che ha vissuto e lavorato al servizio della Principessa del Galles per oltre un decennio.

L’uomo ha deciso quindi di fare chiarezza, rendendo pubblico per la prima volta ciò che ha sempre saputo sulla condotta matrimoniale di Diana e sulle conseguenze che questo avrebbe avuto sulle sue nozze.

Il Principe Carlo non è innocente, ma tutto iniziò con il tradimento di Diana

Il matrimonio di Carlo e Diana, celebrato nel 1981, era già in crisi nel 1984, dopo la nascita dell’amatissimo secondogenito Harry.

Josh O’Connor ed Emma Corrin sul set di “The Crown 4”. Fonte: Instagram.

Appena dopo la nascita del bambino i due Principi cominciarono a dormire in camere separate e successivamente anche a trascorrere vacanze separate, mostrando chiaramente il desiderio di incontrarsi il meno possibile.

Nonostante la grande sofferenza per la sua situazione familiare, però, il Principe Carlo avrebbe mantenuto fede ai suoi impegni e non avrebbe mai tradito sua moglie con la sua antica fiamma Camilla Shand, che nel frattempo aveva sposato Andrew Parker Bowles.

Tutto precipitò però nel momento in cui il tradimento di Lady Diana venne percepito dal Principe.

Bisogna ricordare infatti che il futuro Re d’Inghilterra non può divorziare, poiché il monarca inglese è anche il capo della Chiesa Anglicana, che non prevede il divorzio.

All’epoca, quindi, Carlo non poteva fare assolutamente nulla per mettere fine a quella sofferenza: non poteva sciogliere il suo matrimonio (anche se avrebbe letteralmente salvato la sua vita e quella di Diana), quindi decise di consolarsi tra le braccia di Camilla.

A raccontare questa particolare versione dei fatti è Alan Peters, un ex ufficiale dell’esercito che ha ricoperto per molti anni incarichi di protezione personale per la famiglia reale britannica.

Alan Peters a un certo punto venne affidato alla protezione di Lady Diana e dei suoi figli, quindi si può dire che visse per diversi anni trasformandosi letteralmente nell’ombra della Principessa Diana e venendo informato di tutti i suoi movimenti, sia nella sfera privata sia in quella pubblica.

A causa della sue funzioni professionali, quindi Alan Peters era a conoscenza di ogni segreto della vita di Diana, anche della sua love story con un altra delle sue guardie del corpo, un uomo di nome Barry Mannakee.

I due amanti avrebbero cominciato la loro frequentazione nel 1985, poco dopo che Mannakee era stato assegnato alla protezione personale di Diana. I due si sarebbero avvicinati dopo una battuta di pesca a Balmoral.

Alan Peters ha quindi assistito impotente alla nascita e alla prosecuzione del rapporto tra uno dei suoi colleghi e la donna che avrebbe dovuto proteggere. Essendo completamente fedele alla Principessa, però, Peters non rivelò nulla.

Il Principe Carlo tuttavia, venne infine a scoprire del tradimento di Diana e, solo a quel punto (era il 1986) cominciò a riallacciare un rapporto sentimentale con Camilla Shand. I due non avevano più avuto alcun tipo di legame amoroso fin dalla loro breve storia d’amore che risaliva alla fine degli anni Sessanta, quindi a ben 20 anni prima.

Ti sei persa le ultime notizie sulla Famiglia Reale? Qui trovi tutti gli articoli sui Royals di Chedonna.it!

“La prima persona che si è allontanata dai suoi voti matrimoniali è stata la Principessa del Galles” ha dovuto ammettere, a malincuore, Alan Peters. Questo cambierà in qualche modo l’idea che il popolo ha della sua Principessa?

Probabilmente no, perché tutti, come ha dimostrato la fiction The Crown, preferiscono addossare tutta la colpa a Carlo e mantenere su un piedistallo il ricordo di Lady Diana.