Il frullato di frutta è orribile? Gli errori da non fare mai più

Commettendo alcuni piccoli errori possiamo rovinare la preparazione di un frullato di frutta fresca! Ecco come evitarli per ottenerne una bevanda sana, naturale e davvero golosa!

I frullati di frutta sono da sempre considerati sani e golosi. Veloci da preparare, consentono di fare il pieno di frutta senza doverla per forza masticare e spesso si rivelano utili a chi al mattino fa davvero fatica a mangiare giù cibi solidi.

frullato di frutta errori
(Canva photo)

Realizzare un buon frullato, però, non è sempre facile. Durante la sua preparazione, infatti, gli errori che si possono commettere sono davvero tanti e tutti in grado di compromettere il risultato. Per questo motivo, oggi, cercheremo di capire quali sono quelli più comuni che tutti fanno e come agire per non ripeterli più.

Frullato di frutta: gli errori da evitare assolutamente e come porvi rimedio

Chi non ha mai provato almeno una volta a preparare un buon frullato? Alcune persone hanno ottenuto sempre ottimi risultati, continuando a prepararne ogni giorno e di sempre più buoni. Altre, invece, si sono trovate davanti ad esperienze fallimentari e che per questo hanno spinto a desistere dal riprovarci ancora.

frullato di frutta errori
(Canva photo)

Eppure, se ben preparati, i frullati sono davvero buoni da gustare e possono rappresentare sia una merenda golosa che un vero e proprio pasto bilanciato (anche se in quel caso si dovrebbe parlare di frappé).

Cerchiamo quindi di capire quali sono gli errori più gravi che si fanno senza saperlo e come evitarli in modo da ottenere un frullato di frutta che sia bello da vedere e ottimo da gustare.

LEGGI ANCHE -> Apple pie: gli errori che devi assolutamente evitare

Scegliere frutta a caso. La prima cosa da realizzare quando ci si accinge a preparare un buon frullato di frutta è che questa deve essere scelta con cautela. Ci sono frutti che non si abbinano bene tra loro ed altri che possono ossidarsi in fretta dando al frullato un colore spento e davvero poco invitante. Prima di mettersi a frullare è quindi molto importante comprendere gli abbinamenti da fare e valutar se il frullato andrà gustato subito o se contiene frutta in grado di resistere un po’.

Mettere troppa frutta. Parlando ancora della frutta è bene ricordare che un frullato deve sapere di qualcosa di definito. Il consiglio è quindi quello di non mischiare tra loro troppi frutti e di limitarsi ad un massimo di tre alla volta. In questo modo se ne potrà assaporare il gusto ed anche il colore risulterà più gradevole alla vista.

Frullare poco. Il frullato è buono quando risulta cremoso al punto giusto. Perché ciò avvenga è importante che si lasci andare il frullatore per il tempo necessario. È vero che si tratta di una preparazione veloce. Ma questo non significa che vada fatta a casaccio. È quindi molto importante assicurarsi di frullare per il tempo necessario.

Inserire troppe polveri. Ormai vanno di moda i frullati proteici, perfetti per un pasto bilanciato e gustoso. Di base, però, sarebbe sempre bene aggiungere proteine come il latte o lo yogurt. Qualora si necessitasse di qualcosa di più è importante scegliere le polvere giuste e non inserirne troppe. Il frullato, per essere buono, deve infatti sapere di frutta. Se proprio non si riesce a trovare il giusto equilibrio è meglio optare per un frullato normale da abbinare a delle uova strapazzate o a del tofu.

Frullare tutto insieme. A volte nei frullati ci sono anche altri elementi come il latte (è vero, si tratta di un frappè), lo yogurt o delle polveri. Quando si fa ciò è importante inserire gli elementi poco alla volta e lasciare che la frutta si mescoli prima per bene. In questo modo si eviteranno consistenze strane ed anche i sapori avranno la meglio ed emergeranno come serve per ottenere qualcosa di buono. E, in alcuni casi, persino goloso da bere.

LEGGI ANCHE -> La maionese non viene bene? Gli errori che fai senza saperlo!

Evitare questi errori banali nel frullato gli donerà una consistenza, un colore ed un sapore certamente più buoni. E tutto per qualcosa che sarà buona sia da bere che da gustare. Esattamente ciò che serve per smettere di berli solo al bar e per iniziare a goderne anche nella propria casa.