Ricotta a dieta? Ecco come mangiarla e perdere peso

La ricotta è uno dei latticini più amati di sempre. Ricca di sapore si presta infatti a preparazioni sia dolci che salate. Scopriamo insieme come non rinunciarvi e mai e come gustare la ricotta a dieta.

Quando si intraprende una dieta, uno dei più grandi ostacoli è quello di dover rinunciare a cibi golosi ed in grado di rendere più saporite le varie pietanze. Per fortuna, non tutti gli alimenti sono necessariamente da scartare. Anzi, possiamo dire che tra quelli adatti anche ad un regime dietetico ci sia un latticino molto amato ed in grado di rendere ogni piatto più buono. Si tratta della ricotta.

ricotta a dieta
(Canva photo)

Ottima da gustare da sola e perfetta da integrare in ogni momento della giornata. Un vero e proprio aiuto per chi è a dieta e desidera continuare a mangiare cibi buoni e ricchi di gusto. E, un’alleata per chi cerca dei trucchi per agevolare il processo di dimagrimento.

Esistono infatti degli studi che dimostrano come la ricotta sia un alimento che se mangiato prima di andare a dormire sia in grado di agevolare addirittura la perdita di peso.

Ricotta a dieta: perché mangiarla

Uno studio americano di un paio di anni fa, ha dimostrato che l’assunzione di un paio di cucchiai di ricotta (meglio se di produzione non industriale) prima di andare a dormire aiuti sia a riposare meglio che a perdere peso.

ricotta a dieta
(canva photo)

Ciò si deve al triptofano per quanto riguarda il riposo notturno e alla caseina per ciò che concerne la perdita di peso. Assumerne poco prima di dormire aumenterebbe infatti il dispendio energetico rendendo il metabolismo più veloce e facilitando così il dimagrimento.

Ovviamente, non basta gustare due cucchiai di ricotta per sperare di perdere una o più taglie. Questa andrà sempre inserita in un regime alimentare studiato ad hoc e il più bilanciato possibile. Un regime alimentare al quale si dovrà poi aggiungere dell’esercizio fisico, indispensabile per il benessere dell’organismo e per mantenersi in perfetta forma.

LEGGI ANCHE -> Vuoi dimagrire? Ecco il frutto autunnale che non devi farti mancare

Detto ciò è ovviamente importante imparare a gustare la ricotta in modo sano, approfittando della sua quota di proteine e di grassi buoni per bilanciare i pasti e per renderli così più adatti al dimagrimento o al mantenimento del proprio peso forma.

Un ruolo che la ricotta sa ricoprire bene grazie al sapore che le appartiene e che ne fa un ingrediente praticamente perfetto sia per preparazioni dolci che salate. Scopriamo quindi come inserirla nel modo corretto all’interno della propria dieta e come godere di tutti i suoi benefici senza mai appesantire l’organismo.

Ricotta a dieta: alcune idee per gustarla senza pensieri

Poter contare sulle proprietà e, sopratutto, sul sapore della ricotta è senza alcun dubbio positivo per chi è a dieta. Si tratta infatti di un modo per non dover rinunciare a gustare cibi buoni e tutto senza inutili sensi di colpa o la paura di ingrassare.

ricotta a dieta
(Canva photo)

Ciò che conta è limitarsi sempre nelle quantità, evitare di consumare alimenti ricchi di zuccheri o di grassi saturi e mangiare il più possibile in modo bilanciato. In questo modo e con la giusta quantità di attività fisica, ci si garantirà un’alimentazione ricca di gusto e adatta anche a perdere i chili di troppo.

E per chi ama la ricotta al punto da non poterne fare a meno? Ecco alcune idee per continuare a gustarla anche quando si è a dieta.

LEGGI ANCHE -> Pane a dieta? Si può! Ecco qualche furbissima dritta da seguire

Fetta di pane integrale con ricotta e un pizzico di miele. Un buon modo per gustare la ricotta è inserirla al mattino. Su una fetta di pane integrale e con un solo pizzico di miele ci si garantirà un primo pasto della giornata bilanciato e a base di proteine magre e grassi buoni. Proprio ciò che serve per fare il pieno di energie e per godere al contempo di qualcosa di buono.

Pancake alla ricotta. Un’altra idea estremamente golosa e adatta a chi è a dieta è quella di realizzare un pancake con farina d’avena o di tipo integrale e al quale aggiungere della ricotta. In questo modo, giocando con gli ingredienti, si potrà ottenere un pancake bilanciato o addirittura proteico. Un modo per dare il via alla propria giornata facendo il pieno di energia e godendo di qualcosa di dolce e di perfettamente adatto alla prima colazione.

Ricotta al caffè. Per uno spuntino veloce da gustare a metà mattina si può optare per della ricotta mescolata ad un po’ di caffè. Basterà dolcificarla con un pizzico di miele, con eritritolo o con un dolcificante a scelta per usufruire di qualcosa che sia in grado di dare una sferzata di energia, placando anche eventuali attacchi improvvisi di fame.

Pasta integrale con ricotta. Chi ama i primi piatti può realizzarne uno bilanciato con 50 grammi di pasta integrale ed un 100 grammi circa di ricotta. Un po’ di spezie a piacere faranno il resto e doneranno al pranzo un sapore decisamente diverso. Il tutto aiutando a raggiungere presto il senso di sazietà. Cosa possibile grazie alle fibre contenute nella pasta integrale e alle proteine e ai grassi buoni della ricotta.

Panino integrale con ricotta, spinaci e pomodori. Se si è di fretta o si sa di dover mangiare fuori si può inserire la ricotta in un panino integrale a cui aggiungere anche spinaci e pomodori. In questo modo si gusterà qualcosa di buono e al contempo sano. La scelta ideale per chi, nonostante tutto, non ha alcuna voglia di rinunciare a mangiare con gusto.

Mela ripiena di ricotta. Un dolcetto light ma sicuramente goloso è quello a base di mezza mela tagliata e svuotata e riempita nuovamente con pezzetti della polpa mescolati a della ricotta. Il tutto si può dolcificare con della marmellata di arance, del miele o del dolcificante a piacere. E per rendere il dolce ancora più buono si può aggiungere una leggera spolverata di granella di pistacchi.

Mousse di ricotta con gocce di cioccolato fondente. Questo mix è estremamente goloso, tanto da essere la base di alcuni tra i dolci siciliani più famosi al mondo. Per realizzarla in versione light basterà setacciare la ricotta e mescolarla con un dolcificante a scelta. Aggiungere poi delle scaglie o delle gocce di cioccolato fondente, mescolare e gustare. Inutile dire che questa crema si rivela perfetta anche come ripieno per dolci light o per accompagnare il pancake della mattina.

Crema di ricotta con granella di pistacchi. Un’altra crema morbida e simile alla prima è quella da realizzare con granella di pistacchi. In questo caso si può scegliere se setacciare o meno la ricotta in base al tipo di grana che si preferisce. Il sapore sarà sempre impareggiabile.

Ricotta con verdure. La ricotta è un ottimo latticino da gustare come secondo insieme a delle verdure saltate. Volendo la si può anche inserire in un’insalata o in una frittata di albumi. Ciò che conta è considerarla sempre come proteina e bilanciarla con la giusta quantità di carboidrati. Quanto ai grassi, questi non sono necessari in quanto già presenti nella ricotta. In alternativa se ne possono aggiungere tra quelli buoni (olio extra vergine o frutta secca) ma in piccole quantità.

Ricotta con marmellata. Per un dolcino serale si può optare per una piccola porzione di ricotta da addolcire con marmellata di arance fatta in casa. Un modo dolcissimo per concludere la serata e per garantirsi al contempo la giusta quantità di caseina. Un rimedio che si rivela ottimo anche per chi soffre spesso di fame nervosa.

LEGGI ANCHE -> Marmellata e confetture a dieta? I trucchi per gustarle senza ingrassare

Ora che abbiamo visto ben dieci idee da cui trarre spunto è il caso di analizzare i vari tipi di ricotta. In commercio si trova sia fresca che confezionata ed in tal caso è sempre meglio preferire la prima. Quanto alle qualità, quella di pecora è più sana e si può dire lo stesso anche per quella di capra. Entrambe hanno infatti un maggior quantitativo di caseina.

Quella di mucca si rivela però più magra e adatta a chi sta cercando di diminuire i grassi dalla propria alimentazione. E questo tenendo bene a mente che tutti i tipi di ricotta vanno bene salvo quella di bufala (un po’ troppo grassa) e quella secca che richiede una lavorazione che la rende troppo ricca di sale e quindi poco adatta a chi desidera perdere peso.

Detto ciò, la ricotta è un latticino che vale sempre la pena inserire nella propria dieta e che può rendere la stessa molto più piacevole e funzionale.