Cibi viola: perché fanno bene e la lista dei 10 da inserire nella dieta

I cibi viola sono ricchi di sostanze benefiche per l’organismo: scopriamo la lista dei 10 da inserire nella dieta. 

Frutta e verdura non dovrebbero mai mancare in una dieta sana ed equilibrata. E dovremmo spaziare in tutti i colori che la natura ci offre. A seconda infatti di quello che decidiamo di portare in tavola potremo avere vitamine e sali minerali differenti, ma anche antiossidanti e altre sostanze nutritive in generale.

Il colore della frutta o della verdura ci dice molto sulle proprietà e sui nutrienti. In particolare i cibi viola, che secondo i dati Mintel stanno spopolando sui social perché sarebbero facilmente instagrammabili si stanno facendo largo anche nelle vendite.

cibi viola
Fonte: Canva

E considerando che fanno anche bene, meglio così. Scopriamo allora perché i cibi viola sono benefici per l’organismo e i 10 da inserire nella dieta.

LEGGI ANCHE –> Dieta del raffreddore: ecco i cibi da preferire e quelli da evitare

Ecco i 10 cibi viola da inserire nella dieta e perché

Per contrastare i radicali liberi, responsabili dei processi di invecchiamento e di quelli infiammatori possiamo adeguare l’alimentazione introducendo nella dieta delle sostanze che servono a combatterli.

cibi viola
Fonte: Canva

A tal proposito i cibi viola sono un vero toccasana per la salute e oltre ad aiutarci nella perdita di peso ci aiutano anche a rallentare l’invecchiamento svolgendo un effetto anti-age.

Nei cibi viola in particolare sono presenti le antocianine dei preziosi nutrienti che oltre a conferire a frutta e verdura tale colorazione sono anche antiossidanti molto potenti appartenenti alla famiglia dei flavonoidi, che contrastano i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare.

Non solo, essi sono anche anti-infiammatori naturali specialmente per le vie urinarie,  migliorano la memoria e tengono basso il colesterolo cattivo presente nel sangue. Tra le vitamine che possiamo trovare nei cibi di color viola ci sono: la A, la B, la C e la E e, inoltre, contengono anche alcuni sali minerali tra cui potassio e magnesio.

Ma quali sono allora questi alimenti di color viola che dovremmo inserire nella dieta? Scopriamolo subito.

1) Melanzane. Nella buccia, in genere di color viola (esistono anche quelle bianche) è  contenuta la maggior parte delle sostanze antiossidanti e delle fibre, ecco perché quando le cuciniamo non dobbiamo sbucciarle, ma conservare l’esterno. Non solo, nelle melanzane c’è anche acido folico, vitamine tra cui la K e la C e infine alcuni sali minerali come potassio e manganese.

2) Prugne. Le susine o prugne possono essere di diversi colori, in questo caso prendiamo quelle viola, che contengono le antocianine. Esse però sono ricche anche di altre sostanze come fibre e sorbitolo in grado di aiutare il transito intestinale. Quelle essiccate ne contengono ancora di più. E poi qui troviamo anche vitamina K e manganese.

3) Carote viola. Anche se siamo abituati a quelle classiche di color arancione, le carote viola sono un vero toccasana, perché oltre al betacarotene contengono anche le antocianine regalando un immediato effetto anti-age.

4) Patate viola. Anche in questo caso, proprio come le carote, siamo abituati a vederle poco di color viola. In genere se pensiamo alle patate ci vengono subito in mente quelle gialle o a pasta bianca. Queste invece sono un po’ più dolci e contengono anch’esse le antocianine ma anche vitamine tra cui la A e la C.

5) Cavolfiore viola. Ricco di carotenoidi e antociani, è un’ottima fonte di antiossidanti ma anche di vitamine A e C, fibre e selenio, utili a rafforzare il sistema immunitario.

6) Cavolo cappuccio. Appartenente alla famiglia dei cavoli, per la precisione è una cultivar o varietà della Brassica oleracea, anch’esso ricco di antocianine del gruppo dei flavonoidi. Inoltre, è indicato nelle diete dimagranti visto che apporta solo 30 calorie ogni 100 grami di prodotto.

7) Uva. Oltre a quella bianca, c’è anche la varietà di uva viola, chiamata anche nera o blu. Essa è ricca di antociani grazie ai quali le pareti dei vasi diventano più elastiche e aiutano a migliorare la circolazione del sangue, rafforzando anche i capillari.

8) Radicchio. In particolare parliamo di quello rosso con una colorazione che tende al viola. Nello specifico, appartengono a questa specie quello trevigiano, quello di Chioggia e quello di Verona. Anch’esso è estremamente benefico e ricco di antiossidanti.

9) Fichi. Li troviamo in più varietà. Bianchi, verdi e viola, appunto. Quest’ultimi offrono antocianine e vitamina C ma anche la luteolina che è un flavonoide dalle proprietà antinfiammatorie.

10) More. Oltre ad essere un’ottima fonte di antiossidanti tra cui le antocianine, nelle more troviamo anche vitamina C ed E, che aiutano le difese immunitarie specie in inverno.

LEGGI ANCHE –> Per la pressione alta: ecco i cibi da assumere e quelli da evitare

Oltre a questi 10 elencati esistono anche altri cibi ricchi di antiossidanti e altre sostanze benefiche, ad esempio anche quelli di color blu come i mirtilli dovrebbero essere presi in considerazione.