Aiuto, non ho più l’orgasmo! Ecco quando è colpa dello stress

L’orgasmo e lo stress sono estremamente connessi anche se non è una bella notizia. Come capire se il piacere sessuale è sparito per colpa dello stress? E nel caso, cosa fare?

Sarebbe davvero molto più semplice se il piacere sessuale dipendesse esclusivamente dallo state di salute fisico e dalla volontà delle persone. Purtroppo le cose non stanno affatto così e bisogna scendere a patti con questa dura verità!

orgasmo stress
(Chedonna)

Il benessere psicologico e il benessere sessuale infatti si influenzano a vicenda e, se il benessere piscologico di una persona non è sufficiente, difficilmente la persona in questione riuscirà ad avere una vita sessuale appagante!

Leggi Anche => Benessere Psicologico | Cos’è e perché non è un mito irraggiungibile

Per questo motivo in alcuni periodi della nostra vita, quelli nei quali siamo particolarmente sotto pressione, il desiderio sessuale può diminuire e praticamente sparire.

Se negli uomini questo stato di cose porta a disfunzioni erettili, eiaculazione precoce eccetera, nelle donne c’è l’effetto opposto: l’orgasmo non arriva perché la vagina non si mette “nello stato d’animo” adatto ad avere rapporti sessuali e arrivare al piacere.

Niente orgasmo: colpa dello stress oppure no? Ecco come capirlo

Come tutte le donne hanno potuto verificare nel corso della propria vita, il nostro stato emotivo è molto importante nel raggiungimento del piacere, mentre gli uomini riescono a lasciarsi andare molto più facilmente, e se qualcosa non va o è un periodo particolarmente stressante in alcuni casi trovano sollievo nel sesso.

donna triste
fonte foto: Adobe Stock

Nel caso delle donne invece nei periodi di stress il sesso è davvero l’ultimo pensiero. Se invece riusciamo a “convincere” noi stesse a far sesso (anche un po’ controvoglia) a volte l’orgasmo è davvero un miraggio. Bisogna dire però che questi stessi sintomi possono svilupparsi per vari motivi (scarso interesse nei confronti del partner, calo fisiologico di desiderio in un determinato periodo del ciclo eccetera), quindi come capire se è colpa dello stress?

Ecco le domande giuste da porsi per arrivare a una risposta sicura.

Da quanto tempo non ho voglia di fare sesso?

Se la risposta è “un breve periodo”, tranquilla, può capitare. Le donne vanno incontro a periodi “refrattari” molto frequenti, assolutamente normali per la loro biologia.

Se la risposta è invece “troppo tempo, non mi ricordo l’ultima volta!”, bisogna indagare un po’ più a fondo: cos’è successo in questo periodo? Se abbiamo cominciato un nuovo lavoro, o abbiamo cambiato routine quotidiana può essere chiaramente un problema di stress. Se invece, semplicemente non abbiamo trovato un partner interessante, bisogna solo sperare di avere più fortuna.

Il problema è il mio partner?

Questa è una delle domande più scomode del mondo, ma è strettamente necessario farsela per poter affrontare il problema in maniera serena e fruttuosa.

Se si prova di tanto in tanto desiderio per altri uomini ma non per il proprio partner fisso significa che il problema non è lo stress, quanto probabilmente l’abitudine. Forse è il caso di interrompere la relazione oppure di ravvivarla un po’!

Leggi Anche => Fuga di Coppia | Come riaccendere la passione tra di voi

Se invece il calo del desiderio ha uno spettro più ampio, cioè se non c’è desiderio per alcun uomo (o donna) a prescindere da chi sia, è molto probabile che le cause siano riconducibili allo stress. In questo caso è strettamente necessario rispondere ad altre domande per esserne assolutamente certe.

Dove va il cervello mentre si fa l’amore?

Come già detto, a volte finiamo per “costringerci” a fare sesso anche se in realtà non ne abbiamo tutta questa voglia. I motivi possono essere moltissimi: un po’ ci sentiamo in colpa verso il nostro partner, che sta soffrendo di un’astinenza che non dipende da lui, un po’ forse speriamo che le cose migliorino.

Cosa succede però nella nostra testa? Se ci sentiamo distaccate, distratte e poco attente a quello che succede tra le lenzuola, se nella nostra mente ripassa la lista della spesa o si accorge finalmente di quanta polvere c’è sul lampadario, è chiaramente un problema di stress.

Fondamentalmente il cervello non è in grado di staccare dalle preoccupazioni quotidiane perché ha “disimparato a prendersi una pausa e godersi il momento”.

Come reagisce la vagina?

In certi casi, dopo essersi “costrette” ad avere un rapporto sessuale il corpo si rimette in carreggiata naturalmente, e si riesce ad avere un rapporto coinvolgente e addirittura arrivare all’orgasmo.

Questo significa che, anche se il calo di desiderio è legato all’eccesso di stress, non si è ancora arrivati a livelli preoccupanti e quindi il sesso può essere lo strumento perfetto per rilassarsi un po’.

Se invece l’eccitazione non arriva, la vagina non si lubrifica e addirittura la penetrazione è dolorosa è quasi sicuramente colpa dello stress, che impedisce al corpo di rilassare i muscoli e consentire la penetrazione.

 Cosa fare se l’orgasmo non arriva a causa dello stress?

Innanzitutto bisogna chiarire una cosa: cercare l’orgasmo a tutti i costi non è affatto una buona idea perché non farà altro che aumentare la frustrazione e i livelli di stress che, se sono già preoccupanti, non vanno aumentati.

Per questo motivo se hai capito che la mancanza di orgasmo è causata dallo stress l’unica soluzione è risolvere il problema alla radice, quindi affrontando la causa dello stress e gestendola nella maniera migliore possibile.

La meditazione e l’art therapy sono in assoluto due approcci fruttuosi per imparare a concentrarsi di nuovo sul momento presente e non su quello che si dovrà fare dopo, o domani, o tra una settimana.

Inoltre, ci sono varie misure pratiche da mettere in atto per gestire lo stresssoprattutto se è diventato cronico. L’ultimo passo, naturalmente, è rivolgersi a uno psicologo: i segnali di esaurimento delle energie mentali e fisiche non vanno mai sottovalutati perché potrebbero continuare a peggiorare con il tempo.