Volete preparare una ratatouille perfetta? Tre errori da cancellare

Un mix di verdure leggero, caldo, incitante. la ratatouille è così, molto naturale e molto facile. Ma se sbagliate un passaggio, siete fregate

Gli italiani hanno caponata, che nasce in Sicilia ma ormai è preparata dappertutto, i francesi invece hanno la ratatouille che ha un principio simile. Un mix di verdure fresche, modificabile a seconda della stagione, ideale da usare come contorno per un piatti di carne o di pesce, ma anche ad esempio per condire un piatto di pasta o di riso.

ratatouille
canva

Come fare per prepararla nel modo corretto? C’è una serie di errori, dalla scelta degli ingredienti alla loro cottura, che possiamo tranquillamente evitare, per portare a tavola un piato sano ma anche buono.

LA SCELTA DELLE VERDURE

Nella ratatouille originale ci sono zucchine, peperoni, melanzane, pomodori, aglio e cipolla, che poi potete arricchire in realtà come volete italianizzando la ricetta aggiungendo patate, fagiolini e altro. Ma ci sono scelte che non potete sbagliare. La cipolla bianca ha un gusto più deciso rispetto a quella rossa, quindi puntate su quest’ultima. Il suo sapore deve accompagnare, non coprire. L’importante è non avere paura ad usarle. Una bella cipolla rossa grande, oppure due medie, e almeno 3 spicchi di aglio. Questo è un piatto rustico, non di cucina ricercata.

Zucchine sono meglio quelle verdi, tipo le romane, ma sui peperoni e le melanzane non c’è una scelta migliore dell’altra. Se invece non è stagione di pomodori freschi, usate i pelati.

Volete preparare una ratatouille perfetta? La preparazione delle verdure

DIAMOCI IN TAGLIO
Le verdure che servono per la ratatouille sono diverse tra loro per forma e dimensione. Ma quello che dovete ottenere alla fine è un piatto omogeneo e uniforme, bello anche da vedere. Quindi evitiamo tagli artistici e senza precisione.
Per questo è importante la fase del taglio. Cercate di ricavare dei cubetti al massimo larghi 2 centimetri per due motivi: uno è che così cuoceranno tutti allo stesso modo e con gli stessi tempi. E due, che alla presentazione a tavola, il vassoio sarà anche scenografico.

ratatouille
canva

IN CHE ORDINE?
La ratatouille è una ricetta tipica delle campagne, non dei grandi ristoranti. Ma questo non vuol dire fare tutto a caso. Anche la cottura delle verdure deve avere un ordine preciso perché non hanno tutte gli stessi tempi.
Nel tegame partite con la cipolla e l’aglio insieme e come prima verdura cuocete i peperoni. Quando sono quasi pronti, toccherà alle zucchine e poi quando sono pronte pure quelle passate alle melanzane. Solo alla fine, quando tutte le verdure saranno cotte mettetele tutte insieme nella padella, aggiungete i pomodorini e cuocete ancora per 5 minuti.