Come conservare bene il formaggio: trucchi e rimedi alla portata di tutti

Conservare il formaggio evitando la formazione di muffa e la dispersione dell’aroma? È possibile, basta conoscere i trucchi giusti!

Conservare bene il formaggio è un modo per volerci bene e per non sprecare i soldi della spesa. Perché ci sono errori molti comuni che tutti o quasi commettono. Con qualche piccola ma decisiva attenzione possiamo rimediare.

formaggi
CANVA

Partiamo da una considerazione generale: quali sono i veri nemici del formaggio, quelli che possono rovinare la sua conservazione? Intanto tutti, anche se in maniera diversa, hanno bisogno di aria: ogni formaggio ha bisogno di ‘respirare’ perché in caso contrario perderà il suo odore e i suoi aromi.

Ma allo stesso modo se il formaggio non è conservato con il corretto grado di umidità ha la tendenza a seccarsi e quindi perde le sue proprietà organolettiche. E la temperatura? Se lo tenete troppo al caldo è più facile che si rovini perché riparte la fermentazione. Allo stesso modo, troppo freddo gli fa perdere le sue caratteristiche nutrizionali.
Allora come dobbiamo fare? Per i formaggi stagionati servirebbe una temperatura costante non inferiore ai 10° e non superiore ai 15°. Ecco perché, anche se può sembrare strano, la cantina è il posto perfetto per la loro conservazione.

Per i formaggi freschi a cominciare dalla ricotta, dalla mozzarella, da quelli spalmabili, il frigorifero è l’unico rimedio. Quindi bene così, ma attenzione agli errori più comuni che sicuramente avrete commesso anche voi.
La temperatura è la prima regola da seguire: i formaggi stagionati dovrebbero essere messi nella parte meno fredda del frigo, tra i 7° e i 10°, e quelli freschi nella parte più fredda rimanendo tra 2° e 4°. Tutti gli altri possono stare nello scomparto centrale. In ogni caso, anche se sono formaggi confezionati, mai metterli vicini a verdure e legumi non lavati. Le eventuali tracce di terra potrebbero provocare contaminazioni batteriche.

Come conservare bene il formaggio: pellicola trasparente sì o no?

Uno degli errori più tipici è quello di avvolgere il formaggio, quando abbiamo aperto la confezione, nella pellicola trasparente. Così però il formaggio non riesce a respirare, quindi è più facile che si formino muffe. Inoltre la sua parte grassa (perché ce n’è sempre una) farà in fretta ad assorbire il sapore della plastica.

formaggio
Canva

Se avete in mano un formaggio già stagionato, specie se a pasta semidura, non usate i classici sacchetti di plastica per il gelo, ma fogli di carta alimentare che li protegge dall’aria ma permette loro di respirare. Ogni volta che ne consumate un pezzo e rimettete in frigo, cambiatela.

Invece per i formaggi a pasta molle o quelli freschi, oltre alla carta alimentare va bene anche la carta da forno, mettendoli poi in un contenitore ermetico. E comunque, consumateli nel giro di 1-2 giorni.

Se però, nonostante le accortezze, vedete che sul formaggio appare un po’ di muffa, fate così: eliminate la prima fetta, oppure usate una spugnetta da cucina bagnata con acqua tiepida, lavate e poi lasciare asciugare a temperatura ambiente.