Brodo di carne eccezionale? Evitate questi sbagli e arriverà l’applauso

Per un risotto, per cuocere i tortellini o le tagliatelle, per arricchire un ragù e molto altro: il brodo di carne è una delle nostre basi, perché lo dobbiamo rovinare?

Il brodo vegetale è la base ideale per molti piatti ed è anche veloce da preparare. Ma di fronte ad un buon brodo di carne, di manzo, vitello o pollo, tutti si inchinano. Serve per i risotti, per gli arrosti, per preparare un ottimo bollito, per cuocere i tortellini e le minestrine, anche solo per riscaldarsi nelle fredde serate invernali. Tutto facile? Sì, se sappiamo essere più forti degli errori. E come vedrete, ce ne sono diversi che forse in modo inconsapevole possiamo commettere.

brodo di carne
Canva

Se siete curiose di scoprire come (non) rovinare un buon brodo di carne, seguiteci e forse imparerete qualcosa di nuovo.

LA SCELTA DELLA CARNE: NON SCARTARE GLI SCARTI
Forse mai come nel brodo di carne è importante sapere scegliere i tagli giusti. Le prime volte lasciatevi consigliare dal vostro macellaio, senza andare a caso. Tanto, con il tempo diventerete così esperte da non avere più bisogno di nessuno.
E cosa può fare un buon macellaio? Dirvi che per un risultato ottimale servono anche gli scarti. Stiamo parlando delle ossa dei bovini, così come della cresta e del collo del pollo. Non vi diciamo necessariamente di portarli a tavola, anche se c’è chi li mangia o almeno li assaggia. Ma almeno aggiungeteli agli altri pezzi che avete scelto per il vostro brodo di carne. Aiuteranno a dare densità a ma anche sapore e il risultato finale sarà da applausi.
Lo stesso discorso vale per il grasso. Per un brodo eccellente occorrono pezzi di carne che hanno anche la loro parte callosa, anche se i manuali consigliano tutti di eliminare il grasso che affiora in superficie, usando un mestolo forato. Tutto vero almeno nella prima parte della cottura. Ma verso la fine, lasciatelo perché aiuta a dare sapore.

Brodo di carne eccezionale? Dovete fare così

FRETTA NEMICA DEL BUON BRODO

Avete i minuti contati? Allora non provate nemmeno a mettere su la pentola per il brodo, perché questa è una ricetta nemica della fretta. Come minimo deve cuocere 2 ore, ma se lo lasciate anche il doppio non è assolutamente un errore. Solo così infatti tutti i principi nutrizionali contenuti nella carne, nelle verdure ma anche negli scarti avranno il tempo di amalgamarsi bene con l’acqua. Inoltre, alla fine della cottura è sempre consigliato un riposo di almeno 30-40 minuti.

brodo
Canva

SALATURA E FILTRAGGIO, OPERAZIONI DA CURARE
Il brodo di carne deve essere salato, ma c’è il tempo giusto anche per quello. Mai all’inizio, questa regola è fondamentale. Infatti il brodo si ritira in cottura e la consistenza diventa più densa, concentrando tutto il sapore. Quindi partite solo con un pizzico di sale e il resto aggiungetelo solo a pochi minuti dalla fine.
Ultimo passaggio a prova di errore, il filtraggio del brodo di carne. Quello che portiamo nel piatto deve essere un liquido pulito e senza impurità. Ecco perché, quando è tutto pronto, filtratelo almeno con un colino a maglie strette.