Vuoi provare l’orgasmo simultaneo? Prova la posizione del ragno

Avete deciso di puntare alle stelle e provare a raggiungere insieme l’orgasmo simultaneo (per l’appunto). Lo sai che i “ragni” possono aiutarti?

No, no, che cosa hai capito, smetti di dare la caccia a tutti i ragni che si annidano negli angoli del soffitto di casa tua!
(Speriamo vivamente, oltretutto, che non ce ne siano molti anche se sappiamo bene che i ragni sono veramente dappertutto).

orgasmo simultaneo
(fonte: Unsplash)

Perché abbiamo iniziato questo articolo che parla di intimità nominando i ragni, gli animali generalmente più spaventosi che vivono nelle nostre case?
Semplice! Oggi abbiamo deciso di guidarti ad una posizione veramente fantastica quella, per l’appunto, del ragno. Sai a cosa serve?
Dai, siamo sicuri che hai indovinato: ecco come si fa!

Orgasmo simultaneo: se vuoi raggiungere l’orgasmo con il partner devi provare la posizione del ragno

Bene, basta parlare di aracnidi o, almeno, basta parlarne senza metterli in relazione all’intimità ed alla sessualità.
No, tranquilli: non vi stiamo suggerendo di indossare un costume da ragno, in pieno stile Halloween, per fare l’amore con il vostro partner stasera!

orgasmo simultaneo posizione del ragno
(fonte: Unsplash)

Quello che vorremmo aiutarvi a raggiungere è il tanto favoleggiato orgasmo simultaneo. E per farlo, sì, avrete proprio bisogno di provare la posizione del ragno.
Aiuto, ma di quale posizione si tratta? Niente paura, ci siamo noi a spiegarvela!

LEGGI ANCHE –> Sicura di conoscere le tue zone erogene? Ecco quelle femminili!

Dimenticate zampe pelose o ragnatele appiccicose; la posizione del ragno è proprio quella che vi serve per raggiungere, insieme al partner, l’orgasmo simultaneo.
Partiamo dalla posizione della donna: deve essere sdraiata sulla schiena e piegare le gambe all’insù, arrivando quasi a toccarsi i glutei con i talloni.
A questo punto, dovete alzarvi sulle dita dei piedi tirando su il bacino, in modo da avere le natiche sollevate!

Il vostro partner, appena avete “raggiunto” la posizione, dovrà insinuarvi tra le vostre gambe, aprendole quanto basta.
Si inginocchierà, quindi, di fronte a voi e vi sosterrà le natiche o le cosce con le mani, almeno in un primo istante.
Bene, siete in posizione? Adesso potete iniziare a darci dentro!

LEGGI ANCHE –> Come scoprire se tra di voi la tensione sessuale è al punto giusto

Secondo gli esperti, infatti, questo è il modo migliore per raggiungere l’orgasmo simultaneo oltre che, ovviamente, una delle posizioni migliori per far godere la parte femminile!
(Tragicamente lontana dall’orgasmo, soprattutto nelle relazioni eterosessuali).
La posizione si chiama posizione del ragno perché entrambi, uniti in questa strana coreografia, dovreste ricordare un ragno.
Ma è meglio non pensare agli aracnidi in questo momento!

La posizione del ragno dovrebbe permettervi di muovere il bacino in maniera circolare, cosa che, nelle altre posizioni, è generalmente un poco più difficile.
In questa maniera potete stimolare il punto all’interno della vagina che preferite di più, solleticarlo, “colpirlo” in maniera ritmica o seguendo il vostro gusto!
(Dopotutto ve lo abbiamo già detto quali sono le posizioni migliori per trovare il punto G: non è ora di iniziare a cercarlo?).

Inoltre, a quanto pare, la posizione vi permette di guardarvi negli occhi ma anche di stimolarvi e di toccarvi visto che tu hai le mani libere!
(Più o meno).
Insomma, la bottom line (e no, non è un gioco di parole) è che potete provare questa posizionedel ragno” in numerose versioni, dovete solo trovare quella che preferite!
La base ora la conoscete: potete decidere di appoggiarvi al muro per avere più supporto oppure di provare a mettervi per terra, usando dei cuscini per non farvi male.
L’idea è quella di connettersi con il partner in una posizione che, di tutte quelle presentate nel Kamasutra, è decisamente una delle meno complicate.
(Provare per credere).

Una volta che avrete assunto la posizione e che avrete iniziato il rapporto, sarete più in grado di comunicare, anche senza parole.
La donna viene stimolata o può stimolarsi da sola in modo da raggiungere l’orgasmo e, finalmente, il tuo partner può vedere tutto quello che succede.
A quel punto, quindi, l’orgasmo simultaneo non dovrebbe essere più solo un sogno ma, nelle parole di una famosa pubblicità degli anni scorsi, una solida realtà.

Che ne dite: vale la pena provare?
Dopotutto il 31 Ottobre si avvicina: perché non sbizzarrirsi con una posizionemostruosa” sotto le coperte (o anche sopra) per raggiungere insieme l’orgasmo?