Come pulire e cucinare la trippa? Trucchi e accorgimenti facili

Un buon piatto di trippa, indipendentemente della sua ricetta, è anche figlio della cura che metteremo nella sua pulizia. Imparate come fare

Uno dei piatti più tradizionali della cucina italiana, possiamo prepararlo in diverse versioni a seconda della scuola regionale ed è un secondo molto completo. Stiamo parlando della trippa: al sugo, con i fagioli, alla romana, alla milanese, in brodo, fritta, è buona in mille modi. Ma siano sicuri di pulirla e poi cucinarla correttamente? Seguite i nostri consigli e i nostro trucchi, forse scoprirete qualcosa di nuovo.

trippa
Canva

Anzitutto sfatiamo un mito: la trippa, che oin genere eè di bovino ma può arrivare anche dal maiale, è un alimento molto meno grasso di quello che molti credono. Ogni 100 grammi di prodotto sono soltanto circa 85 calorie. E il rapporto tra le proteine che ci trasmette e i grassi è decisamente a favore delle prime.
E allora, se avete deciso di comprare e cucinare la trippa, ecco quello che dovete fare. L’ideale è avere il classico macellaio di fiducia. Quello che macella in proprio, o comunque conosce benissimo la provenienza delle sue carni.

Come scegliere la trippa migliore da cucinare? Il suo colore deve essere più simile al grigio che al bianco. In questo secondo caso, significa che prima di essere messa in commercio l’hanno lavata più volte e quindi sarà comunque buona ma meno nutriente.

Come pulire e cucinare la trippa? I passaggi prima della ricetta

Quindi cosa dobbiamo fare? Fidarci ciecamente della troppa che abbiamo comprato e della sua pulizia oppure possiamo pulirla e lavarla noi? Il trucco giusto e quella di dare comunque una passata in casa ancora prima di cucinarla.

trippa
cana

Per questo il metodo più semplice è mettere a bollire un tegame con abbondante acqua acidulata con alcune gocce di limone. Poi prendete i pezzi della vostra trippa e scottateli velocemente per 30-40 secondi al massimo. Tirateli su e lasciateli sgocciolare, poi con un coltellino bel affilato raschiate  il grasso e i filamenti su entrambi i lati.

GUARDA  ANCHE : TUTORIAL CUCINA: trippa alla romana

Risciacquate di nuovo la trippa, poi adagiatela in una ciotola con acqua fredda e fettine di limone tenendola lì almeno mezz’ora. Sgocciolatela di nuovo e tagliatela a listarelle.
Ma c’è un ultimo passaggio che dovete osservare e poco importa se la preparazione diventerà più lunga. Mettete la bollire la trippa pulita in una pentola con un bordo vegetale fatto con acqua, carota, cipolla, costa di sedano, un bicchierino di aceto e sale. Cuocetela per circa 2 ore e lasciatela raffreddare completamente nel suo brodo. Poi scolatela prima di passare alla ricetta vera e propria.