Era un orgasmo? Se te lo sei chiesto, ecco come sfatare ogni dubbio

Non sempre si è in grado di riconoscere un orgasmo, il piacere femminile è molto vasto ma gli esperti ci spiegano come sfatare ogni dubbio.

Hai provato un tipo di piacere diverso dal solito e ripensandoci non sei sicura che fosse un orgasmo? Ma allora cos’era? I confini del piacere femminile sono molto vasti, per questo non è affatto facile riconoscere un orgasmo. Una donna potrebbe sperimentare diversi tipi di orgasmo, molto diversi tra loro come vaginale o clitorideo, a ciò si aggiunge un buon numero di idee preconcette che tentano di definire l’orgasmo che non fanno che confonderci ulteriormente. L’esperta sessuologa Anne-Marie Lazartigues fuorviarci,ha spiegato in modo semplice e chiaro come fare a capire se era un orgasmo oppure no ciò che abbiamo sperimentato.

riconoscere orgasmo
Photo AdobeStock

Spesso le donne che hanno un esplosione di piacere sentono di esprimerlo attraverso urla e gemiti, se ti incuriosisce sapere il perché, lo abbiamo spiegato qui: Ecco perché le donne urlano mentre fanno l’amore.

Può anche capitare di avere un orgasmo senza sentire il bisogno di urlare, come se fosse un orgasmo silenzioso che si sviluppa dentro di noi. Possiamo gridare nel più grande dei silenzi e tacere nella più grande euforia, siamo donne, gemere durante l’orgasmo è d’obbligo solo nei film.

LEGGI ANCHE —-> Perché l’amplesso stimola urla e gemiti? lui e lei lo fanno per un motivo diverso

Come riconoscere un orgasmo

Prova a giudicare la sensazione che hai avuto in base ad alcuni parametri, come ad esempio:

L’intensità

Secondo la Dottoressa Lazartigues, il motivo per il quale facciamo fatica a riconoscere un orgasmo potrebbe essere legato alla sua intensità. Per esempio l’orgasmo clitorideo è piuttosto intenso e preciso mentre l’orgasmo vaginale è molto più blando. E’ difficile capire se quest’ultimo è avvenuto davvero, la sensazione è quella che si è li li per raggiungerlo ma poi non segue nulla di preciso. In realtà l’orgasmo è avvenuto.

Rilassamento

Solitamente dopo un orgasmo clitorideo segue un gran rilassamento. Lo sforzo e l’intensità del piacere appena sostenuti ci fanno avvertire un’ascesa. Se dopo il picco del piacere non si avverte alcun rilassamento probabilmente si è trattato ancora una volta di un orgasmo vaginale, l’esperta precisa che: “L’orgasmo vaginale è spesso espresso in piccole onde sempre meno intense”, questo è il motivo per il quale la fine non è molto chiara, e di conseguenza anche il rilassamento immediato.

riconoscere orgasmo
Photo AdobeStock

Coinvolgimento

A volte si ha un’esplosione di piacere senza vivere una vera e propria esperienza di piacere. L”orgasmo clitorideo è spesso meccanico e potrebbe verificarsi anche in assenza di desiderio o eccitazione mentale. Questo spiega perché a volte pur non avendo affatto voglia di avere un rapporto sessuale alla fine ci siamo divertire lo stesso. La sessuologa spiega che: “In effetti, questo orgasmo clitorideo a volte è molto automatico, il cervello è altrove ed è presente solo l’eccitazione fisiologica, che assolutamente non impedisce l’orgasmo”.

Anorgasmia

Infine si potrebbe far fatica a riconoscere qualcosa che non si è mai avuto prima. I motivi per i quali una donna non riesce a raggiungere l’orgasmo sono diversi, solo un consulto con un medico potrebbe aiutare a definire la cause. Conoscere il proprio corpo solitamente aiuta molto. Esplorare e seguire la propria mappa del piacere, potrebbe essere un primo passo verso la scalata del piacere. L’orgasmo inoltre potrebbe dipendere dal partner, dalle esperienze passate e da fattori psicologici come traumi pregressi.