Tutti gli errori di stile che non sai di commettere sotto la pioggia

Anche in Italia ormai il clima è quasi come quello compreso tra i due tropici (del Cancro e del Capricorno) ecco perché è bene essere preparate per creare outfit ad hoc, a prova di pioggia. Scopriamo gli errori più diffusi che vanno assolutamente evitati.

Può capitare a tutte di essere pronte per uscire in occasione di un appuntamento – di lavoro o d’amore – e di rendersi conto solo una volta fuori dal portone che all’improvviso la pioggia ha avuto la meglio. Serata rovinata? Certo che no! Se però avevate optato per un bell’abito lungo o per un paio di – nuovamente in auge – pantaloni a zampa firmati allora è il caso di cambiarsi al volo. Vediamo le cadute di stile nella scelta del look autunnale per la pioggia.

Errori da non fare quando piove

Poppy Delevingne in perfetto outfit da pioggia, molto british
Fonte: Pinterest.

Quando piove, fossero anche solo “due gocce”, non bisognerebbe mai indossare i sandali. Ok, fresche di pedicure é normale ci si voglia mostrare nei dettagli ma non c’è alcun motivo di rovinare i tanto amati sandali in pelle lucida o in camoscio. Il rischio scivolone nella pozzanghera – mentre si resta in bilico tra il marciapiede e la pista ciclabile con monopattini che sfrecciano alla “Fast and Furious” ovunque – è altissimo.

Altra stranezza vista ancora e ancora negli anni, davvero in tutto il mondo, durante i pomeriggi più o meno piovosi sono gli ugg. A parte il fatto che il loro scopo iniziale fosse un altro e che non siano affatto impermeabili, una volta bagnati il segno della pioggia resterà lì, bello definito, per sempre e, di solito, su uno solo dei due.

Altro errore più diffuso di quanto si pensi riguarda le lunghezze, di gonne, vestiti e pantaloni. Inzuppare tessuti più o meno pregiati (talvolta rovinandoli irrimediabilmente) non ha alcun senso per non parlare poi del microclima polare che si creerà tra il jeans bagnato e la vostra gamba…

Kaia Gerber con gli Ugg
Fonte: Pinterest.

Evitare ad ogni costo tessuti delicati come la seta e la lana, perché per un temporale non val la pena di perdere capi costosi. Non serve indossare necessariamente materiali tecnici o idrorepellenti, potrebbe andar bene anche una felpa o un twin set. Per il “sopra” ok all’intramontabile trench a scelta tra Burberry, Peuterey o Patrizia Pepe, ed al sempre più amato trench trasparente in pvc. 

LEGGI ANCHE: Cinque errori di stile che non dovresti più commettere a trent’anni (chedonna.it)

L’errore più eclatante resta uno ed uno soltanto, ovvero quello di uscire senza ombrello. Per quanto possa piacere sentire una leggera pioggia fresca sul viso bisogna prevenire malanni ed arrivare intatte al nostro meeting. La prima impressione alla fine poi si sa, conta eccome.

Silvia Zanchi