Cistite: perché viene spesso e come prevenirla e curarla

La cistite è un problema che coinvolte ogni giorno tantissime donne. Scopriamo quali sono le cause principali e come agire per prevenirla.

Ogni donna si sarà trovata ad affrontare almeno una volta la cistite. Si tratta infatti di un problema femminile che nel corso della vita può presentarsi più volte e che, come ben sa chiunque l’abbia sperimentata, può essere decisamente seccante.

cistite
(Adobe Stock photo)

Si tratta infatti di un’infezione batterica che colpisce la vescica e che rende difficoltosa la minzione, portando anche a dolori importanti. Da recenti studi è emerso che tra le cause più ricorrenti ci sono l’esterichia coli e altri batteri intestinali che giunti dall’intestino finiscono con il colpire spesso la vescica.  Un vero problema che, sopratutto quando se ne soffre spesso, può diventare dannoso per la salute portando a patologie ben più gravi come, ad esempio, la vulvodinia.

Come fare quindi per evitare la cistite? Il trucco sta nell’imparare a prevenirla. Cosa che faremo partendo dal riconoscimento delle situazioni più a rischio per arrivare alle norme comportamentali da seguire.

Cistite: quali sono le situazioni in cui si rischia di contrarla più facilmente e come agire

Le cause che portano alla cistite sono tante e varie e non sempre è facile riconoscerle subito. Cerchiamo però di fare un punto almeno sulle situazioni più a rischio e sulle soluzioni che è possibile mettere in atto per cercare di prevenire il problema.

cistite
(Adobe Stock photo)

Come già accennato, la causa principale che porta alla cistite è la presenza di batteri che dall’intestino si spostano nella vescica. Un problema che spesso si presenta in chi ha problemi intestinali di vario tipo. In questo caso la miglior prevenzione sta nella massima igiene personale alla quale andrebbe sempre unita la ricerca di una soluzione per i propri problemi intestinali.

Un’altra situazione a rischio sono i rapporti sessuali dopo i quali è sempre consigliato urinare al fine di allontanare possibili batteri. Anche in questo caso conta molto anche l’igiene personale. Sopratutto quella che segue il rapporto.

LEGGI ANCHE -> Cistite dopo i rapporti: anche tu ne soffri? Ecco perché si sviluppa l’infezione e come puoi curarla

Anche l’assunzione di alcuni farmaci può portare alla cistite e ciò per via di un indebolimento del sistema immunitario. Situazione alla quale si può porre riparo grazie ad integratori specifici ed in grado di rafforzare la salute della vescica.

Prevenire la cistite? Si può: ecco come

Ovviamente, anche aver cura di se e seguire una buona prevenzione può essere d’aiuto, sopratutto nei periodi in cui si è più fragili e quindi maggiormente predisposte alle infezioni.

cistite
(Adobe Stock photo)

Facciamo quindi un breve elenco di tutto ciò che è possibile fare per evitare infezioni sgradite.

  • Bere tanta acqua
  • Avere cura della propria igiene intima
  • Correggere eventuali problemi intestinali
  • Usare saponi neutri e non aggressivi
  • Svuotare sempre bene la vescica quando si ha lo stimolo di urinare
  • Usare biancheria intima di cotone
  • Cambiare spesso l’assorbente quando si ha il ciclo
  • Mangiare in modo sano ovvero con tante fibre e pochi zuccheri
  • Inserire una buona dose di flavonoidi nella propria alimentazione

Seguire queste indicazioni di massima è già un buon modo per tenere il più possibile lontane le infezioni.

Cosa fare quando si presenta

Ovviamente, può capitare che nonostante tutte le precauzioni del caso, la cistite si presenti comunque. Se ciò avviene è molto importante evitare il fai da te e rivolgersi ad un medico già dai primi sintomi.

LEGGI ANCHE -> Si può fare l’amore anche quando hai la cistite? Ecco tutte le informazioni che devi conoscere

cistite
 (Adobe Stock photo)

In questo modo si eviterà di peggiorare la situazione che, se presa per tempo, può portare ad una guarigione rapida. In genere tra i sintomi da tenere sotto controllo ci sono:

  • Bruciore alla minzione
  • Dolore alla vesica
  • Aumento dello stimolo di urinare
  • Senso di incompleto svuotamento
  • Peso sovrapubico

In rari casi possono presentarsi tracce di sangue nelle urine che possono essere la spia di una cistite batterica. In tal caso una visita dal proprio medico saprà individuare la causa effettiva per poi arrivare alla cura.

Per la diagnosi occorre solitamente la visita medica ed un esame delle urine volto a rilevare eventuali batteri. Fatto ciò, in base alla causa e alla gravità della situazione, si potrà far uso di disinfettanti urinari o di antibiotici.

Farmaci con i quali è sempre bene non abusare. Motivo per cui, in caso di cistiti recidivanti è bene chiedere parere ad un medico esperto al fine di curare il problema alla base.