Lo stile androgino di Cristina Buccino! Copia il look spendendo poco!

Lo stile androgino ha sempre affascinato in molti, da Chanel a Yves Saint Laurant. Vuoi ricreare un total look, ma spendendo molto poco? Ecco la guida di stile che fa per te! Creiamo un outfit in stile androgino, con i capi di Asos e Cristina Buccino!

Nella moda esistono le tendenze, i capi stagionali, le collezioni. E poi esistono alcuni capi, che fanno richiamo ad alcuni stili ben precisi, che non hanno bisogno di tutto ciò. Sono gli evergreen della moda, i MUST-HAVE da non poter assolutamente non avere. Quale sarà, quindi, lo stile evergreen di cui parleremo oggi? Lo stile androgino, e ci faremo aiutare dall’outfit indossato a Venezia da Cristina Buccino!

stile androgino
Foto da Instagram @cribuccino

Avete presente quando sentite la necessità che il vostro abbigliamento rispecchi il vostro stato d’animo? Quando cercate all’infinito nell’armadio quello specifico capo che vi serve a tutti i costi perché racconta esattamente quello che siamo? Oggi, parleremo proprio di questo.

Perché si mie care, la moda non è solo quell’industria milionaria che sforna collezioni, vestiti, che paga le influencer per fare indossare i propri capi ecc. ecc. La moda è molto di più. È l’arma che possiamo utilizzare ogni giorno quando scendiamo nel campo di battaglia della nostra quotidianità. È lo specchio del nostro Io, e la maschera, che togliamo e indossiamo ogni volta che vogliamo.

Poi esistono dei particolari stili di abbigliamento disegnati e pensati con uno specifico scopo, spesso comune a molti.

Uno di questi stili sarà il protagonista della nostra guida di stile di oggi. Stiamo parlando dello stile androgino!

Ma cos’è lo stile androgino? In cosa consiste? E come si crea? 

Rispondiamo a tutte queste domande con questa guida di stile targata CheDonna, facendoci aiutare da Cristina Buccino e con i capi di Asos!

Stile androgino: come ricrearlo dalle basi! Con l’aiuto di Cristina Buccino e i capi di Asos!

stile androgino
Collage da Instagram @cribuccino

Iniziamo con le definizioni: lo stile androgino è quel particolare stile di abbigliamento femminile che gioca sul contrasto tra femminilità e mascolinità. Si tendono ad utilizzare dei capi, o degli accessori, che sono sempre stati limitati al mondo maschile, e che descrivono un uomo elegante e compito.

Nel 2021 pensare ad abbigliamento solo per donna e solo per uomo, oltre che ad essere fuori tempo e anacronistico, è anche antico. Per questo bisogna fare molta attenzione a descrivere e ad utilizzare lo stile androgino: non è vestirsi da qualcuno che non si è, ma mostrare un lato di noi stesse che generalmente non verrebbe fuori.

Lo stile androgino è in uso già da molti anni: dagli anni ’20 questo stile spicca il volo. Le donne, dopo gli anni della Prima Guerra Mondiale, sono donne diverse. Lavorano; le famiglie vanno avanti grazie a loro. Gli uomini non ci sono, poiché quasi tutti in guerra, e le donne prendono il loro posto nei luoghi di lavoro, e anche all’interno della famiglia.

Quindi nasce un senso di libertà, di emancipazione, che però ha bisogno di essere esternato anche grazie all’abbigliamento. E come fare? Prendendo i capi più stereotipati dell’universo maschile e rendendoli moda per l’universo femminile.

Completi gessati, cappelli a tesa larga, mocassini, camicie con colletto, straccali e capelli ingelatinati. Questi sono i punti cardine di uno stile androgino.

È nato molto prima, ma nella storia della moda lo stile androgino prende il via grazie allo stilista Yves Saint Laurent, e alle sue giacche doppio petto! Lo stilista francese, che ha lavorato per Christian Dior e con il quale ha descritto una donna forte ma frivola, che vuole tornare alle gonne e agli abiti serali, capisce che in realtà la donna è molto altro. I primi completi rilegati all’universo femminile sono proprio YSL, e dopo molti anni continuano a mantenersi nel podio dello stile androgino.

Ma entriamo nel vivo di questa guida di stile: Cristina Buccino è stata la scorsa settimana a Venezia, per la Mostra del Cinema che si è tenuta in queste settimane. Nel suo profilo Instagram ha indossato un completo in perfetto stile androgino che non è passato inosservato alle amanti della moda, e quindi a noi di CheDonna.

Cristina Buccino indossa un completo gessato di Yves Saint Laurent, base grigio scuro con le righe verticali di un tessuto lurex, luminoso. Per renderlo più sensuale, Cristina Buccino ha indossato sotto alla giacca solo un top reggiseno. Ha chiuso poi il tutto con un sandalo stringato aperto e una borsa a mano firmata Bottega Veneta.

Non serve che immaginiate il prezzo in grandi linee dell’outfit di Cristina Buccino: ve lo dico io, è impensabile.

Ma dovete immaginare una cosa: le nostre care e amatissime influencer sono pagate e sponsorizzate dai brand di abbigliamento per indossare uno o l’altro capo. Quindi, per essere alla moda, non è affatto necessario acquistare capi griffati e prosciugarci i conti in banca. Serve solo seguire le linee guida di CheDonna e un pizzico di creatività!

Come creare uno stile androgino, in linea con le tendenze del 2021? Con i capi di Asos!

Ho selezionato per voi un completo gessato di color blu, composto da una giacca taglio blazer, ma corta, ed una gonna a vita alta. Lo stile androgino è stato modificato per incontrare le mode del 2021! I prezzi? La giacca ha un costo di €37,99 e la gonna invece la potete acquistare in questo momento con lo sconto del 50%, a ben € 13,95.

Vedete, la moda è arte e passione. Ma è anche ingegno. Basta solo sapere cosa indossare, e il gioco è fatto. Potete creare il vostro outfit che più vi piace, seguendo le tendenze ma spendendo pochissimo!

LEGGI ANCHE: Chiara Ferragni indossa Intimissimi sui social: scoppia la polemica!

stile androgino asos
Foto da sito ufficiale Asos

Anche per oggi termina qui la guida di stile più trendy di tutto il web, oggi incentrata sullo stile androgino e sul total outfit di Cristina Buccino indossato a Venezia.

Siete curiose di sapere cosa si celerà dietro alla prossima guida di stile? Non vi resta che aspettare fino a domani, ne vedremo delle belle!

Emanuela Cappelli