Luciano Ligabue, chi è: età, altezza e il suo dolore più grande

Luciano Ligabue è uno degli artisti italiani più amati di sempre. Conosciamolo meglio attraverso la sua carriera e la vita privata.

Luciano Ligabue è uno dei nomi più noti nel panorama della musica italiana. Cantautore di successo è infatti amato da diverse generazioni e questo grazie ai suoi brani sempre attuali che ben si sposano con ritmi e melodie sempre a passo coi tempi.

Ligabue
Foto da Instagram @ligabue_official

Ma chi è davvero Luciano Ligabue? Proviamo a conoscerlo meglio ripercorrendo la sua carriera e scoprendo alcuni aneddoti importanti della sua vita privata. Aneddoti tra i quali si cela anche un passato doloroso e che gli ha segnato la vita.

Chi è Luciano Ligabue, il cantautore italiano conosciuto da tutti per i suoi grandi successi

ligabue
Foto da Instagram @ligabue_official
  • Nome: Luciano Riccardo Ligabue
  • Data di nascita: 13 Marzo 1960
  • Luogo di nascita: Correggio (Reggio Emilia)
  • Età: 61 anni
  • Altezza: 170 cm
  • Peso: 72 kg
  • Segno zodiacale: Pesci
  • Professione: Cantautore, sceneggiatore e produttore
  • Titolo di studio: Diploma in ragioneria
  • Account social: Instagram @ligabue_official
  • Sito web: /

Luciano Ligabue ha senza alcun dubbio una fama che lo precede. Cantautore rock di successo è autore di brani che resteranno per sempre indelebili nella memoria e che per certi versi hanno fatto la storia del rock italiano.

La sua passione per la musica, dopotutto, è nata molto presto facendosi spazio tra un impegno e l’altro. Da giovane, infatti, Ligabue ha svolto lavori di ogni tipo passando dal ragioniere al conduttore radiofonico al commerciante.

LEGGI ANCHE -> Ligabue, nuovo singolo in uscita: dopo 14 anni, torna a cantare con Elisa

Nel 1978 inizia a fare sul serio scrivendo il suo primo singolo dal titolo “Cento lampioni”. Un brano che non verrà mai pubblicato e che lo spinge a fondare un gruppo (Orazero) con alcuni amici. Il suo primo vero successo, tra concorsi ed esibizioni varie risale al 1968 con il brano “Anime in plexiglas/Bar Mario”. Un brano che lo porta a vincere un concorso.

Scoperto da Pierangelo Bertoli, inizia pian piano a farsi conoscere, uscendo nel 1990 con un disco dal titolo “Ligabue”, prodotto insieme ad un nuovo gruppo chiamato i Clan Destino.
Sempre nel 1990 arriva al festival bar con Balliamo sul mondo, ottenendo il disco verde come miglior cantante emergente.

Un riconoscimento che aprirà le porte alla carriera prolifica che tutti conosciamo e che lo porterà, cinque anni dopo, a diventare una vera celebrità grazie all’album “Buon compleanno Elvis”.

Certe notti, il brano di successo che lo ha reso immortale

Tra i tanti brani di Ligabue, e ce ne sono davvero tanti, uno che viene sempre ricordato con particolare emozione è “Certe notti”. Una canzone più melodica rispetto alle altre ma intrisa al contempo di un fascino particolare che l’ha resa intramontabile e sempre attuale.

Certe notti la macchina è calda
E dove ti porta lo decide lei
Certe notti la strada non conta
E quello che conta è sentire che vai
Certe notti la radio che passa Neil Young
Sembra avere capito chi sei
Certe notti somigliano a un vizio
E tu non vuoi smettere, smettere mai

Certe notti fai un po’ di cagnara
Che sentano che non cambierai più
Quelle notti, fra cosce e zanzare
E nebbia e locali a cui dai del tu
Certe notti c’hai qualche ferita
Che qualche tua amica disinfetterà
Certe notti, coi bar che son chiusi
Al primo autogrill c’è chi festeggerà

E si può restare soli, certe notti qui
Che chi s’accontenta gode, così così
Certe notti sei sveglio o non sarai sveglio mai
Ci vediamo da Mario prima o poi

Certe notti ti senti padrone
Di un posto che tanto di giorno non c’è
Certe notti se sei fortunato
Bussi alla porta di chi è come te
C’è la notte che ti tiene fra le sue tette
Un po’ mamma, un po’ porca com’è
Quelle notti da farci l’amore
Fin quando fa male, fin quando ce n’è

E si può restare soli, certe notti qui
Che se ti accontenti godi, così così
Certe notti son notti o le regaliamo a voi
Tanto Mario riapre, prima o poi
Certe notti qui, certe notti qui
Certe notti qui, certe notti

Certe notti sei solo più allegro
Più ingordo, più ingenuo e coglione che puoi
Quelle notti son proprio quel vizio
Che non voglio smettere, smettere, mai

E si può restare soli certe notti qui
Che chi s’accontenta gode, così così
Certe notti sei sveglio o non sarai sveglio mai
Ci vediamo da Mario prima o poi

Certe notti qui
Certe notti qui
Certe notti qui

Una canzone che tutti hanno cantato almeno una volta nella vita e che è anche la prima che viene in mente quando si parla di Ligabue.

Piccola stella senza cielo: uno dei successi più grandi di Ligabue

Un altro brano estremamente famoso di Ligabue è “Piccola stella senza cielo”. Una canzone amata e conosciuta in cui si può assaporare lo stile rock e melodico del cantante.

Cosa ci fai
In mezzo a tutta questa gente
Sei tu che vuoi
O in fin dei conti non ti frega niente
Tanti ti cercano
Spiazzati da una luce senza futuro
Altri si allungano
Vorrebbero tenerti nel loro buio

Ti brucerai
Piccola stella senza cielo
Ti mostrerai
Ci incanteremo mentre scoppi in volo
Ti scioglierai
Dietro a una scia, un soffio, un velo
Ti staccherai
Perché ti tiene su soltanto un filo, sai

Tieniti su
Le altre stelle son disposte
Solo che tu
A volte credi non ti basti
Forse capiterà
Che ti si chiuderanno gli occhi ancora
O soltanto sarà
Una parentesi di una mezz’ora

Ti brucerai
Piccola stella senza cielo
Ti mostrerai
Ci incanteremo mentre scoppi in volo
Ti scioglierai
Dietro a una scia, un soffio, un velo
Ti staccherai
Perché ti tiene su soltanto un filo, sai

Ti brucerai
Piccola stella senza cielo
Ti mostrerai
Ci incanteremo mentre scoppi in volo
Ti scioglierai
Dietro a una scia, un soffio, un velo
Ti staccherai
Perché ti tiene su soltanto un filo

Un altro brano famoso, non solo per la musica ma anche per il testo, particolarmente apprezzato.

Ligabue e la vita privata: moglie e figli del cantante

Riservato come pochi altri, Luciano Ligabue è attualmente sposato con la sua ex fisioterapista che si chiama Barbara Pozzo. Con lei ha avuto una figlia di nome Linda che oggi ha dieci anni.

In passato, il cantautore ha avuto un’altra relazione dalla quale è nato il primogenito Lenny, anche lui musicista, tanto da suonare la batteria in alcuni pezzi del padre. Da sempre legato alla famiglia, Ligabue si è sempre detto monogamo e interessato ad avere una relazione stabile e, ovviamente, una famiglia.

Il suo sogno è infatti sempre stato quello di avere una famiglia numerosa. Desiderio che non ha potuto realizzare per via del destino, sebbene possa sempre considerare sui suoi due amatissimi figli.

Il dolore più grande di Ligabue: la perdita dei figli

Sebbene sia una persona riservata, Ligabue porta con se un grande peso che, ad un certo punto della carriera, ha scelto di condividere con tutti.

Nella sua storia genitoriale ci sono infatti tre importanti perdite. Due aborti subiti dalla prima moglie ed un terzo subito da Barbara Pozzo. Dei lutti che il cantante porta ancora con se, sopratutto perché il terzo è subentrato al sesto mese di gravidanza della moglie, nascendo quindi già privo di vita.

A al proposito, il cantautore si è espresso ricordando che la perdita di un figlio, anche se ancora non nato, equivale ad un lutto che non trova casa. Un lutto che non viene quasi mai considerato come tale e che invece è un dolore che segna per sempre chi lo prova. Parole toccanti che lasciano immaginare la sofferenza provata e che, probabilmente, rimarrà sempre presente nella sua vita.

LEGGI ANCHE -> Ligabue e la sua verità sulla foto del bacio gay (e sulla sigaretta)

Ligabue al di là della musica

Luciano Ligabue, non è solo uno stimato cantautore. È stato infatti anche regista di “Radiofreccia”, storia lievemente autobiografica che lo ha portato ad ottenere consensi dalla critica nonché 3 David di Donatello. Successo al quale ha fatto seguire “Da zero a dieci” e altri successi come “Campovolo”.

La sua carriera da regista si è estesa anche ai video musicali, come “Gli ostacoli del cuore”, brano da lui scritto per Elisa.

Oltre a ciò, Ligabue ha scritto anche dei libri con raccolte di racconti che hanno vinto diversi premi e ai quali sono seguiti poi anche dei romanzi. Si tratta, insomma, di un autore prolifico e ricco di talento che sebbene ami vivere la sua vita lontano dai riflettori, quando sceglie di scendere in campo sa sempre come farsi notare.

A seguire il testo e il video de “Gli ostacoli del cuore”.

C’è un principio di magia
Fra gli ostacoli del cuore
Che si attacca volentieri
Fra una sera che non muore
E una notte da scartare
Come un pacco di natale
C’è un principio d’ironia
Nel tenere coccolati
I pensieri più segreti
E trovarli già svelati
E a parlare ero io
Sono io che li ho prestati
Quante cose che non sai di me
Quante cose che non puoi sapere
Quante cose da portare nel viaggio insieme
C’è un principio di allegria
Fra gli ostacoli del cuore
Che mi voglio meritare
Anche mentre guardo il mare
Mentre lascio naufragare
Un ridicolo pensiero
Quante cose che non sai di me
Quante cose che non puoi sapere
Quante cose da portare nel viaggio insieme
Quante cose che non sai di me
Quante cose devi meritare
Quante cose da buttare nel viaggio insieme
C’è un principio di energia
Che mi spinge a dondolare
Fra il mio dire ed il mio fare
E sentire fa rumore
Fa rumore camminare
Fra gli ostacoli del cuore
Quante cose che non sai di me
Quante cose che non puoi sapere
Quante cose da portare nel viaggio insieme
Quante cose che non sai di me
Quante cose che non vuoi sapere
Quante cose da buttare nel viaggio insieme

Un video che è stato estremamente apprezzato, come ovviamente il brano da lui scritto.

Ligabue: cosa fa oggi

Oggi, Luciano Ligabue, continua a svolgere il suo lavoro, allietando tutti con la sua musica e non solo e vivendo nel privato come marito e padre amorevole e orgoglioso dei propri figli.