Alessandro Borghi fuori di se sbotta con i fan: “Non vi sopporto più”

Una serie di video su Instagram e Alessandro Borghi è letteralmente un fiume in piena: svolta e apostrofa i fan senza mezzi termini.

Alessandro Borghi è finito, quasi senza accorgersene, nell’occhio del ciclone.

Una sua frase, proposta durante un’intervista e poi riportata via social da alcune testate, ha scatenato l’indignazione dei fan.

L’accusa è di quelle pesanti: sessismo. Pare però che, a conti fatti, quello veramente indignato sia proprio lui, Alessandro Borghi, che adesso decide di rispondere per le rime.

Alessandro Borghi, una furia su Instagram

Alessandro Borghi storierà
Foto da Instagram @alessandro.borghi

“Ciao ragazzi, volevo dire una cosa e sfrutto questi due gin tonic che mi sono bevuto.

Ho visto che il Corriere e Huffpost hanno riportato un estratto di un’intervista completa, quindi vuol dire una cosa che va contestualizzata, di appunto una mia intervista dove parlavo del fatto che secondo me un esser umano, un uomo (perché io parlavo di me non parlavo del genere umano) per completare la sua esistenza su questo Pianeta abbia bisogno di una persona vicino che lo innalzi e lo porti, come dire, a migliorarsi. Voi avete fatto tutti dei commenti dove dite che questa è una cosa sessista.

Ma quanto siete stupidi p***a p*****a, è incredibile questa cosa. che bello questo mondo! Bravi! Andate a commentare tutti i post del Corriere daje!”

Esordisce così Alessandro Borghi sulle sue Instagram stories ma poi, tra una risata e l’altra, l’attore puntualizza:

“Scusate, mi fa troppo ridere questa cosa. Tutte le cose che finiscono con -ismo ragazzi, se non si sanno maneggiare bene, sono molto pericolose, capito? State attenti”

La furia però prende il sopravvento e, ancora una volta, Borghi deve mettere i puntini sulle I:

Non vi sopporto più! Meno male che ci sono i miei amici che vi insultano perché io non posso.”

Alla fine però un po’ di speranza nel genere umano rimane e così Alessandro Borghi conclude dicendo:

“Per fortuna però, questo ci tengo a dirlo, dobbiamo sempre ricordarci che ci sono 39 commenti sotto Huffpost e 450 sotto il Corriere, che sono quindi 500 persone: per fortuna noi siamo molti di più, ricordiamocelo sempre!”

LEGGI ANCHE –> Alessandro Borghi e la confessione sulla malattia di cui soffre: “Ecco perché vi dico tutto”

Per la serie, alla fine un po’ di luce in fondo al tunnel c’è sempre. Ma come giudicare la reazione di Alessandro Borghi? Certo, non possiamo dire sia stata pacata ma fino a che punto una persona, sebbene personaggio pubblico, deve tacere e abbozzare di fronte a situazioni che ritiene palesemente offensive?

Eh sì, non è semplice dirimere la questione però forse ei social servono anche a questo: dare voci a turbamenti che altrimenti sarebbero rimasti taciuti. Passi allora anche un pizzico di furia in più.