Sogni una pasta al burro perfetta? Ecco gli errori da non fare mai

La pasta al burro è un piatto semplice e molto goloso che può nascondere alcune insidie. Scopriamo quali sono e impariamo a riconoscere gli errori da non fare mai.

Quando si pensa alla cucina si ha l’errata convinzione che ad essere complicati siano solo i piatti super elaborati. Ciò porta a pensare che non saper cucinare quelli più semplici indichi una scarsa propensione ai fornelli. La verità, è che le insidie si celano anche dietro le preparazioni apparentemente più semplici.

Un esempio? La pasta al burro, amatissima da tanti, può non riuscire sempre buona o esserlo meno di quanto potrebbe. E tutto per alcuni errori banali che una volta conosciuti ed evitati possono portare ad un risultato davvero ottimo. Scopriamo quindi come muoverci per ottenere la miglior pasta al burro di sempre.

Gli errori da non fare mai quando si prepara la pasta al burro

pasta al burro
Foto da Adobe Stock

Una ricetta semplicissima che, sopratutto in estate, si ama preparare è la pasta al burro. Pronta in poco tempo, richiede scarsa attenzione, consentendo di concentrarsi sul secondo o su eventuali contorni.

LEGGI ANCHE -> Sogni di preparare l’omelette perfetta? Ecco gli errori da non fare mai

Eppure, non sempre il risultato finale è quello che ci si attende. E forse l’errore principale sta proprio in alcune distrazioni che andrebbero evitate. Scopriamo quindi quali sono gli errori da evitare d’ora in avanti per gustare al meglio la pasta al burro.

Usare il burro appena tolto dal frigorifero. Iniziamo con il protagonista della nostra pasta, ovvero il burro. Per ottenere un piatto goloso è importante che il burro sia estratto almeno 30 minuti prima dal frigo. Se non è a temperatura ambiente, infatti, a causa di un processo chimico che da freddo gli impedisce di agire normalmente, finirebbe con il risultare poco cremoso. E nessuno vorrebbe una pasta al burro poco cremosa, no?

Sbagliare il formato di pasta. Questa ricetta richiede necessariamente una pasta lunga. Ciò consente infatti di condirla per bene in ogni parte e di distribuire il burro al fine di non arrivare a trovarselo tutto sul fondo del piatto. Certo, è possibile anche preparare tortelli o pasta corta con il burro ma se si è alle prime armi o poco ferrati, la scelta migliore è quella di partire da spaghetti o fettuccine.

Cuocere la pasta in modo errato. Ovviamente la pasta andrà cotta per il giusto tempo in quanto è importante che rimanga al dente. Per far si che ciò avvenga è importante basarsi sui tempi indicati sulla confezione e cuocerla un minuto in meno. Quello che manca si recupererà poi in padella per la mantecatura finale. Passo che senza questa accortezza porterebbe la pasta a scuocersi.

Non mantecare la pasta. E parlando di mantecatura, è fondamentale scolare la pasta in padella e aggiungerle il burro per mantecarla. L’amido della pasta, infatti, aiuterà a creare (insieme al burro) l’effetto cremoso tanto desiderato. Mai più pasta messa sul piatto e condita successivamente. In questo modo il risultato finale sarà banale e affatto cremoso.

Aggiungere il parmigiano alla fine. Anche il parmigiano gioca un ruolo importante e sebbene molti si ostinino ad aggiungerlo solo alla fine è importante inserirlo quando la pasta è ancora in padella. Il suo contributo donerà un sapore più rotondo al nostro piatto portando la pasta al burro ad essere così buona da sembrare un piatto gourmet.

LEGGI ANCHE -> Stai per portare in tavola la mozzarella? Ecco gli errori che non devi assolutamente fare

Evitare questi errori è la chiave giusta per ottenere la miglior pasta al burro di sempre. Ottima da mangiare in famiglia ma anche da offrire persino agli amici. Il suo sapore sarà infatti così pieno e goloso da sembrare un piatto del ristorante. Provare per credere.

Gestione cookie