Le brutte malattie delle nipoti di Elisabetta II che ora sono i loro “superpoteri”

Le malattie delle nipoti della Regina Elisabetta II non sono mai state sbandierate e non sono mai state offerte in pasto ai media, ma hanno segnato in maniera molto profonda la vita delle figlie del Duca di York e Sarah Ferguson.

Meno belle, meno magre e meno raffinate di Kate e Meghan, Eugenia e Beatrice di York non sono molto conosciute e nemmeno particolarmente amate al di fuori dei confini del Regno Unito, ma sono le nipoti più care al cuore di Elisabetta II, che per loro ha sempre avuto un occhio di grande riguardo.

Fin da bambine le due Principesse sono state molto unite e hanno attraversato insieme il difficilissimo periodo dello scandalo del divorzio del Principe Andrea da Sarah Ferguson.

I due, innamoratissimi al momento delle nozze, inaugurarono la lunga serie di scandali contemporanei della famiglia reale, poiché il loro divorzio fu precedente a quello di Carlo e Diana e catturò ovviamente tutta la selvaggia attenzione della stampa.

Quello del divorzio dei genitori non fu l’unico dramma che Eugenia e Beatrice di York dovettero affrontare: entrambe sono state colpite da due malattie molto diverse tra loro che hanno influito in maniera molto forte sulla loro autostima e sulla loro vita.

Oggi però le due principesse si sono trasformate in due donne forti e felici e si sono trasformate nei simboli inglesi della lotta a due problemi di salute che affliggono moltissime persone al mondo.

Le malattie delle nipoti della Regina Elisabetta oggi sono i loro “superpoteri”

malattie nipoti regina elisabetta
(Instagram)

Quando la Principessa Eugenia (quella con i capelli castani) si è sposata, ha scelto un’acconciatura raccolta su cui posava una splendida tiara su cui era incastonato uno sbalorditivo diamante. Il suo bellissimo e semplicissimo abito da sposa aveva una profonda scollatura sulla schiena, che in questo modo rimaneva scoperta per oltre metà. Beatrice non volle alcun tipo di velo o di coprispalle, e il motivo è molto, ma molto più nobile e coraggioso di quanto ci si possa aspettare.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gown Town (@gowntowngownz)

All’età di 12 anni la Principessa Eugenia è stata sottoposta a un invasivo intervento per correggere la sua scoliosi. La scoliosi è una diffusa deformazione della colonna vertebrale che, se non curata nella maniera corretta, può portare a problemi di deambulazione, artrite e addirittura all’impossibilità di camminare correttamente.

La Principessa, che da anni gestisce le attività della Famiglia Reale a sostegno dei malati di scoliosi, ha sempre sostenuto di non vergognarsi affatto della propria cicatrice e ha voluto mostrarla orgogliosamente anche nel giorno del proprio matrimonio per mandare un fortissimo messaggio di body positivity!

La malattia della Principessa Beatrice e del neo marito

malattie nipoti regina elisabetta
(Instagram)

Il marito della Principessa Eugenia è di origine italiana e si chiama Edoardo Mapelli Mozzi. Purtroppo la cerimonia del loro matrimonio è stata rimandata più volte a causa dell’epidemia di Coronavirus e si è tenuta in forma privatissima: vi hanno partecipato soltanto i membri della famiglia reale e un felicissimo Principe Filippo in una delle sue ultime partecipazioni a eventi formali prima della morte.

Leggi Anche => Il Principe Andrea cancellato dalla famiglia reale: fu escluso dalle foto del matrimonio della figlia

Anche se non sono in molti a saperlo, la principessa Beatrice è dislessica fin da quando era bambina, in forma anche piuttosto grave.

La Principessa ha raccontato che a scuola veniva considerata poco intelligente, sempre distratta e poco sveglia, rimaneva sempre indietro con i compiti e non riusciva nemmeno a leggere alla lavagna, facendo grande fatica anche a seguire le lezioni.

Questa situazione si è protratta per diverso tempo, influendo in maniera molto negativa sulla sua autostima, fino a che, all’età di sette anni non le è stata diagnosticata la dislessia e ha cominciato a seguire delle terapie mirate al superamento di questo problema.

Oggi la dislessia per Beatrice è un ricordo lontano: la Principessa “poco intelligente” si è laureata in Storia con altissimi voti.

Dal 2013 Beatrice è i patrono della Helen Arkell Dislexia Charity, il centro dove lei stessa venne curata per i suoi problemi di lettura e di scrittura e la sua presenza è estremamente attiva.

Oggi Beatrice è addirittura in grado di scherzare sulla dislessia. Recentemente, parlando di quanto sia stato difficile per lei aiutare il figlio nato dal primo matrimonio di suo marito con la DaD ha detto: “Non sono molto brava nell’aiutare con i compiti a casa … e stavolta non posso nemmeno dare la colpa alla dislessia!”

Tra le altre cose, anche Edoardo Mapelli Mozzi, marito di Beatrice, è stato dislessico da bambino. Questo ha avvicinato i due innamorati ancora di più, ma espone i loro figli alla possibilità di manifestare a loro volta la dislessia.

La Principessa Beatrice ha affermato che non si tratta affatto di un problema, perché sia lei sia Edoardo sono perfettamente consapevoli di quali saranno le difficoltà di un bambino dislessico e saranno pronti a trasformarle in un “superpotere”, esattamente come hanno fatto loro da bambini, quando hanno dovuto impegnarsi con costanza per “vedere il mondo da un altro punto di vista”.

Se non sono vere Principesse queste!