Parlare a voce troppo alta: ecco a cosa è dovuto e come rimediare con un po’ di esercizio

donna che urla
Foto Adobe Stock

Parlare a voce troppo alta è una pessima abitudine, molto comune. Ci sono intere famiglie che comunicano urlando! Ecco quali sono le spiegazioni e come si può rimediare.

In ogni persona la voce è importante. E’ quella componente fondamentale per dare credibilità, enfasi e memorabilità a ciò che si dice. Tono e timbro (cristallino, roco, squillante etc.) rendono ogni voce unica e irripetibile. Possiamo pure imitare una voce ma non ne troveremo mai due uguali!

Dietro ogni voce c’è una macchina perfetta: è una questione di polmoni, corde vocali, laringe, bocca, denti, lingua. Anche solo il cattivo funzionamento di uno di questi ‘anelli’, comporta una falla nell’intera ‘catena’. Tutto questo complesso apparato viene guidato dall’area cerebrale di Broca.

Quando parliamo, facciamo sempre attenzione a modulare bene il tono della voce. Se si mantenesse uniforme, dall’inizio alla fine di una conversazione, risulterebbe noioso e persino stancante.

Va bene, quindi, rimodulare il tono della voce durante una conversazione. L’obiettivo è quello di evitare di parlare a voce troppo alta; quando capita spesso, allora significa che c’è una cattiva abitudine da correggere. Vediamo insieme quali sono i trucchi per riuscirci con successo.

Parlare a voce troppo alta: i consigli giusti per rimediare!

donna che urla
Foto Adobe Stock

Dalla scienza arrivano tante spiegazioni sul parlare a voce troppo alta. Secondo alcuni, aiuterebbe a capire meglio i propri pensieri, focalizzando bene anche sulle decisioni importanti da prendere.

Per altri esperti, invece, è un meccanismo con il quale l’uomo si allontana dalla sua essenza più autentica, rafforzando un ego quasi sempre inconsistente. Un po’ come dire: voce grossa ma poca sostanza!

Al di là delle possibili cause, resta il fatto che parlare a voce alta è molto fastidioso per chi ascolta. E’ una cattiva abitudine comunicativa molto diffusa in tante famiglie. Senza contare che, sforzarsi troppo, può portare all’afonia. Ma, per fortuna, ci sono dei rimedi validi per raddrizzare subito il tiro. Ecco quali sono!

LEGGI ANCHE –> La voce femminile stanca il cervello maschile, lo dice la scienza

  • Cerca di ascoltarti quando parli – Non è facile, c’è il rischio che questa tecnica possa distrarti, facendoti perdere la concentrazione su ciò che stai dicendo. Ma, se puoi, registra la tua voce mentre conversi e poi riascoltala.
  • Alzi la voce entro una ‘soglia limite’ accettabile? Per capirlo, chiedi il parere dei tuoi amici, oppure riascolta le registrazioni. Una cosa è certa: non è mai piacevole sentirsi dire che si parla urlando!
  • Esercitati a parlare piano – Per un giorno intero, in famiglia e al lavoro. E’ un esercizio che ti aiuterà a rimodulare progressivamente il tono della voce. Qualcuno sicuramente ti chiederà di ripetere ciò che hai appena detto, ma non scoraggiarti. Seguendo questo questo consiglio e, con un po’ di costanza, avrai buoni risultati in poco tempo.
  • Non parlare con persone troppo distanti da te – Almeno fino a quando non avrai corretto la pessima abitudine di parlare alzando troppo la voce.
  • Elimina lo scambio di battute inutili – Togli tutti i fronzoli dalle tue conversazioni. Prima di dire qualsiasi cosa, pensa se c’è davvero un valido motivo per farlo. Intendiamoci, non devi ridurre drasticamente il tempo che dedichi alle tue conversazioni; si tratta soltanto di eliminare, per esempio, le battute inutili.
  • Monitora i progressi – Ascoltando l’opinione di parenti e amici. Se notano che sei diventato più silenzioso e che parli con più calma, senza urlare, allora significa che hai fatto un buon lavoro.