Assorbente interno, cinque falsi miti da sfatare prima di subito

assorbenti interni
Foto da Canva

Scopri con noi i cinque falsi miti riguardanti l’uso dell’assorbente interno, delle vere e proprie dicerie popolari che è tempo di mettere a tacere.

Svariati pregiudizi ancora circondano l’utilizzo degli assorbenti interni, false credenze il più delle volte che però creano confusione fra noi donne, soprattutto fra le più giovani.

Sfatare tali falsi miti sarebbe importante, non perché l’assorbente interno sia un obbligo ma perché sarebbe bene comprendere che lo si può ritenere una valida alternativa senza conservare alcun timore in merito. E’ importante infatti per una donna sapere che durante quei giorni del mese ha delle opzioni tra cui scegliere, tutte valide e tutte nate per regalarle il miglior supporto possibile. Difficile fare ciò se sull’assorbente interno si hanno solo timori, vi pare?

Proviamo allora oggi insieme a dire addio a cinque false credenze che demonizzano da tempo l’uso dell’assorbente interno.

5 falsi miti sugli assorbenti interni

assorbente interno
Foto da Canva

A esser oneste esistono ben più di cinque falsi miti per quanto riguarda l’uso dell’assorbente interno. Quelli che abbiamo selezionato oggi sono, a nostro parere, i più comuni e diffusi, quelli che veramente sentiamo l’urgenza di sfatare una volta per tutte.

Esploriamo allora insieme queste cinque idee e scopriamo perché sono decisamente infondate.

  1. Se sei vergine non puoi usare l’assorbente interno – Non c’è nessun pericolo poiché il tampone non lacera l’imene, anzi ne è ben lontano
  2. Per fare pipì bisogna togliere l’assorbente interno – Non è assolutamente necessario poiché il tampone non interferisce con l’uretra, inserendosi in tutt’altro canale.
  3. L’assorbente interno porta infezioni – Molte donne evitano di usare il tampone perché pensano che possa provocare cisti ovariche o altri disturbi come l’endometriosi ma le prove scientifiche al riguardo smentiscono tutto ciò.
  4. L’assorbente interno si può perdere al mare o in piscina – Decisamente no, anzi la maggior parte delle donne lo usa proprio in queste circostanze: il tampone, una volta applicato, si gonfia e rimane stabile fino alla rimozione.
  5. L’assorbente interno rischia di non togliersi più – L’eventualità che il tampone rimanga bloccato all’interno del corpo è in realtà molto più che remota, assai meno comune di quanto si tema

LEGGI ANCHE –> L’assorbente interno può bloccare il ciclo? Chiariamo una volta per tutte

A quanti di questi falsi miti credevi? E adesso hai compreso come si tratti di vere e proprie assurdità infondate? Noi speriamo di sì così che anche l’assorbente interno sia da oggi per te un supporto in più di cui avvalersi.