Perchè non troviamo più il tempo per fare l’amore?

coppia intimità
Photo FreePik

Le persone conducono una vita molto frenetica e lasciano poco spazio all’intimità. Perché rinunciano sempre più spesso a fare l’amore?

Vi ricordate di quando vi abbiamo parlato della probabilità che smetteremo presto di fare l’amore? Nel nostro articolo Faremo l’amore fino al 2030 poi castità, faremo un’altra cosa a letto abbiamo costatato che l’attività sessuale è fortemente influenzata da fattori esterni, spesso invasivi.

Come si fa a dedicarsi completamente all’altro se si è troppo stanchi, se si ha un carico mentale troppo pressante, se si hanno degli orari molto stretti, e così via. Il tempo sembra sfuggirci, tra i lavoro, il viaggio per arrivare sul luogo dl lavoro, la casa, la famiglia, i figli,  le relazioni intime possono soffrire di un calo. Queste situazioni sono tanto comuni quanto pericolose perché più si pratica l’astinenza più non si ha voglia di fare l’amore e finire con l’entrare in un circolo vizioso è molto probabile. Inoltre l’astinenza peggiora condizioni quali impotenza, disfunzione erettile, secchezza vaginale, frigidità, anorgasmia, eiaculazione precoce. Molti disturbi sessuali sono collegati ad una bassa libido. Per un fattore sia fisico che psicologico la libido andrebbe sempre stimolata. Le abitudini sessuali che adottiamo su base quotidiana influenzano il modo in cui il nostro corpo risponde alla stimolazione.

LEGGI ANCHE —> La sessualità è il cemento di una coppia: gli errori comuni che la uccidono

Perché dedichiamo meno tempo all’atto sessuale?

coppia sessualità
Photo FreePik

In risposta a questa domanda l’esperta psicologa e sessuologa Laura Beltran, ha esposto i  fattori che potrebbero influire sul comportamento sessuale di un individuo.

La sessuologa ha parlato di un grande cambiamento che si avverte a livello di vita di coppia dal momento in cui si ingrandisce la famiglia e arriva un bambino. Tra i vari impegni e il tempo che assorbono i figli spesso i genitori finiscono per ridurre la quantità dei loro incontri sotto le lenzuola. I figli sono il secondo motivo per cui le coppie smettono di avere rapporti sessuali frequenti dopo la stanchezza.

Da un lato la mancanza di energia non aiuta a praticare un’attività sessuale che è pur sempre un’attività fisica, d’altro canto mantenere una relazione sessuale attiva  migliora la qualità della vita. L’esperta consiglia quindi di trovare un giusto piano di attacco e di pianificare i momenti da dedicare l’uno all’altro, al di la che questi momenti vengano adibiti al sesso o ad altro: “tenerezza, sensualità ed erotismo vengono prima della sessualità” afferma l’esperta.

Ma siete sicuri che sia davvero la stanchezza il motivo per il quale non fate l’amore? La rivista Time, ha citato uno studio supervisionato da Jean Twenge, professore di psicologia. Lo studio ha concluso che oltre a stanchezza, figli o assenza di un partner fisso, vi sarebbe un altro responsabile alla base di rapporti sessuali meno frequenti: l‘accesso all’intrattenimento. Navigare in Internet, in particolare, sposta l’attenzione sessuale su altri interessi.

La dott.ssa Lori Brotto, sessuologa e professoressa di ostetricia all’Università della Columbia si è unita al responso dello studio sopra citato affermando con convinzione che: “la tecnologia in camera da letto, a meno che venga utilizzata per stimolare l’eccitazione, è un deterrente per l’eccitazione sessuale”.

Non siete d’accordo con gli esperti? Siete sicuri di non guardare il cellulare quando ve ne andate a letto? Un sondaggio condotto su 1000 americani ha dimostrato che in proporzione il 60% dei partecipanti a letto guarda il cellulare e il 24% si addormenta con il cellulare in mano.

Un altro fattore che influenza negativamente i rapporti sessuali  è l’impatto della pornografia. A causa della divulgazione di contenuti pornografici le prestazioni sono meno romantiche e le donne sono meno interessate all’atto carnale se non è accompagnato da una connessione emotiva.

Da quando il sesso ha subito una sorta di democratizzazione dopo gli anni 80 l’aumento dei rapporti non ha viaggiato anche con un maggiore aumento del piacere sessuale. Concedersi solo dopo il matrimonio significava fare l’amore in un contesto in cui l’amore e l’appartenenza all’altro era forte e predominante. Fare l’amore con il sentimento è diverso.

A tal proposito, vi siete mai chiesti se fare l’amore prima del matrimonio aiuta o nuoce alla coppia?

La frequenza non riflette in nessun caso la qualità della vita sessuale di una coppia.
Secondo molti esperti le persone entrano nell’ufficio chiedendo quante volte si dovrebbe fare l’amore in una settimana per essere felici,  senza comprendere che quantità e qualità non viaggiano di pari passo.

Mantenere rapporti sessuali regolari è necessario per mantenere alto il desiderio e migliorare la relazione fisica, ma oltre a mantenere una buona connessione fisica bisogna sviluppare una forte connessione emotivaIntimità emotiva nella coppia, cosa fare quando manca?

Infine dovremmo fare in modo che le fantasie del partner siano soddisfatte e anche le nostre, i preliminari giocano a favore in questo senso. Parlare dei nostri desideri e delle nostre fantasie aiuta molto ai fini di una buona soddisfazione sessuale.