Assorbente interno, rischio di perderlo? Scopri come stanno veramente le cose

assorbente interno
Foto da Canva

E’ vero che se metto l’assorbente interno rischio di perderlo? La domanda che in molte si vergognano a porre oggi trova risposta.

Assorbente interno, l’ancora di salvezza in estate quando il ciclo mestruale cerca di frapporsi tra noi donne e una rilassante giornata al mare.

Per molte donne questo supporto è un vero e proprio must tutto l’anno ma per altre resta ancora un intrigo di dubbi, quesiti e perplessità anche un po’ imbarazzanti. Tra queste c’è senza dubbio la domanda più comune, quella che molte pensano ma poche trovano il coraggio di fare: posso perdermi l’assorbente interno?

Scopriamo oggi insieme come stanno veramente le cose.

Posso perdermi l’assorbente interno?

tampax
Foto da Canva

Per rispondere al quesito in questione bisogna innanzitutto comprendere come un assorbente interno “lavora”.

Quando si inserisce un assorbente interno questo si espande delicatamente, rimanendo al suo posto anche se si corre, salta, nuota o, come in una celebre pubblicità, si resta comodamente sdraiate sul divano.

Se inserito correttamente, dunque, il tampone non può uscire da solo, così come non dovrebbe restare bloccato tra le pareti della vagina.

LEGGI ANCHE –> Che cosa succede se dimentico di togliere l’assorbente interno?

Per tutte coloro che temono scene imbarazzanti, come l’assorbente interno che galleggia dietro la povera ragazza che si concede una nuotata oppure una caduta fastidiosa nel bel mezzo di una lunga passeggiata con successiva corsa in bagno, niente paura dunque: si tratta semplicemente di una delle classiche paranoie infondate che perseguitano noi donne un po’ troppo di frequente.

L’assorbente interno può esser dunque da oggi un supporto più che valido e da gestire in totale serenità: abbiamo infatti capito che certo non rischiamo di perderlo e, qualche tempo fa, che è assai rara l’eventualità di non riuscire poi a toglierlo. Siamo pronte dunque a dare un’opportunità al celeberrimo tampax? A voi l’ardua sentenza: la scelta di una tipologia di assorbente piuttosto di un’altra è infatti strettamente personale, legata a esigenze che si rivelano diverse per ogni donna e che ciascuna deve ponderare in piena libertà. L’importante è scegliere con consapevolezza e senza lasciarsi deviare da infondati timori, spesso per noi donne un po’ troppo frequenti.