Saman il corpo potrebbe essere in un pozzo: la confessione del cugino

Entro oggi potrebbe esser ritrovato il corpo della povera Saman, proprio mentre si procede all’interrogatorio di garanzia del cugino.

Si allaga il raggio d’azione per trovare il corpo della giovane Saman, la ragazza pachistana che non si voleva piegare al matrimonio combinato voluto dalla famiglia, quella stessa famiglia che poi, di comune accordo, ha deciso di ucciderla.

Un elettromagnetometro e i pozzi della zona, numerosi e già controllati dai carabinieri ma ora nuovamente scandagliati con personale specializzato dei vigili del fuoco, sono gli oggetti della ricerca in questa giornata.

In particolare sono stati individuati sedici pozzi, tutti nel raggio di un chilometro dall’azienda agricola oramai tristemente nota per quelle riprese che inquadrano lo zio e due cugini di Saman che pale alla mano si allontanano.

Intanto oggi va in scena l’interrogatorio di garanzia del cugino di Saman, iniziato questa mattina (11 giugno) alle 9.20 presso la casa circondariale di Ventimiglia.

facciamo il punto della situazione.

Saman, vicini al ritrovamento del corpo

morte saman
Foto da Instagram @arlopiro

Dopo un colloquio di circa sei ore intercorso ieri con il proprio legale, viene interrogato oggi il cugino di Saman, uno di quelli della tristemente nota ripresa con le pale presso l’azienda agricola in cui lavoravano i famigliari della ragazza.

L’interrogatorio di garanzia si spera possa portare a una confessione e soprattutto al ritrovamento del corpo della ragazza, scomparsa oramai da molti giorni e il cui destino sembra palese, soprattutto in virtù della confessione resa dal fratello sedicenne di lei.

LEGGI ANCHE –> Come intervenire quando si incontra qualcuno che sta subendo molestie in un luogo pubblico: il metodo delle 5D

Intanto però si procede come sopra spiegato a una ricerca autonoma del corpo della giovane. Le autorità hanno individuato sedici pozzi e ora li scandagliano al meglio con l’aiuto dei vigili del fuoco, pronti a calarsi al minimo segnale di qualcosa sul fondo.

La speranza è che il corpo sia lì e non sia stato portato via dalla corrente del canale o occultato in altro modo.

Secondo il capitano dei carabinieri intervistato da Mattino Cinque, oggi potrebbe comunque essere il giorno della verità o, quantomeno, del ritrovamento del corpo della giovane.

Da leggere