E’ troppo presto per conoscere i genitori? Ecco che cosa significa quando lui te lo chiede

Finalmente ti ha fatto la domanda! No, non parliamo di quella di matrimonio, ci dispiace. Ecco cosa fare quando lui ti chiede di conoscere i genitori.

Se solo esistesse un libro contenente regole e tempistiche per avere la relazione perfetta, siamo sicure che sarebbe un vero e proprio best seller di tutti i tempi.
Batterebbe classici utili a tutti, come Il diario di Bridget JonesLa verità è che non gli piaci abbastanza e sarebbe celebrato in tutto il mondo.

Purtroppo (o per fortuna) un libro così non è ancora stato inventato e, quindi, ci tocca barcamenarci tra problemi, ansie e paure… quando parliamo di relazioni!
Oggi cerchiamo di capirci qualcosa quando si mettono in mezzo i genitori: ma tu li hai conosciuti i “suoi”?

Conoscere i genitori: quando è troppo presto (e quando no)

conoscere i genitori
(fonte: Unsplash)

Un tempo, conoscere i genitori del partner rappresentava il non plus ultra del vostro processo di corteggiamento.
(Un tempo… forse lontano, non sapremmo definire quanto). Arrivare a conoscere i futurisuoceri“, più o meno, indicava che la vostra relazione era concreta e stabile e che forse il tuo partner era pronto a fare il passo successivo.

Sia chiaro: anche oggi conoscere i genitori del tuo partner non vuol dire assolutamente niente di brutto, anzi!
Chi presenterebbe (alla propria mamma o al proprio papà) una persona che detesta o con la quale non si immagina un futuro insieme?
(Solo un serial killer, dal quale comunque ti suggeriremmo di scappare a gambe levate e che dovrebbe comunque averti dato qualche altro strano segnale prima di questo).

LEGGI ANCHE –> Ecco cosa non devi assolutamente mai fare quando incontri i suoceri per la prima volta: la lista

Insomma, poco importa (più o meno) la questione in sé: è importante, però, capire quando e come bisogna presentare i propri genitori al partner e conoscere i suoi!
Ovviamente la questione cambia molto a seconda della vostra età, delle città dove vivete e anche, chiaramente, a seconda del vostro tipo di rapporto.

Immaginiamo che la vostra sia una relazione seria, tra due adulti (i liceali conoscono i genitori dell’altro in maniera quasi scontata: il partner vive ancora a casa con i suoi!).
Quando sarebbe il momento migliore per presentare i tuoi genitori o per conoscere i suoi?
La questione può diventare spinosa ma, fortunatamente, uno studio inglese ha stabilito qual è il minimo da far passare prima di “fare la domanda“.

A quanto pare, infatti, conoscere i genitori prima dei quattro mesi è estremamente controproducente e sbagliato.
Tutte le relazioni devono passare un periodo di prova di almeno quattro mesi nel quale, se ci sono dei veri problemi, la relazione potrebbe anche fallire.
Conoscere i genitori prima o durante i quattro mesi è, quindi, un azzardo (ed anche piuttosto grave): a che punto siete tu ed il tuo partner?

Cosa fare (e cosa non fare) quando lui ti chiede di incontrare i suoi genitori per la prima volta

Va bene, ok, ti ha fatto la domanda. Magari non era la domanda che ti aspettavi, con un anello di diamanti ed un amico a riprendervi ma ripeti insieme a noi: non fa niente.
Adesso che il tuo partner ti ha chiesto in maniera abbastanza diretta se e quando vuoi conoscere i suoi genitori che cosa puoi fare?

Ok, niente panico, facciamo un respiro profondo: il nostro primo consiglio è abbastanza semplice ma molto, molto importante.
Fai attenzione alla tua espressione facciale! Non fare smorfie, non sgranare gli occhi e, soprattutto, evita di irrompere in un grido (non sappiamo se di gioia o di terrore).

LEGGI ANCHE –> Vuoi dire “ti amo” ma non sai come fare? Ecco cinque idee che dovresti conoscere per essere originale

Pensa a come vorresti che reagisse lui alla stessa domanda posta da te.
Di certo non vorresti vederlo ululare come un lupo e sbattere la testa al muro (come solo gli uomini sanno fare. Niente paragoneanimalesco” qui).
Anche se pensi che una battuta simpatica o divertente fare finta di svenire, ci sentiamo di dirti di aspettare un secondo prima di partire in quarta con il siparietto.

Se il tuo partner ti chiede di conoscere i suoi genitori, ricordati che è il momento di mostrare tutta la tua educazione.
(Ovviamente dipende anche come lo fa, siamo d’accordo.)
Non devi dire di sì se non ti va (non scherziamo) ma se devi declinare fallo con grazia e senza mentire.
Non inventare impegni (quanto dureranno questi impegni?) e non dire che preferiresti piuttosto andare al patibolo.

Se invece vuoi accettare, non dovresti avere problemi a farlo con grazia e felicità (… vero?).
Conoscere i genitori del proprio fidanzato, ormai, non vuol dire più che state per sposarvi! (O, ad esempio, che le vostre famiglie debbano per forza di cose riunirsi ogni domenica pomeriggio).
Se siete arrivati al punto, però, nel quale vi fa piacere conoscere e presentare i rispettivi genitori, non possiamo far altro che dirvi: ben fatto!

Da leggere