Tartufini salati: svelato il segreto per un antipasto sprint

Bastano pochi ingredienti e un po’ di manualità per preparare i tartufini salati, un antipasto o un finger food da aperitivo davvero stuzzicante

L’estate chiama piatti sempre freschi e che portano via poco tempo e quindi questa volta puntiamo su una ricetta semplicissima ma super fantasiosa. Per preparare i tartufini salati non dobbiamo cuocere nulla e la lavorazione è davvero veloce

Uno stuzzichino da usare come antipasto, come finger food durante un aperitivo oppure un buffet, con ingredienti naturali e anche molto economici. Bastano del formaggio spalmabile (oppure della ricotta vaccina), un po’ di salmone, qualche oliva e poi della granella di frutta secca e dei semi. Ma potete arricchirli come volete, an he passando in un trito di spezie o erbe aromatiche fresche.

Tartufini salati la ricetta passo passo

antipasto

I tartufini salati possono essere preparati con largo anticipo e tenuti in frigorifero anche per un paio di giorni.

Ingredienti:
200 g di formaggio spalmabìle o ricotta
60 g di salmone affumicato
2 cucchiai di granella di nocciole
50 g di olive verdi
2 cucchiai di granella di pistacchio
2 cucchiai di semi di papavero
sale q.b.
2 cucchiai di semi di sesamo
pepe q.b.

Preparazione:

Ci vuole quasi più tempo a raccontarla che a prepararla, questa ricetta. L’importante è tenere tutto sotto mano per quando serve. Quindi versate in una ciotola metà del formaggio cremoso oppure della ricotta e mescolatela con il salmone affumicato spezzettato a mano.
In un’altra ciotola versate la seconda metà del formaggio e mescolatela invece con le olive verdi tagliate a rondelle. A quel punto mescolate bene per amalgamare i sapori, regolate di sale e pepe.

La base per i vostri tartufini salati è pronta e dovete passare alla fase due.
A questo punto utilizzando due cucchiaini come quando formate le quenelles, formate i vostro tartufini salati e lasciateli riposare per 5 minuti in modo che si compattino bene. Poi preparate quattro ciotoline con la granella di nocciole, la granella di pistacchio, i semi di papavero e i semi di sesamo.
Passate ogni tartufino in una granella oppure in un seme a vostra scelta sino ad esaurimento degli ingredienti e fateli aderire bene. Infine quando sono tutti pronti metteteli in un vassoio e infilateli in frigorifero a rassodare per almeno 30-40 minuti.
Tirateli fuori solo poco prima del momento del servizio e metteteli direttamente nei piatti, oppure in un vassoio dal quale si serviranno tutti. Se poi volete dare un tocco di classe, usate dei pirottini come quelli dei dolci.

Da leggere