Maria De Filippi e Amici, l’addio struggente a Michele Merlo: lacrime e parole speciali

Maria De Filippi e Amici dicono addio a Michele Merlo, morto a soli 28 anni a causa di una leucemia fulminante. Le struggenti parole.

E’ un lungo messaggio d’addio quello che Maria De Filippi e tutta la squadra di Amici dedicano a Michele Merlo, l’ex cantante del talent show venuto a mancare a soli 28 anni a causa di una leucemia fulminante.

Michele partecipò ad Amici di Maria De Filippi nel 2017 lo pseudonimo di Mike Bird. Con lui, all’epoca, tra gli altri concorrenti, c’erano anche Riki Marcuzzo e Andreas Muller. Michele aveva colpito tutti per la profondità del suo animo, la sua malinconia, sensibilità, ma anche per quell’inconfodibile sorriso capace di trasmettere gioia a chiunque lo guardasse.

Ed è così che Maria De Filippi e Amici hanno deciso di ricordarlo nel giorno in cui è andato via per sempre.

Il messaggio d’addio di Maria De Filippi e Amici a Michele Merlo: “Profondo, malinconico e solare”

michele merlo
Fonte: https://www.instagram.com/amiciufficiale/

La notizia che nessuno avrebbe voluto dare purtroppo è arrivata. Michele Merlo non ce l’ha fatta ed è venuto a mancare a soli 28 anni. Tanti i messaggi di amici, colleghi e fans e tra i tanti non poteva mancare quello di Maria De Filippi e Amici dove Michele aveva lasciato un bellissimo ricordo.

LEGGI ANCHE—>“Nel mio cuore adesso c’è lui”: struggente dedica di Emma Marrone

Ecco il messaggio di Maria De Filippi e della redazione di Amici:

“Profondo, malinconico nello sguardo e solare nel sorriso.
Così ci sei apparso dal primo momento in cui ti abbiamo visto e così sei rimasto fino all’ultimo giorno che hai trascorso in casetta.
La tua era una malinconia speciale, che lottava ogni secondo con quel sorriso che diceva l’esatto contrario. A volte prevaleva una cosa, a volte l’opposto. Tu eri entrambe le cose. E quando cantavi, quando eri al centro del palco a fare quello che ti piaceva di più al mondo, il tuo modo di essere prendeva il sopravvento e ti faceva mostrare al mondo senza filtri, senza paure. Eri Mike Bird e stavi cantando. Eri nel tuo elemento naturale, la valvola di sfogo per i tuoi pensieri profondi che ti esplodevano in petto e che avevi tanta voglia di condividere con il mondo.
Eri un ragazzo speciale e lo avevamo capito tutti. Avevi un’intensità unica, una capacità di guardarti dentro fin troppo spiccata che a volte ti faceva arrovellare attorno agli umori e alle sensazioni.
Baudelaire diceva che “la sensibilità di ognuno è il suo genio”, la tua era tanta, Mike. Ed è quella sensibilità, quella profondità d’animo e di pensiero, quella capacità di scavare negli abissi dell’animo umano che ci porteremo dentro per sempre.
Fa’ buon viaggio.
Maria e la redazione di Amici”.

Da leggere