Mangi sempre fuori pasto? Ti sveliamo le strategie per smettere di farlo

Ti capita troppo spesso di mangiare fuori pasto? Scopri le strategie che potrebbero tornarti utili.

Ognuno di noi tende ad alimentarsi in modo diverso dagli altri. Ciò dipende da fattori personali e da preferenze alimentari ma tante volte può essere legato anche alla salute e alle esigenze dell’organismo. Esigenze che, inutile dirlo, variano da persona a persona. Per fare qualche esempio, ci sono persone che riescono a star bene limitandosi ai pasti principali ed altre che, invece, hanno bisogno di mangiare più spesso.

Ma cosa fare quando la necessità più forte tra tutte è quella di mangiare fuori pasto? Quest’abitudine, con il tempo, può portare ad alimentarsi male e a prendere peso. Inoltre, se si è a dieta, rappresenta indubbiamente un limite spesso importante alla perdita di peso. La buona notizia è che ci sono delle strategie che si possono mettere in atto per imparare a non mangiare lontano dai pasti o per farlo in modo più corretto e meno rischioso.

Come rimediare ai tanti spuntini fuori pasto

donna che mangia
Fonte foto: Adobe Stock

Se anche tu rientri tra le persone che non riescono a fare a meno di mangiare fuori pasto, la bella notizia è che ci sono delle strategie che possono aiutare a limitare il problema o a farlo sparire addirittura del tutto.

Verificare l’apporto di nutrienti. La prima cosa da fare, se si avverte fame poco dopo aver finito di mangiare è quella di verificare se si stanno introducendo le giuste calorie e, sopratutto, i giusti nutrienti. A volte mangiare troppo poco può far sentire affamati. E, la stessa cosa può dirsi per chi è solito mangiare troppi carboidrati e poche proteine o grassi buoni.

Evitare piatti di pasta in bianco o di riso con le verdure ed aggiungere una quota di proteine e di grassi buoni (olio evo primo tra tutti), può cambiare le cose e mantenere il senso di sazietà molto più a lungo. Un modo per riuscirci è quello di seguire un’alimentazione bilanciata, in grado di equilibrare proprio l’apporto tra i vari nutrienti.

Fare più pasti durante la giornata. Spesso, un buon modo per evitare di mangiare fuori pasto è quello di inserire degli spuntini tra quelli principali. Inserire due spuntini (uno tra colazione e pranzo ed uno tra pranzo e cena) aiuta infatti sia da un punto di vista fisico che psicologico. Sentire lo stimolo della fame e sapere che a breve è ora di mangiare di nuovo dovrebbe infatti aiutare a resistere di più alle tentazioni e questo portando beneficio sia alla salute che alla linea.

LEGGI ANCHE -> Vuoi dimagrire correttamente? Ti sveliamo alcuni trucchi da inserire nella tua dieta

Scegliere cosa mangiare lontano dai pasti. Se la fame che si ha tra un pasto e l’altro è di tipo nervoso, un ottimo stratagemma può essere quello di munirsi di spuntini sani e ipocalorici. Spuntini da poter gustare quando arriva l’impulso di mangiare. In questo modo si eviterà di buttarsi sulla prima cosa che si trova (e che è solitamente ricca di calorie) per mangiare qualcosa di altrettanto buono ma sano. Tra budini proteici, barrette dietetiche e spuntini fit, le scelte sono davvero tante.

È bene ricordare che lo stimolo di mangiare, specie se non strettamente legato alla fame, andrebbe sempre indagato. In questo modo infatti seguire la dieta sarà molto più semplice. Il consiglio, in caso di problemi nel rispettare il proprio piano nutrizionale, è quindi quello di consultare un nutrizionista o, qualora servisse, uno psicoterapeuta.

Da leggere