I migliori trucchi per coltivare bene il ciliegio in giardino. Occhio a questi errori!

Vuoi coltivare un ciliegio in giardino? Se le risposta è sì, allora segui tutte le indicazioni utili. Avrai un albero bello e longevo, che ti regalerà frutti gustosi ogni anno. Scopri di più!

Pollice verde che passione! Sono sempre di più gli italiani che si avvicinano al giardinaggio. Curare piante e fiori, in questi mesi così difficili, ha aiutato a scaricare ansia e stress. Balconi e terrazzi si sono trasformati in piccoli giardini, dando una nota di colore alle giornate scandite da divieti e restrizioni.

Nel 2020 è aumentata la vendita di semi e bulbi. Lo riferisce la Coldiretti. Il trend è destinato a crescere ancora. Gli italiani sono diventati in buona parte ‘green lovers’ e amano dedicarsi alla cura del verde.

In articoli precedenti abbiamo dato consigli utili per curare una begonia, una kalanchoe, un limone in vaso etc. Ora, invece, vogliamo parlare di come coltivare bene un ciliegio nel giardino di casa.

Con piccole accortezze ed evitando alcuni errori, si avrà un bellissimo albero longevo che regalerà frutti gustosi ogni anno. Se anche tu hai il pollice verde e sei ghiotta di ciliegie, allora scopri quali sono le indicazioni da seguire per coltivare un ciliegio in pochi step.

Consigli pratici per coltivare e curare bene un ciliegio

ciliegio
(Adobe Stock)

Il ciliegio è un albero molto resistente. Si adatta subito a tutte le condizioni climatiche; cresce bene persino in Norvegia e Svezia, dove ci sono temperature rigide. Può raggiungere un’altezza massima di 30 metri e, la sua fioritura, è a dir poco incantevole, perfetta per rendere più bello il giardino di casa.

Vediamo insieme quali sono i consigli da seguire per coltivarlo bene in pochi step.

  • No alla coltivazione in vaso! E’ praticamente impossibile per il ciliegio, per due motivi: ha bisogno di molto spazio per ramificare (e quello del vaso non basterebbe) e necessita di molta luce. Quindi, sì alla coltivazione del ciliegio ma solo se hai un giardino.
  • Ecco i due metodi per l’impianto. Puoi acquistare una piantina di ciliegio in un vivaio oppure tentare di utilizzare i noccioli delle ciliegie, con la speranza che possano germogliare. Il primo metodo è più veloce. Il secondo, invece, richiede più tempo e non è detto che dia il risultato sperato. Comunque, se vuoi provare, devi interrare una decina di noccioli. Ti serviranno mesi per capire se la tecnica ha funzionato. Nell’attesa innaffia spesso, soprattutto con il caldo torrido.

LEGGI ANCHE –> Piante da interni che migliorano la qualità dell’aria

  • Preparare bene il terreno. Prima della semina o della messa a dimora della piantina, devi preparare bene il terreno, smuovendolo il più possibile per ammorbidirlo. Usa magari anche un buon fertilizzante. Se non sai quale scegliere, chiedi consiglio al tuo vivaista.
  • Attenzione al periodo per il trapianto. Se vuoi fare prima, acquistando direttamente una piantina di ciliegio dal vivaista di fiducia, sappi che il mese ideale per il trapianto è novembre. Per la messa a dimora, ricorda di fissare la pianta ad alcuni pali con del fil di ferro. Con questa tecnica crescerà bene, trovando il giusto slancio in altezza per il suo sviluppo.
  • Scegli una zona soleggiata. Il ciliegio ha bisogno di molta luce. Quindi, piantalo in un’area del giardino ben soleggiata ma, possibilmente, al riparo dal vento.
  • Come annaffiare e potare. Il ciliegio è molto resistente e non ha bisogno di cure particolari. Per la  sua potatura, limitati a togliere i rami secchi. Inoltre, fai delle annaffiature regolari ma senza eccedere.

Quando il ciliegio cresce bene, dopo qualche anno si possono raccogliere i suoi frutti, di solito tra la metà di maggio e quella di luglio. Hanno tante proprietà benefiche per l’organismo. I consigli da seguire sono davvero pochi e, magari, già il prossimo novembre puoi mettere a dimora una piantina.

 

Da leggere