Come salvare il cibo bruciato? Consigli pratici per la nostra cucina

Può succedere che una salsa, un arrosto, un polpettone ma anche una torta sui brucino. Invece di disperarvi, passate all’azione con alcuni trucchi magici

Che cosa hanno in comune il sugo per la pasta, un ottimo arrosto oppure una deliziosa torta? Sono tutte ricette che prepariamo con le nostre mani, vero. Ma c’è qualcosa in più perché basta un attimo di distrazione, oppure un errore nei tempi, e il disastro è dietro l’angolo. Ma ci sono rimedi efficaci per salvare il cibo bruciato anche quando sembra compromesso?

->>LEGGI ANCHE : Finalmente ora sarà più semplice eliminare l’odore forte di bruciato in cucina con questi incredibili trucchi

In realtà sì, basta qualche piccolo accorgimento per ridare vita ad un piatto che ha decisamente passato il punto della sua cottura ideale. Se il piatto si brucia, possiamo sempre cercare si salvarlo in extremis. La regola di base è quella di fare attenzione ai tempi di cottura ed evitare le distrazioni. Poi però esistono sempre i trucchi e in quello, anche noi cuoche di casa siamo bravissime.

Partiamo con la salsa di pomodoro. Certamente il sapore del bruciacchiato non è piacevole in bocca e non è un buon condimento per la pasta. Quindi cosa dobbiamo fare se ci accorgiamo che si è attaccato al fondo della padella?
Semplice, spegniamo il fuoco e spostiamo tutto in un’altra padelle oppure un’altra pentola tralasciando quello che è rimasto attaccato sul fondo. Poi accendiamo di nuovo, versando un cucchiaino di zucchero per togliere il sapore amaro. E adesso arriva il trucco: dovete pelare una patata piccola e poi infilarla nei rebbi della forchetta. Usatela per mescolare la vostra salsa, servirà per attenuare il sapore di bruciato, perché lo assorbirà in parte.

Come salvare il cibo bruciato? Arrosto e torte si trasformano

adobestock

Un’altra ricetta a rischio è l’arrosto, oppure il polpettone, insomma tutta la carne che prepariamo in forno. Può darsi che non abbiamo messo il timer e quindi non controlliamo bene il tempo in forno, oppure che abbiamo messo una gradazione leggermente superiore a quella che servirebbe per cuocerlo.
Anche in questo caso il rimedio è facile. Tiratelo fuori dal forno e lasciatelo intiepidire. Poi con un coltellino ben affilato rimuovete tutta la parte di carne bruciata che dovete buttare. Poi tagliate la carne a fette sottili e conditele con un po’ di salsa di pomodoro. Così l’arrosto oppure il polpettone diventerà una ricetta diversa, ma almeno l’avrete rimediato.

E le torte? Il metodo parte allo stesso moto. Tiratele fuori dal forno e lasciate raffreddare, poi con un coltello eliminate le parti bruciate che dovete buttare. A quel punto dipende dalla torta che avete preparato. Se è una margherita, ad esempio, potete tagliarla in orizzontale ricavando dei dischi e poi farcirla con crema al cioccolato, crema pasticcera, marmellata. Oppure fare come quando riciclate pandoro, panettone e colomba. Tagliatela a pezzetti, mettetene un po’ in un bicchiere e coprite con crema pasticcera o panna. C’è sempre una soluzione per tutto, basta un po’ di fantasia.

Da leggere