Tuo marito non ti desidera più? Forse il suo è un problema di sonno

Sapevi che un’alterazione del ritmo sonno-veglia può incidere sulla nostra vita sessuale e far sparire il desiderio dalla coppia?

risveglio coppia
Foto da Canva

Il tuo lui non ti desidera più? Prima di pensare al peggio fermati a riflettere, la causa potrebbe essere molto più banale e molto meno insidiosa di quanto sospetti.

Un interessante spunto ce lo fornisce proprio il recente Lockdown, periodo dopo il quale molte coppie hanno accusato un calo del desiderio quasi ineluttabile.

Secondo quando rilevato dalla SIA Società Italiana di Andrologia, durante il lockdown della scorsa primavera, 6 uomini su 10 hanno iniziato a patire disfunzioni sessuali che perdurano, purtroppo, per il 24% di loro, ancora ad oggi.

E pensare che tutti avevamo ipotizzato un profluvio di pancioni post chiusura: che cosa ha sconvolto questi piani? A quanto pare il sonno.

Eh già perché lo stress altera il ritmo sonno-veglia e quest’ultimo, a sua volta, intacca la sfera sessuale. Proviamo a capire meglio la questione e, soprattutto, come risolverla.

Se tuo marito non ti desidera più può esser questione di sonno

coppia a letto
Foto da Canva

«La funzione erettile è finemente regolata dall’orologio biologico. L’alterazione dei ritmi circadiani indotta porta a modifiche nella produzione del testosterone, ormone che di norma viene sintetizzato in maggior quantità al mattino e prodotto in minor misura alla sera: restare svegli di notte modifica il ciclo di produzione dell’ormone»

Spiega ciò Tommaso Cai, segretario SIA. Come intervenire allora per migliorare la situazione?

Naturalmente il problema è da affrontare alla radice. Occorre innanzitutto mettere la questione nella giusta ottica, non drammatizzare e comprendere che si tratta di qualche cosa perfettamente normale e, al tempo stesso, più che risolvibile.

LEGGI ANCHE –> Ecco il metodo per migliorare i rapporti che non prevede giochi, tecniche particolari o posizioni impossibili

Qualora il problema persistesse ci si dovrà ovviamente rivolgere a un esperto. Se così verrà confermato il legame tra disfunzione erettile e insonnia allora è su quest’ultima che dovremo lavorare.

Potremmo limitarci a qualche esercizio di rilassamento o qualche tisana e rimedio naturale per favorire il sonno. In alternativa rivolgersi a uno psicologo è sempre la scelta più giusta, il miglior modo periodare a fondo del problema capirne i motivi e affrontarlo con successo.

Tolto lo stress, per il tuo lui tornerà il sonno e con esso anche il desiderio. Risultato, una vita di coppia più felice per entrambi e una crisi risolta sul nascere: che cosa volere di più?

 

Da leggere