Corri ma non perdi peso? Ecco gli errori più comuni che commettono i runner

Se appartieni a quella schiera di sportivi che amano correre ma non vedi l’ago della bilancia scendere ecco gli errori più comuni che, come molti runner, stai commettendo. 

Molti pensano che basta correre per perdere peso ma non è affatto così. C’è anche chi corre ma non vede mai l’ago della bilancia scendere. Quali sono gli errori più comuni che commettono i runner?

Spesso corriamo per diversi chilometri e poi ci chiediamo: “Quante calorie avremo bruciato?”. Non è poi così semplice stimare le calorie perse, anzi, tutto il contrario. Uno degli errori che spesso i corridori commettono è proprio il calcolo errato delle calorie.

Scopriamo allora come migliorare le nostre performance così da veder finalmente scendere davvero anche l’ago della bilancia: ecco tutti gli errori più comuni commessi dai runner e come è possibile correggerli.  

Sei un runner ma non perdi peso? Ecco gli errori che probabilmente stai commettendo

errori runner
Fonte: Canva

Nonostante il duro allenamento e i chilometri percorsi l’ago della bilancia non scende? Da cosa può dipendere ti sarai chiesto più e più volte.

Ebbene, come molti runner stai probabilmente alcuni tra i più comuni errori: scopriamo di cosa si tratta per ottimizzare gli sforzi e perdere peso.

1) Calcolare le calorie senza uno strumento. In media l’uomo brucia 70 calorie ogni chilometro corso e la donna 50. Questa misura è però solo indicativa. Ecco perché per essere sicuri di avere una stima precisa dobbiamo dotarci di uno strumento apposito come un calcolatore online o un orologio GPS dove possiamo inserire i nostri dati.

2) Abolire i grassi. Naturalmente non parliamo dei grassi cattivi ma di quelli buoni, ovvero gli acidi grassi mono e polinsaturi che possiamo trovare nell’olio d’oliva, nella frutta secca come noci, ma anche nei semi, nell’avocado o nel pesce. Per assorbire le vitamine quali A, D, E e K, e per regolare la fame i grassi servono.

LEGGI ANCHE –> Come bruciare calorie stando seduti: ecco come dimagrire se lavori in smart working

3) Correre a digiuno. Questa pratica è errata perché anziché bruciare i grassi consumeremo i carboidrati assunti il giorno prima e poi andremo a bruciare i grassi ma il livello di energia calerà subito facendoci rallentare. Se invece mangiamo un piccola quantità di carboidrati e proteine riusciremo a bruciare molto di più.

4) Non mangiare niente dopo l’allenamento. Capita di non aver fame dopo un grosso sforzo ma quando ci saremo ripresi saremo ancora più affamati. Ecco che allora è opportuno mangiare qualcosa entro un’ora dalla fine dell’allenamento così da non avere attacchi di fame.

errori runner
Fonte: Canva

5) Esagerare con bevande zuccherate e alcol. Entrambi sono fonti di calorie e anche se mangiamo poco ma poi recuperiamo con bibite zuccherate o aperitivi alcolici ecco che l’ago della bilancia non scenderà così facilmente. Scegliamo allora acqua, tisane o tè ma senza zuccheri. Se siamo appassionati di vino potremo concederci un bicchiere al giorno, e due per gli uomini.

6) Non esagerare con barrette energetiche. Non otterrai in questo modo un vero e proprio senso di sazietà. Se corri più di un’ora allora puoi assumere questi prodotti anche sottoforma di gel o bevande ma sempre non esagerando con le quantità. Inoltre, è sempre bene chiedere consiglio a un esperto o a un medico prima di procedere con il fai da te.

7) Pensare di ottenere risultati veloci. Ottenere rapidi dimagrimenti non è la via giusta. Iniziare a piccoli passi invece porterà a dei risultati molto più duraturi.

Da leggere