Non riesci a dimagrire? Forse stai commettendo questo errore

Hai problemi nel perdere peso? C’è un errore insospettabile che forse stai commettendo anche tu.

Quando si decide di perdere qualche chilo di troppo, spesso ci si limita a cambiare modo di mangiare. E ciò si traduce quasi sempre nel ridurre le calorie e nel seguire nuovi stili alimentari non sempre adatti allo scopo.

Negli ultimi anni, infatti, gli studi hanno dimostrato che tante delle credenze di un tempo sono decisamente errate e obsolete. Il problema è che ancora non tutti lo sanno e spesso alcune tornano di moda grazie a qualche dieta del momento, rendendo la perdita di peso ancor più difficile. Una tra tutte? Quella di non consumare grassi durante i pasti.

Se non perdi peso forse è perché hai eliminato i grassi dai tuoi pasti

grassi buoni
fonte foto: Adobe Stock

Partiamo dal presupposto che, quando si parla di cibo, ci sono grassi e grassi. Cercare di eliminare o quantomeno ridurre quelli saturi è sempre corretto, non solo per dimagrire ma anche per mantenersi in salute. Ci sono però altri grassi che molti si ostinano ad eliminare e che invece sono importantissimi. Dall’olio extra vergine d’oliva, ai grassi contenuti nel pesce e nella frutta secca, ci sono scelte che bisognerebbe introdurre ad ogni pasto.

Il motivo? I grassi buoni, oltre ad offrire un buon senso di sazietà e a far bene al cervello e, in generale, a tutto l’organismo, sono anche responsabili dell’abbassamento degli zuccheri nel sangue.

In sostanza, mangiare un piatto di pasta senza olio o parmigiano porta a prendere più peso rispetto ad uno con olio extra vergine d’oliva. Perché se è vero che un cucchiaio di olio può far aumentare le calorie di un pasto è anche vero che ne abbassa la glicemia e la conseguente emissione di insulina da parte dell’organismo. Un processo che porta a perdere peso più facilmente e che riduce al contempo il senso di fame.

Come usare i grassi nel modo giusto

olio
Foto:Adobe Stock

Come già detto, per far si che i grassi siano amici della dieta è importante scegliere quelli giusti e inserirli nel modo appropriato. Andando a quelli che non dovrebbero mai mancare ricordiamo:

  • L’olio extra vergine d’oliva
  • La frutta secca
  • Il ghee
  • L’avocado
  • Il salmone o altri pesci grassi
  • Le uova biologiche (da consumare con moderazione)
  • Ricotta di pecora o di capra

Vanno invece aboliti e limitati al massimo le carni rosse, gli insaccati, il burro, e tutti i grassi idrogenati o interni a prodotti confezionati.

Andiamo ora a vedere come inserire alcuni grassi buoni nella dieta di tutti i giorni.
A colazione si può mangiare uno yogurt greco con della frutta secca o preparare un pancake con dell’olio o del burro ghee. Si può anche mangiare una fetta di pane integrale con della crema di arachidi o di qualche altra frutta secca.

LEGGI ANCHE -> Mangeresti sempre pasta ma non puoi? Questo ingrediente ti lascerà di stucco

A pranzo e a cena si possono condire gli alimenti con olio extra vergine d’oliva (preferibilmente bio, estratto a freddo e in bottiglia di vetro). Si possono inoltre inserire salmone, uova e formaggi magri come la ricotta.

cucchiaio olio
fonte: Adobe Stock

Per gli spuntini, invece, si può mangiare del pane integrale con dell’avocado o della semplice frutta secca. Ovviamente bisognerà tenere sempre conto dell’apporto calorico non esagerando mai nelle quantità ma evitando anche di escluderli del tutto.

In questo modo perdere peso sarà più semplice e, inutile dirlo, più piacevole. Come sempre, in caso ci sia la necessità di perdere diversi chili, consigliamo di rivolgersi ad un buon nutrizionista in modo da ottenere un piano alimentare personalizzato e adatto alle proprie esigenze.

Da leggere