Sole e sport all’aria aperta, come proteggersi

La primavera regala le prime giornate di sole e i primi tepori. Tempo di sport all’aria aperta e prime tintarelle. Proteggersi dai raggi ultravioletti e utilizzare delle creme solari ad alta protezione è il must per mantenere in salute la pelle.

Parola d’ordine: abbronzarsi con intelligenza. Come? Con la gamma Mustela dedicata a neonati, bambini e a tutta la famiglia. Grazie al nuovo sistema di filtri organo-minerali, questa linea di prodotti assicura una difesa cellulare rafforzata, preservando l’epidermide. Le protezioni solari Mustela aiutano inoltre a prevenire i danni provocati dalla luce, grazie ad un mix di principi attivi vegetali derivanti dall’avocado, associati alle proprietà antiossidanti della vitamina E, formula resistente all’acqua salata, clorurata e forte resistenza alla sabbia.

Tra le referenze in gamma, lo Stick Solare MUSTELA Viso e Corpo entra in azione nello specifico per tutte le parti sensibili del corpo, ovvero quelle zone maggiormente esposte ai danni del sole: eritemi e scottature in primis, ma anche altre patologie più gravi, che a posteriori necessitano di cure più lunghe e dolorose.

Proteggere le zone più sensibili come naso, orecchie, labbra, cicatrici e tatuaggi è fondamentale per prevenire scottature o nel caso di nei, anche la comparsa di tumori della pelle, poiché il 35% di questi si sviluppa da una macchia preesistente sulla cute. Come farlo nel modo più sicuro? Con il filtro solare in stick Mustela SPF 50+, più pratico e pensato appositamente per questo tipo di applicazione localizzata.

Diversamente dalle altre zone del corpo, le labbra possiedono uno strato sottile di pelle, privo di melanina, naturale filtro UV e, pertanto, sono particolarmente vulnerabili all’azione violenta e a volte apparentemente inoffensiva dei raggi solari. Inoltre, sono le prime a manifestare i segni della disidratazione, poiché non hanno le ghiandole sebacee, perciò perdono una quantità d’acqua fino a dieci volte superiore a quella del resto del corpo.

Il derma della bocca è particolarmente sensibile e facilmente soggetto al rischio scottatura: difatti ciò che accade è che il collagene, proteina che dà forma ed elasticità al labbro e che aiuta a prevenire la comparsa delle rughe, può subire un danno prolungato. Se non impariamo a proteggere questa zona e la esponiamo al sole intenso, il collagene cambia struttura favorendo l’invecchiamento cellulare e la comparsa di rughe e linee sottili intorno alla bocca. È quindi facile intuire che non tutti i danni localizzati provocati dal sole si manifestino con sintomi fisici riconoscibili sin da subito ed è quindi davvero importante proteggere il nostro sorriso, soprattutto quando corriamo, o passeggiamo, ricordandoci, inoltre, di idratarci e dissetarci gradualmente.

Non dimentichiamoci che le scottature non sono da considerarsi come banali inestetismi momentanei, bensì come l’anticamera di lesioni profonde della pelle, che solo con un po’ di accortezza e buon senso potremmo evitare.

Parliamo di Cheilite attinica, patologia precancerosa che insorge per effetto delle radiazioni ultraviolette, conosciuta anche con il nome di “labbra da marinaio”. Si manifesta come perdita della demarcazione tra il labbro e la pelle circostante, gonfiore e rossore iniziali e poi secchezza persistente, desquamazione, e croste.

Meno grave, ma pur sempre molto fastidioso è l’Herpes labiale, che richiede cure specifiche e costanti, pertanto la prevenzione, per coloro che soffrono di questa patologia anche molto frequentemente, attraverso la protezione solare è di fondamentale importanza.

Non dimenticate di mettere nel vostro beauty case e in quello dei vostri cari un prodotto che protegga le zone sensibili del vostro corpo, utilizzandolo prima e durante l’attività sportiva o ricreativa all’aperto. Perché, se sappiamo proteggerci, ne guadagniamo tutti in benessere fisico e mentale. L’estate e il sole non faranno più paura e sapremmo godercelo, in piena salute.

Da leggere