Mangeresti sempre pasta ma non puoi? Questo ingrediente ti lascerà di stucco

Se sei un’amante della pasta ma a causa della dieta non puoi mangiarla ogni giorno, c’è un alimento che fa al caso tuo. Si tratta degli shirataki.

Quando ci si mette a dieta, specie se seguiti da un nutrizionista, può capitare che per un certo arco di tempo vengano esclusi o ridotti alcuni alimenti di uso quotidiano. Uno tra questi (come accade spesso nelle diete chetogeniche) è la pasta.

Un cibo che molti mangiano ogni giorno e in grandi quantità e senza il quale non riescono proprio a stare. Per fortuna, la natura ci viene incontro con un ingrediente a molti sconosciuto ma in grado di fare la differenza.

Gli shirataki, la pasta perfetta per chi è a dieta

shirataki pasta
Fonte foto: Canva

Se anche tu ti trovi a non sapere come sostituire la pasta, sappi che esiste un’ingrediente che può aiutarti a colmare questo bisogno. Si tratta degli shirataki, un tipo di pasta (e non solo) che arriva dall’Asia e che è quasi del tutto privo di calorie e di carboidrati. Motivo per cui si può inserire in qualsiasi tipo di dieta.

Realizzati a partire dal kojiac (che è una sorta di tubero molto usato in Giappone), gli shirataki si trovano ormai sotto forma di farina, di panetti da tagliere e inserire nel brodo e, cosa ancor più speciale, di pasta. Questa si può trovare sia in versione tradizionale (solitamente venduta in buste contenente un liquido) che essiccata. E, in entrambi i casi, si rivela un ingrediente estremamente prezioso.

Disponibile sotto forma di spaghetti, penne e anche fusilli ha la prerogativa di non avere alcun sapore e di prendere quello dei condimenti che l’accompagnano. Per questo motivo basta condirla con un buon sugo di pomodoro o con un ragù di verdure per ottenere un piatto in grado di soddisfare il palato e di rendere al contempo meno penosa la dieta.

LEGGI ANCHE -> Sei a dieta? Scegli questi cibi croccanti. Il motivo ti sorprenderà

Ottimi che per chi soffre di diabete, chi segue una chetogenica o chi, più semplicemente, ha voglia di sperimentare gusti nuovi, gli shirataki consentono di gustare la pasta in vari modi senza apportare zuccheri e calorie. Inoltre sono naturalmente privi di glutine e di lattosio rivelandosi un ingrediente che va bene a tutti. Unico accorgimento andrebbe preso in caso di allergia al nichel.

Trattandosi di una radice, infatti, non possono essere mangiati nella fase detox, mentre per la reintroduzione è opportuno chiedere ad un nutrizionista che sia esperto di questa allergia.

CheDonna YouTube
Segui anche tu CheDonna su YouTube, clicca l’immagine ed entra nella nostra community!

Ricchi di fibre hanno inoltre la caratteristica di assorbire molta acqua. Ciò li porta a gonfiarsi ed aumentare notevolmente il senso di sazietà. Un’altra qualità che li rende dei veri amici di chi è a dieta.

Shirataki di konjack: oltre ad essere buoni fanno anche bene

shirataki
fonte foto: Canva

Ora che abbiamo scoperto perché gli shirataki sono così validi, scopriamo anche quali sono le loro particolari proprietà benefiche. Tra le più importanti ricordiamo:

  • Sono privi di grassi
  • Non alzano la glicemia nel sangue
  • Abbassano i livelli di glucosio
  • Sono privi di lattosio
  • Donano un buon senso di sazietà
  • Sono privi di glutine (a meno di non acquistarli misti ad altre farine)
  • Favoriscono il transito intestinale
  • Aiutano a contrastare il colesterolo alto

Tra le controindicazioni ricordiamo che il konjac è anche in grado di assorbire molti principi attivi. Per questo motivo bisogna prestare attenzione se si assumono farmaci o terapie di qualsiasi genere.

Come mangiare gli shirataki

Se si desidera consumare gli shirataki come pasta li si può preparare e condire come si farebbe normalmente con la pasta. Trattandosi di un alimento che di per se non ha alcun sapore il consiglio è quello di usare spezie e condimenti gustosi ed in grado di insaporirli. Qualche esempio?

  • Spaghetti di shirataki con sugo e parmigiano
  • Fettuccine con ragu di carne
  • Lasagne di shirataki con sugo di verdure
  • Spaghetti con i frutti di mare
  • Fusilli di shirataki con verdure
  • Rigatoni di shirataki con zucca e ricotta

Come sempre, prima di inserire un nuovo alimento nella propria dieta si consiglia di sentire il parere del proprio medico curante o del nutrizionista e di iniziare assumendone sempre una piccola quantità in modo da evitare problemi in caso di allergie agli ingredienti.

Da leggere